Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I governi latinoamericani condannano l'Ecuador dopo l'irruzione della polizia nell'ambasciata messicana | Ecuador

I governi latinoamericani condannano l'Ecuador dopo l'irruzione della polizia nell'ambasciata messicana |  Ecuador

I governi di tutta l’America Latina – compreso il Brasile, uno dei pesi massimi regionali – hanno espresso sostegno al Messico dopo che la polizia ha fatto irruzione nella sua ambasciata in Ecuador alla ricerca di un politico controverso che era stato protetto dalle autorità messicane.

Città del Messico ha sospeso i rapporti con Quito dopo che l'ex vicepresidente dell'Ecuador Jorge Claus è stato arrestato venerdì sera, innescando una straordinaria infiltrazione diplomatica e l'arresto da parte del governo del presidente messicano Andrés Manuel López Obrador. Un atto “autoritario”, oltre che una violazione del diritto internazionale e della sovranità del Messico.

Il governo del presidente ecuadoriano Daniel Nobo ha sostenuto che la protezione dell'asilo è illegale a causa delle accuse di corruzione che Glas deve affrontare.

Secondo il diritto internazionale, le ambasciate sono considerate territorio sovrano del paese che rappresentano.

Sabato, i governi di tutto lo spettro politico dell’America Latina – tra cui Brasile e Colombia a sinistra, Argentina e Uruguay a destra – hanno criticato aspramente l’arresto di Glass, che è rintanato nell’ambasciata da dicembre.

Il governo brasiliano ha condannato la mossa dell'Ecuador come una “chiara violazione” delle norme internazionali che vietano tali raid contro un'ambasciata straniera.

L'azione dell'Ecuador contro l'ambasciata “deve essere oggetto di una forte smentita, qualunque sia la giustificazione per la sua attuazione”, secondo una dichiarazione del Ministero degli Esteri brasiliano, che ha sottolineato la solidarietà di Brasilia con il Messico.

Il Nicaragua ha formalmente interrotto sabato “tutti i rapporti diplomatici” con l'Ecuador, ha annunciato il governo nicaraguense in una nota.

L'ex vicepresidente ecuadoriano Jorge Claus è stato arrestato dalla polizia a Quito. Foto: Anatolu/Getty Images

In un video circolato sui social media, Klaus è stato visto scortato da un convoglio della polizia all'aeroporto di Quito. Quindi salì su un aereo diretto alla prigione di Guayaquil, la città più grande dell'Ecuador.

READ  I futures azionari scendono tra le restrizioni del governo cinese e la settimana degli utili ricca

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Matthew Miller ha affermato che gli Stati Uniti condannano la violazione della convenzione che protegge le missioni diplomatiche. Nella sua dichiarazione ha aggiunto che gli Stati Uniti incoraggiano “i due paesi a risolvere le loro divergenze secondo le norme internazionali”.

In un'intervista con l'emittente locale Milenio sabato mattina, la massima diplomatica messicana, Alicia Barcena, ha espresso shock per l'incursione dell'Ecuador nell'ambasciata del paese, situata nel distretto finanziario di Quito, affermando che alcuni membri del personale dell'ambasciata sono rimasti feriti nel raid. Ha aggiunto che a Glass è stato concesso l'asilo dopo un'analisi approfondita delle circostanze relative alle accuse che deve affrontare.

Il ministero degli Esteri messicano ha annunciato che presenterà una denuncia alla Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite per “gravi violazioni del diritto internazionale”.

Sabato, l'Organizzazione degli Stati Americani con sede a Washington ha chiesto colloqui per risolvere il crescente conflitto tra Ecuador e Messico, aggiungendo in una dichiarazione che “il Consiglio Permanente dell'organismo si riunirà per discutere la necessità di un rispetto più rigoroso degli accordi internazionali, compresa la garanzia della diritto d’asilo”.

Nel frattempo, il presidente colombiano Gustavo Pedro, in un editoriale su X, ha sostenuto che l'America Latina “deve mantenere vivi i dettami del diritto internazionale di fronte all'avanzare della barbarie nel mondo”. Secondo una dichiarazione separata, il governo di Petro ha affermato che cercherà di tutelare legalmente i diritti umani per il vetro ora sequestrato.

Glass, che è stato condannato due volte per corruzione, risiede presso l'ambasciata a Quito da quando ha chiesto asilo politico a dicembre, richiesta che il Messico ha accolto venerdì.

READ  Il test di Gwyneth Paltrow su 10 punti

I funzionari ecuadoriani hanno chiesto senza successo il permesso del Messico di entrare nell'ambasciata e arrestare Claus.

Nel 2017, Klaus, un uomo di sinistra ed ex comandante in seconda dell’ex presidente Rafael Correa, è stato condannato a sei anni di prigione dopo aver scoperto che aveva accettato tangenti in cambio dell’assegnazione di appalti governativi alla società di costruzioni brasiliana Odebrecht. .

Di fronte a un nuovo mandato d'arresto per accuse di corruzione, Glass ha affermato di essere stato vittima di persecuzione politica, un'accusa che il governo ecuadoriano ha negato.