Gennaio 29, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il dollaro USA sta scendendo poiché i mercati prevedono un calo dell’inflazione, rallentando gli aumenti della Fed

Il dollaro USA sta scendendo poiché i mercati prevedono un calo dell'inflazione, rallentando gli aumenti della Fed
  • L’aumento annuo dell’IPC core negli Stati Uniti a novembre ha registrato un moderato calo
  • Concentrati su una serie di riunioni delle banche centrali guidate dalla Fed
  • È ampiamente previsto che la Fed aumenti i tassi di interesse di 50 punti base
  • Il dollaro ha rinunciato ai guadagni realizzati nei primi 3 trimestri in due mesi – Analista

LONDRA/NEW YORK (Reuters) – Il dollaro è sceso lunedì in calo poiché gli investitori hanno scontato un calo dell’inflazione al consumo negli Stati Uniti per novembre e la Federal Reserve probabilmente rallenterà il ritmo dei suoi aumenti dei tassi alla fine della sua riunione. Mercoledì un incontro politico di due giorni.

I dati sull’inflazione al consumo di novembre sono scesi martedì e dovrebbero mostrare un aumento del 6,1% nella lettura core su base annua, esclusi i prezzi di cibo ed energia, in calo rispetto al 6,3% di ottobre.

Nella tarda mattinata, l’euro è salito dello 0,1% rispetto al dollaro, a 1,0546 dollari. La moneta unica europea ha guadagnato quasi l’8% finora nel quarto trimestre, poiché gli investitori in precedenza facevano affidamento sul fatto che la Banca centrale europea seguisse un percorso di rialzi dei tassi aggressivi.

Il dollaro è stato poco cambiato rispetto al franco svizzero a 0,9348 franchi.

Contro lo yen, invece, il dollaro è salito dello 0,5%, a 137,24.

L’indice del dollaro, che misura il valore del biglietto verde rispetto alle sei principali valute, è sceso dello 0,1% a 104,92.

“La debolezza del dollaro suggerisce che il mercato sta vedendo un’inflazione più bassa e che sta ascoltando quello che (il presidente della Fed Jerome) Powell sta dicendo che la Fed sta rallentando i suoi aumenti dei tassi e il mercato sta scontando tutto ciò”, ha detto Joe. Perry, analista di mercato senior presso FOREX.com e City Index a New York.

READ  I lavoratori di Felixstow, il più grande porto per container del Regno Unito, inizieranno uno sciopero di 8 giorni

Ha aggiunto che l’indice del dollaro ha raggiunto il picco il 28 settembre ed è sceso a circa 104,70, che è un ritracciamento del 50% dai minimi ai massimi di quest’anno, che è anche la media mobile a 200 giorni.

“È interessante che quello che ci è voluto nei primi tre trimestri per arrivare in cima, abbiamo rinunciato in due mesi”, ha detto Perry.

Questa settimana è una delle macro-ricche finora quest’anno, poiché quattro delle principali banche centrali tengono le riunioni politiche finali per il 2022.

La Federal Reserve, la Banca centrale europea, la Banca d’Inghilterra e la Banca nazionale svizzera rilasceranno tutte le decisioni sui tassi di interesse questa settimana.

È ampiamente previsto che la Fed aumenterà i tassi di interesse di 50 punti base dopo una serie di aumenti di 75 punti base, soprattutto alla luce della rigidità del mercato del lavoro statunitense e dell’economia ragionevolmente resiliente.

“Data la stretta vicinanza del FOMC,[i dati sull’inflazione al consumo]hanno chiaramente il potenziale per cambiare il tono del messaggio, la dichiarazione e i grafici dei punti, ma è improbabile che cambino il rally principale di 50 punti base”, da Deutsche Substantive Research Bank, in una nota di ricerca.

Il dollaro è salito brevemente fino allo 0,5% rispetto alla sterlina dopo che i dati hanno mostrato che l’economia britannica si è ripresa in ottobre da un giorno festivo per il funerale della regina Elisabetta, ma ha comunque indicato una prospettiva desolante.

La sterlina è salita dello 0,2% a $ 1,2283, dopo essere scesa a un minimo intra-sessione di $ 1,2207, e poco è cambiata rispetto alla moneta unica europea a 86,03 pence per euro.

READ  Elon Musk perde il titolo di persona più ricca del mondo a vantaggio di Bernard Arnault | Elon Musk

Lo yuan cinese offshore è sceso dello 0,1% rispetto al biglietto verde a 6,983 rispetto al dollaro, appesantito dalle preoccupazioni per un potenziale aumento dei casi COVID mentre la Cina allenta le sue severe restrizioni COVID-19.

=================================================== == ======

Prezzi di offerta delle monete alle 10:39 (1539 GMT)

(Segnalazione di Amanda Cooper a Londra e Gertrude Chavez-Dreyfus); Reportage aggiuntivo di Rai Wei a Singapore; Montaggio di Lincoln Feist, Bradley Perrett, Christian Schmollinger e Mark Heinrich

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.