Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I futures azionari restano in tensione in attesa delle buste paga statunitensi: i mercati si chiudono

I futures azionari restano in tensione in attesa delle buste paga statunitensi: i mercati si chiudono

(Bloomberg) – I futures azionari statunitensi sono rimasti invariati venerdì mentre i trader hanno tenuto d’occhio il cruciale rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti per ulteriori indizi sul fatto che il mercato del lavoro si stia raffreddando abbastanza rapidamente da consentire alla Federal Reserve di tagliare i tassi di interesse. Le obbligazioni crollarono.

I più letti da Bloomberg

I futures dell’S&P 500 e del Nasdaq 100 sono rimasti poco cambiati dopo che l’entusiasmo per l’intelligenza artificiale e le prospettive per le grandi aziende tecnologiche hanno spinto gli indici in rialzo rispettivamente dello 0,8% e dell’1,5%, giovedì. I titoli del Tesoro hanno oscillato in vista del rapporto sull’occupazione, con il rendimento a 10 anni in rialzo al 4,18%, dopo essere sceso dal 4,25% di inizio settimana.

Il rapporto di venerdì sulle buste paga non agricole è fondamentale per i trader che valutano se le scommesse su un significativo allentamento della politica della Fed il prossimo anno siano giustificate o se siano andate troppo oltre. Di fronte ai segnali di un rallentamento dell’inflazione e della crescita salariale, i trader hanno alimentato le loro scommesse su tagli di almeno 1,25 punti percentuali nei prossimi 12 mesi. Si tratta di più del doppio di quanto affermato dagli stessi funzionari della Fed, i quali, pur segnalando di aver finito di aumentare i tassi di interesse, si sono anche affrettati ad avvertire che qualsiasi discorso di tagli è prematuro per ora.

“C’è una visione più ottimistica sul 2024, la sensazione che la battaglia contro l’inflazione sia stata vinta e che i tassi di interesse cadranno. La domanda ora è quanto velocemente avremo i tassi di interesse”, ha affermato Gerry Thomas, direttore IT globale per le azioni di Saracen & Partners: “Molto alta rispetto a dove la gente pensa che sarà l’inflazione, il che significa che tutti gli occhi sono puntati sui dati sull’occupazione”.

READ  La domanda di mutui è diminuita nonostante i tassi di interesse più bassi

Secondo le previsioni mediane degli economisti intervistati da Bloomberg, i dipendenti sono cresciuti di 183.000 unità il mese scorso, dopo l’aumento di 150.000 unità di ottobre, mentre il tasso di disoccupazione è rimasto stabile al 3,9%.

Secondo i dati EPFR Global, i gestori di fondi hanno ritirato 4,8 miliardi di dollari dai titoli del Tesoro, il più grande deflusso settimanale dall’agosto 2022, nel periodo precedente al rapporto sul mercato del lavoro.

I trader obbligazionari corrono davanti alla Fed e affrontano la realtà dei controlli dei dati sul lavoro

Secondo Anna Wong e Stuart Paul di Bloomberg Economics, la risoluzione dello sciopero della United Auto Workers negli Stati Uniti aumenterà le buste paga non agricole per novembre, ma un sondaggio più debole sulle famiglie sarà più rivelatore di condizioni in rapido rallentamento nel mercato del lavoro.

“È difficile per chi cerca lavoro trovare lavoro, e lunghi periodi di disoccupazione di solito portano successivamente ad aumenti sostenuti del tasso di disoccupazione”, hanno scritto in un rapporto. “La nostra opinione è che la recessione probabilmente sia iniziata a ottobre”.

Altrove, lo Stoxx 600 europeo ha guadagnato lo 0,4%, mantenendo il ritmo dell’indice per la quarta settimana di avanzamento.

Nel commercio valutario, il dollaro ha avuto una performance contrastante rispetto alle principali valute. Lo yen ha cancellato l’avanzamento che lo aveva portato al suo livello più forte da agosto, alimentando la speculazione secondo cui la Banca del Giappone inizierà presto ad aumentare il suo tasso di interesse di riferimento sotto lo zero.

Per quanto riguarda le materie prime, il petrolio ha registrato un rialzo, ma è rimasto sulla rotta della serie di perdite settimanali più lunga dal 2018, a causa dei timori di un eccesso globale. L’oro è sulla buona strada per registrare il suo primo calo settimanale in quattro settimane.

READ  Elon Musk si è offerto di acquistare Twitter a un prezzo inferiore nelle recenti conversazioni

Principali eventi di questa settimana:

Alcuni movimenti chiave nei mercati:

I negozi

  • I futures S&P 500 erano poco cambiati alle 6:09, ora di New York

  • I futures del Nasdaq 100 sono rimasti poco cambiati

  • I futures del Dow Jones Industrial Average sono rimasti poco cambiati

  • L’indice Stoxx Europe 600 è salito dello 0,4%.

  • L’indice MSCI World è rimasto poco cambiato

Valute

  • L’indice Bloomberg Dollar Spot è rimasto poco cambiato

  • C’è stata una variazione minima nell’euro a 1,0785 dollari

  • La sterlina britannica è scesa dello 0,1% a 1,2578 dollari

  • Lo yen giapponese è sceso dello 0,3% a 144,53 yen rispetto al dollaro

Valute digitali

  • Bitcoin è rimasto poco cambiato a $ 43.391,01

  • Ethereum è sceso dello 0,5% a 2.359,03 dollari

Obbligazioni

  • Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è aumentato di tre punti base al 4,18%.

  • Il rendimento delle obbligazioni tedesche a 10 anni è salito di cinque punti base al 2,24%.

  • Il rendimento delle obbligazioni britanniche a 10 anni è aumentato di sette punti base al 4,04%.

Merce

Questa storia è stata prodotta con l’assistenza di Bloomberg Automation.

I più letti da Bloomberg Businessweek

©2023 Bloomberg L.P