Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il cane da slitta è stato punito per il cattivo fegato di alce

Il cane da slitta è stato punito per il cattivo fegato di alce

È stata una dura gara di slittino Iditarod per il cinque volte vincitore Dallas Seavey.

In primo luogo, i suoi cani si sono scontrati con un alce, ferendo uno dei cani. Quindi spara all'alce. Quindi, secondo le regole della corsa, ha dovuto fermare la slitta per dare da mangiare agli alci.

Ma mangiare a intermittenza le budella di alce non sembra aiutare. Devi entrare e sbarazzarti di quell'alce. I funzionari hanno deciso che Seifi non lo aveva fatto.

Sì, è vero: Seavey rischia una penalità di due ore nella più grande corsa di cani da slitta del mondo per non aver tenuto adeguatamente un alce.

L'Iditarod è davvero un tipo diverso di evento sportivo.

La storia è iniziata con un incontro con un alce vicino a Squintna, in Alaska, segnalato dai funzionari di gara lunedì mattina presto. Il cane ferito, Valo, è stato trasportato ad Anchorage in condizioni critiche e ha subito un intervento chirurgico.

“Tenendo a mente la salute della sua squadra, Dallas ha preso la difficile decisione di abbandonare Moose”, si legge in una dichiarazione su Twitter. La sua pagina su Facebook. In tale eventualità, i conducenti di slitte possono portare armi da fuoco.

“Era su una scogliera”, ha detto Seavey in un video che ha pubblicato. Iditarod Insider. “È caduto sulla mia slitta. Si è allungata.”

IL regole iditarod, La corsa annuale, che corre per circa 1.600 miglia attraverso l’Alaska, afferma: “Se una grande selvaggina commestibile, come un alce, un caribù o un bufalo, viene uccisa per difendere la vita o la proprietà, l’automobilista deve sbarazzarsi dell’animale”.

READ  Come pagherà Texas A&M per l'acquisizione da 77,6 milioni di dollari di Jimbo Fisher, la più grande nella storia del football universitario?

Potrebbe trasformarsi in uno sforzo comunitario: “Le seguenti squadre dovrebbero aiutare a sventrare l'animale quando possibile. Nessuna squadra può passare finché l'animale non è stato mangiato.”

Le regole sono state stabilite affinché la carne dell'animale potesse essere salvata e dalla morte potesse derivare qualcosa di positivo. Gli organizzatori della gara hanno affermato che la carne è stata lavorata e viene distribuita.

Sfortunatamente, gli sforzi di Seavey fallirono. “L'animale non è stato adeguatamente mangiato dal pilota”, hanno detto gli organizzatori della gara. La corsa ha dichiarato in un comunicato di aver trascorso circa 10 minuti sul posto. Ha aggiunto una definizione utile di “intestino” per gli abitanti delle città: “la rimozione degli intestini e di altri organi interni (di un pesce o di un altro animale) prima di cucinarli”.

Inoltre, l’alce ha causato problemi ad alcuni dei concorrenti successivi: “È morto a metà”. disse il clown Big Drobny. “La mia squadra si è fatta avanti e ha superato tutto.” Un altro musher, Jesse Holmes, ha detto ad altri concorrenti di aver preso a pugni un cervo nella zona in cui ha incontrato Seavey, secondo la pagina Facebook di Seavey. Non era chiaro se si trattasse dello stesso alce.

Un comitato di tre persone, presumibilmente comprendente esperti nell'arte degli intestini, ha deciso all'unanimità che, come punizione, Seavey avrebbe dovuto estendere a 26 ore il periodo di riposo obbligatorio di 24 ore preso da tutti i partecipanti.

“Dallas valuterà e stabilirà strategie per la prossima parte della gara nonostante le difficoltà”, ha detto la sua pagina Facebook.

Questo è (scusate) molto rumore per l'intestino.

I funzionari di Iditarod non hanno risposto a una richiesta di commento sui dettagli di come le abilità viscerali di Seavey abbiano fallito. Nel frattempo, la mia spada era sulla strada, e che fosse un cervo o no, Ha condotto la corsa Da giovedì mattina, ora locale. La gara, iniziata domenica, dovrebbe proseguire per altri quattro o cinque giorni.

Seavey era anche il primo classificato a metà percorso. Come premio potrà scegliere uno smartphone o pepite d'oro del valore di 3.000 dollari.

E ora la notizia che ha attraversato tutto questo discorso doloroso: dopo l'intervento chirurgico, il cane ferito, Fallo, è stato permesso di tornare a casa.