Maggio 26, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I mercati globali si stanno preparando alle ripercussioni dell’intensificarsi delle tensioni in Medio Oriente

I mercati globali si stanno preparando alle ripercussioni dell’intensificarsi delle tensioni in Medio Oriente

Carri armati israeliani a seguito di un’infiltrazione di massa di militanti di Hamas dalla Striscia di Gaza, nel Kibbutz Beri, nel sud di Israele, il 14 ottobre 2023. REUTERS/Violeta Santos Mora Ottenere i diritti di licenza

WASHINGTON (Reuters) – La guerra tra Israele e Hamas ha messo maggiormente a fuoco i rischi geopolitici per i mercati finanziari, mentre gli investitori attendono di vedere se il conflitto attirerà altri paesi con il potenziale di aumentare ulteriormente i prezzi del petrolio e sferrare un nuovo colpo. all’economia globale.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso domenica di “distruggere Hamas” mentre il suo esercito si prepara per le operazioni di terra a Gaza per eliminare il gruppo militante il cui assalto mortale attraverso le città di confine israeliane ha sbalordito la nazione.

Venerdì i prezzi del petrolio sono aumentati di circa il 6%, poiché gli investitori hanno apprezzato la possibilità di un conflitto più ampio in Medio Oriente. La prima indicazione di una reazione agli sviluppi del fine settimana arriverà probabilmente quando, più tardi, domenica, inizieranno le negoziazioni di petrolio in Asia.

“Sembra che ci stiamo dirigendo verso un’invasione terrestre su larga scala di Gaza con significative perdite di vite umane”, ha affermato Ben Cahill, membro senior del Programma per la sicurezza energetica e il cambiamento climatico presso il Centro per gli studi strategici e internazionali (CSIS). . “Ogni volta che si verifica un conflitto di questa portata, si avrà una reazione da parte del mercato”.

La reazione del mercato la scorsa settimana è stata relativamente debole, anche se lo shekel israeliano ha subito un forte colpo.

READ  I piani di finanziamento di Virgin Orbit falliscono, le operazioni cesseranno e i lavoratori verranno licenziati
Grafica Reuters

“Non ho idea se i mercati si comporteranno ancora relativamente bene”, ha affermato Erik Nielsen, capo consulente economico del gruppo UniCredit Bank. “Dipende certamente dal fatto che quest’ultimo conflitto rimanga locale o che si trasformi in una guerra più ampia in Medio Oriente”.

Venerdì l’indice S&P 500 è sceso dello 0,5%. Venerdì l’oro è stato acquistato in beni rifugio di oltre il 3% e il dollaro USA ha toccato il massimo di una settimana.

È probabile che l’espansione del conflitto provochi anche inflazione e, come sottoprodotto, un’accelerazione dei tassi di interesse in tutto il mondo, ha affermato Bernard Baumol, capo economista globale presso l’Economic Forecast Group di Princeton, nel New Jersey.

Tuttavia, Baumol ha osservato che mentre l’inflazione e i tassi di interesse probabilmente aumenterebbero in altri paesi in questo scenario peggiore, gli Stati Uniti potrebbero rappresentare un’eccezione poiché gli investitori stranieri pompano i loro capitali in quello che vedono come un rifugio sicuro durante il conflitto globale.

“I tassi di interesse potrebbero scendere”, ha detto. “Ci aspettiamo che il dollaro si rafforzi”.

In Europa, gli economisti ritengono che l’ostacolo ad un altro aumento dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Europea sia elevato.

La guerra tra il movimento islamico Hamas e Israele costituisce uno dei rischi geopolitici più importanti per i mercati petroliferi dall’invasione russa dell’Ucraina lo scorso anno.

“Se la guerra in Ucraina ci ha insegnato qualcosa, è a non sottovalutare l’impatto della geopolitica”, ha detto George Moran, economista europeo di Nomura, in un podcast bancario una settimana fa.

Altri mercati energetici potrebbero essere colpiti, come si è visto nei recenti sviluppi come Chevron (CVX.N) che ha bloccato le esportazioni di gas naturale attraverso un importante gasdotto sottomarino tra Israele ed Egitto.

READ  Il ristorante londinese Salt Bae spegne il riscaldamento nonostante un profitto di 4 milioni di dollari

Gli analisti hanno notato che l’aumento dei prezzi del petrolio difficilmente avrà un impatto significativo sui prezzi del gas negli Stati Uniti o sulla spesa dei consumatori.

Jack Ablin, chief investment officer di Cressit Capital, ha affermato che la situazione deve essere monitorata.

“Se la produzione di petrolio si ferma improvvisamente o il trasporto del petrolio viene interrotto, ciò crea certamente problemi non solo per le economie ma anche per i mercati”, ha aggiunto.

Ablin ha affermato che il petrolio, le azioni delle compagnie petrolifere, le materie prime in generale e l’oro in particolare possono fungere da copertura efficace per gli investitori.

(Segnalazione di Matt Tracy a Washington, Saqib Iqbal Ahmed a New York e Dara Ranasinghe a Londra; Segnalazione di Mohammed per l’Arab Bulletin) Montaggio di Megan Davies, Muralikumar Anantharaman, Emilia Sithole-Matarese e Deepa Babington

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda