Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I migliori film del 2022 negli Stati Uniti: No 2 – Tár | Film

BPrima della sua caduta personale e professionale, Lydia Tarr occupava una parte sacra della coscienza culturale: pianista affermata e maestro presuntuoso, pupilla di Leonard Bernstein, prima direttrice donna della Filarmonica di Berlino, vincitrice dell’EGOT e acclamata autrice di memorie. Il tipo di figura culturale individualista e idealista dello status che domina la stanza nei discorsi del New Yorker e si crogiola nel bagliore del successo pionieristico ignorando il peso del femminismo (o il termine “maestra”). Il suo successo è stato, a suo avviso, tecnicamente unico.

Tár è un personaggio immaginario, interpretato meravigliosamente da Cate Blanchett, ma il film di Todd Field cattura specificamente le trappole di una celebrità di alto profilo, ed è così meravigliosamente inserito nel suo mondo adorabile che alcuni spettatori non l’hanno fatto senza motivo. L’ha scambiata per una persona reale. Viene dal nostro mondo attuale, e dai primi momenti in cui ci incontriamo—fotografata dal telefono di qualcuno su un jet privato, intervistata da Adam Gopnik da New York, dove abbiamo frequentato un corso alla Juilliard—viviamo nel suo mondo: intenso, ricco di sfumature, narcisista , teso agli strati. . (Con una mossa audace e brillante, il film riproduce per primo il montaggio dei titoli di coda per intero.)

Tár è un’impresa di costruzione del mondo, specialmente per uno che assomiglia così tanto alla nostra ultima linea temporale. Ogni anno Field lo ha portato fuori dal mondo del cinema – il suo primo da Little Children del 2006 – sembra aver escogitato un tema che avrebbe fatto deragliare un film minore. Tra questi: scuse in nome del genio, l’abolizione della cultura, Realismo digitale e social mediaE il #Anche iola prospettiva dell’autore, il mondo isolato e rarefatto dell’élite della musica classica.

READ  Rumor Roundup: modifiche alla WWE, morale dietro le quinte, commento di Ronda Rousey e altro!

Non dovrebbe avere successo, ma il film lo fa essendo uno studio del personaggio innegabilmente implacabile attraverso la performance davvero imperdibile di Blanchett. Suona come un thriller teso, il cattivo è The Sins of Lydia Tarr. Vengono rivelate le sue relazioni con ex studentesse, in particolare la diminuzione di un’ex studentessa; la sua giustificabile paranoia della capacità velenosa della verità e la sua negazione della follia bianca vanno ben oltre; Il mix rovina sia la sua carriera che la sua vivace vita domestica a Berlino con sua moglie Sharon (Nina Höss), primo violino e prima violinista a Berlino, e la loro giovane figlia.

L’abile gestione da parte di Field della rottura del Tár è uno dei piaceri primari del film. Anche così, in un film con questa precisione, ce ne sono diversi: Tár abiti su misura e l’imponente guardaroba minimalista della famosa stilista Bina Daigeler; Il mantra dello scenografo Marco Bittner-Ruser parla della Berlino fredda e brutale. C’è la colonna sonora inquietante del musicista e compositore islandese Hildur Gudnadóttir, e la splendida vista di Blanchett, bastone in mano, incombe sopra la telecamera e sull’orlo del suono fragoroso dell’orchestra.

Ma il risultato principale del film è la sua mentalità, che presuppone la capacità del pubblico di tenere il passo. È scomodo sedersi con l’intera complessità degli esseri umani, compresi quelli dotati, egocentrici, ottusi e degradanti che hanno annullato la propria insensibilità emotiva. Potresti non sentirlo, ma penserai sicuramente a tutto.