Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I prezzi del petrolio crollano dopo che l’OPEC+ ha concordato tagli volontari nel primo trimestre

I prezzi del petrolio crollano dopo che l’OPEC+ ha concordato tagli volontari nel primo trimestre

Una veduta aerea mostra una petroliera di petrolio greggio in un terminal petrolifero sull’isola Waidiao a Zhoushan, nella provincia di Zhejiang, in Cina, il 4 gennaio 2023. China Daily tramite REUTERS/file foto Ottieni i diritti di licenza

  • Il Brent in calo del 5% a novembre, il WTI in calo del 6%
  • I produttori dell’OPEC+ accettano tagli volontari di quasi 2 milioni di barili al giorno
  • I tagli includono l’Arabia Saudita e la Russia che espandono le sanzioni esistenti
  • I produttori dovrebbero ridurre i tagli dal secondo trimestre

30 novembre (Reuters) – I prezzi del petrolio sono scesi di quasi il 2% giovedì dopo che i produttori dell’OPEC+ hanno accettato di tagliare volontariamente la produzione di petrolio nel primo trimestre del prossimo anno.

Il greggio Brent con consegna a gennaio è sceso di 27 centesimi, o dello 0,3%, a 82,83 dollari al barile alle 14:07 EDT (19:07 GMT), con il contratto del primo mese sulla buona strada per una perdita del 5% a novembre. Il contratto di gennaio scade giovedì e il contratto liquido di febbraio è sceso di 2,06 dollari, o del 2,5%, a 80,82 dollari.

I futures del greggio US West Texas Intermediate sono scesi di 1,96 dollari, o del 2,5%, a 75,90 dollari, e sono sulla buona strada per una perdita del 6% per il mese.

L’Arabia Saudita, la Russia e altri membri dell’OPEC+, che pompano oltre il 40% del petrolio mondiale, hanno concordato tagli volontari alla produzione di 2 milioni di barili al giorno (bpd) nel primo trimestre del 2024.

Almeno 1,3 milioni di barili al giorno di questi tagli, tuttavia, sono estensioni dei limiti volontari già in atto da parte dell’Arabia Saudita e della Russia. In precedenza, i rappresentanti avevano affermato che i nuovi tagli aggiuntivi in ​​discussione ammontavano a 2 milioni di barili al giorno.

READ  La star di Los Angeles Shoaib Ohtani ha abbattuto 13 battitori 5-0 in una partita contro i Kansas City Royals.

“Finora, i risultati non sono stati quelli attesi… negli ultimi giorni”, ha detto Callum MacPherson, responsabile delle materie prime di Investec.

La natura volontaria dei tagli ha deluso gli investitori.

“Da quello che abbiamo visto finora, sembra un taglio di carta di circa 600-700.000 barili al giorno (bpd) e volumi previsti per il quarto trimestre del 2023”, ha affermato James Davies della FGE.

“Probabilmente si tratta di una riduzione reale di 500.000 bpd rispetto al quarto trimestre. Probabilmente è sufficiente per mantenere il mercato in equilibrio nel primo trimestre, ma ci mancherà poco.”

Arabia Saudita, Russia, Kuwait, Kazakistan e Algeria sono tra i produttori che hanno affermato che allenteranno gradualmente i tagli dopo il primo trimestre se le condizioni del mercato lo consentiranno.

ONU L’incontro, tenutosi lo stesso giorno in cui i leader mondiali si riuniscono a Dubai per un vertice sul clima, era originariamente previsto la scorsa settimana, ma è stato rinviato a causa di disaccordi sulle quote di emissioni per i produttori africani.

L’OPEC+ ha anche invitato il Brasile, uno dei primi 10 produttori di petrolio, ad unirsi al gruppo. Il ministro dell’Energia del paese ha detto che spera di aderire a gennaio.

Nel frattempo, la produzione di greggio negli Stati Uniti, il principale produttore mondiale, ha continuato a crescere, aumentando dell’1,7% a settembre fino a un record mensile di 13,24 milioni di barili giornalieri, ha affermato l’Energy Information Administration.

La produzione di greggio in Texas è scesa dello 0,1% a 5,57 milioni di barili al giorno, il minimo da luglio e la prima volta che la produzione nello stato è scesa da aprile, ha affermato l’EIA.

READ  Il settore energetico torna indietro al commento di Psaki "Red Herring" sui contratti di locazione di petrolio e gas

Reporting di Laura Chanicola a Washington Montaggio di Simon Webb, Lisa Shumaker e Marguerita Choi

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottieni i diritti di licenzaApre una nuova scheda

Rapporti su petrolio ed energia, comprese raffinerie, mercati e combustibili rinnovabili. Precedentemente ha lavorato presso Euromony Institutional Investor e CNN.