Marzo 4, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il drenaggio dei depositi dalle piccole banche a JPM, WFC e C è rallentato

Il drenaggio dei depositi dalle piccole banche a JPM, WFC e C è rallentato
  • La CNBC ha appreso che l’ondata di depositi spostati dalle piccole banche alle grandi istituzioni tra cui JPMorgan Chase e Wells Fargo è rallentata notevolmente negli ultimi giorni.
  • Il drenaggio dei depositi, che ha turbato i mercati a livello globale e costretto le autorità di regolamentazione a intervenire per proteggere i clienti delle banche, ha iniziato a migliorare intorno al 16 marzo, hanno affermato persone che hanno familiarità con gli afflussi dalle principali banche.
  • La situazione è fluida e potrebbe cambiare se sorgono preoccupazioni su altre banche, ha detto una persona, parlando a condizione di anonimato, parlando in vista del rilascio dei dati finanziari il mese prossimo.
  • Jane Fraser, amministratore delegato di Citigroup, ha affermato che le ultime settimane hanno rivelato una netta debolezza nel modo in cui alcune banche gestiscono i propri bilanci, il che potrebbe portare a ulteriori turbolenze.

La sede della First Republic Bank è visibile il 16 marzo 2023 a San Francisco, California, Stati Uniti.

Tayfun Coskun | Agenzia Anadolu | Immagini Getty

La CNBC ha appreso che l’ondata di depositi spostati dalle piccole banche alle grandi istituzioni tra cui JPMorgan Chase e Wells Fargo tra le preoccupazioni per la stabilità dei prestatori regionali è rallentata notevolmente negli ultimi giorni.

L’incertezza creata dal crollo della banca della Silicon Valley all’inizio di questo mese ha innescato deflussi e fatto precipitare i prezzi delle azioni di pari tra cui First Republic e PacWest.

Una situazione che ha destabilizzato i mercati a livello globale e costretto i regolatori statunitensi intervenire Per proteggere i clienti delle banche, la ripresa è iniziata intorno al 16 marzo, secondo persone che hanno familiarità con i flussi negli istituti senior. Fu allora che 11 delle più grandi banche americane si unirono per versare 30 miliardi di dollari in First Republic, essenzialmente restituendo alcuni dei depositi che avevano recentemente acquisito.

“Le persone che sono state prese dal panico sono immediatamente scese”, ha detto la persona. “Se non hai ancora deciso, probabilmente rimarrai dove sei.”

READ  Le entrate trimestrali di GameStop superano le stime per la crescita della domanda di videogiochi

Questo sviluppo offre alle autorità di regolamentazione e ai banchieri uno spazio di respiro per affrontare le tensioni nel sistema finanziario statunitense emerse dopo il crollo di SVB, la banca preferita dagli investitori di capitale di rischio e dalle loro aziende. La sua implosione si è verificata a una velocità vertiginosa questo mese, potenziata dai social media e dalla facilità dell’online banking, in un evento che probabilmente influenzerà il mondo finanziario negli anni a venire.

Pochi giorni dopo la confisca del 10 marzo, Signature Bank, un’altra banca specializzata, è stata chiusa e le autorità di regolamentazione hanno approfittato dei poteri di emergenza per supportare tutti i clienti di entrambe le banche. Le ondate dell’evento hanno raggiunto tutto il mondo e una settimana dopo le autorità di regolamentazione svizzere hanno imposto una fusione tra UBS e Credit Suisse, a lungo vociferata, per contribuire a rafforzare la fiducia nelle banche europee.

La dinamica ha messo importanti banche come JPMorgan e Goldman Sachs nella scomoda posizione di svolgere più ruoli contemporaneamente in questa crisi. Le grandi banche stanno consigliando le banche più piccole mentre partecipano a misure per ripristinare la fiducia nel sistema e sostenere prestatori in difficoltà come First Republic, il tutto accumulando miliardi di dollari in depositi e in grado di superare l’offerta sugli asset quando vengono messi in vendita.

L’ampiezza di questi flussi finanziari è evidente alla Federal Reserve dati Rilasciato venerdì, è un deposito differito girato dal 15 marzo. Mentre sembra che le grandi banche stiano guadagnando depositi a spese delle banche più piccole, i depositi non catturano i deflussi dalla SVB perché erano nella stessa classe delle grandi banche delle società che hanno guadagnato i loro dollari.

Sebbene i flussi verso una delle principali istituzioni siano rallentati in misura “trascurabile”, la situazione è fluida e potrebbe cambiare se sorgono preoccupazioni su altre banche, ha affermato la persona, parlando a condizione di anonimato, parlando in vista del rilascio dei numeri finanziari il mese prossimo. JPMorgan darà il via alla stagione degli utili bancari il 14 aprile.

READ  I futures sulle azioni sono cambiati poco dopo il rimbalzo di mercoledì

In un’altra grande banca, questa sulla costa occidentale, gli afflussi sono solo rallentati negli ultimi giorni, secondo un’altra persona che ha familiarità con la questione.

I rappresentanti di JPMorgan, Bank of America, Citigroup e Wells Fargo hanno rifiutato di commentare questo articolo.

I movimenti rispecchiano anche ciò che ha visto un nuovo giocatore, secondo il co-fondatore di Brex Henrique Dubugras. La sua startup, che si rivolge a società in crescita sostenute da capitale di rischio, ha visto un aumento dei depositi e dei nuovi conti dopo il crollo di SVB.

“Le cose si sono decisamente calmate”, ha detto DuPoughras alla CNBC in un’intervista telefonica. “Ci sono stati molti pro e contro, ma la gente sta ancora versando denaro nelle grandi banche”.

Il playbook post-SVB, ha affermato, prevede che le start-up mantengano da tre a sei mesi di liquidità nelle banche regionali o in nuovi arrivati ​​come Brex, mentre mettono il resto in uno dei quattro grandi attori. Questo approccio combina il servizio e le caratteristiche dei prestatori più piccoli con la sicurezza percepita delle banche troppo grandi per fallire per la maggior parte dei loro soldi, ha affermato.

“Molti fondatori hanno aperto un conto presso una delle quattro grandi banche, trasferito lì un sacco di soldi e ora ricordano perché non l’hanno fatto in primo luogo”, ha detto. Storicamente, le banche più grandi non erano interessate alle startup rischiose, che erano dominio di prestatori specializzati come SVB.

DuBograss ha affermato che JPMorgan, la più grande banca statunitense per attività, è stato il singolo più grande guadagno di depositi tra i prestatori questo mese, in parte a causa dell’afflusso di capitale di investimento nella banca. Questa convinzione è stata supportata da prove aneddotiche rapporti.

Per ora l’attenzione è rivolta a First Republic, in calo nelle ultime settimane e le cui azioni hanno perso il 90% questo mese. La banca è ben nota per il suo successo nel servire clienti facoltosi sulle coste orientali e occidentali.

READ  I futures del Dow Jones indicano una "rapida" inversione di mercato poiché la banca russa prende di mira la Russia durante l'invasione dell'Ucraina

Le autorità di regolamentazione e le banche hanno già messo in atto una serie impressionante di misure per cercare di salvare la banca, principalmente come una sorta di firewall contro un’altra ondata di panico che travolgerebbe più istituti di credito e travolgerebbe il sistema finanziario. Dietro le quinte, gli organizzatori ritengono che sia avvenuto il collocamento dei depositi nella Prima Repubblica sistemarsiha riferito Bloomberg sabato.

First Republic ha assunto JPMorgan e Lazard come consulenti per trovare una soluzione, che potrebbe includere la ricerca di più capitale per rimanere indipendenti o la vendita a una banca più stabile, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione.

Se ciò fallisce, hanno affermato, c’è il rischio che le autorità di regolamentazione siano costrette a rilevare la banca, simile a quanto accaduto a SVB e Signature. Un portavoce repubblicano ha rifiutato di commentare.

Mentre la fuga di depositi dalle banche più piccole è rallentata, le ultime settimane hanno rivelato una netta debolezza nel modo in cui alcuni gestiscono i propri bilanci. Queste società si sono trovate in una situazione di stallo mentre la Fed si è impegnata nella sua campagna più aggressiva per aumentare i tassi di interesse da decenni, lasciandole con perdite non realizzate sulle partecipazioni obbligazionarie. I prezzi delle obbligazioni scendono con l’aumento dei tassi di interesse.

È probabile che altre istituzioni subiscano interruzioni nelle prossime settimane, ha affermato Jane Fraser, CEO di Citigroup colloquio Mercoledì.

“Potrebbero esserci alcune organizzazioni più piccole che hanno problemi di controllo simili senza gestire i propri budget con la stessa abilità di altre”, ha affermato Fraser. “Certamente speriamo che ce ne saranno di meno, non di più”.