Settembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il forte caldo della California mette offline il data center principale di Twitter

Il forte caldo della California mette offline il data center principale di Twitter
Twitter (TWTR)Come tutte le principali piattaforme di social media, si basa sui data center, che sono essenzialmente enormi magazzini pieni di computer, inclusi server e sistemi di archiviazione. Il controllo della temperatura in questi core è fondamentale per garantire che i computer non si surriscaldino e non si guastino. Per risparmiare sui costi di raffreddamento, alcune aziende tecnologiche hanno cercato sempre di più di posizionare i propri data center in climi più freddi. Google, ad esempio, Aprire un data center in Finlandia nel 2011 e Meta ha un centro nel nord della Svezia dal 2013.

“Il 5 settembre, Twitter ha assistito alla perdita dell’area del Sacramento Data Center (SMF) a causa del maltempo. L’evento senza precedenti ha portato alla chiusura completa delle apparecchiature fisiche di SMF”, ha affermato Carrie Fernandez, vicepresidente dell’ingegneria dell’azienda in una dichiarazione. Un messaggio interno agli ingegneri di Twitter venerdì.

Le grandi aziende tecnologiche di solito dispongono di più data center, in parte per garantire che il loro servizio rimanga online in caso di guasto di uno di essi; Questo è noto come ridondanza.

A seguito dell’interruzione di Sacramento, Twitter è in uno “stato non ridondante”, secondo la nota di Fernandez venerdì. Ha spiegato che i data center di Twitter ad Atlanta e Portland erano ancora operativi, ma ha avvertito: “Se perdiamo uno dei data center rimanenti, potremmo non essere in grado di servire il traffico a tutti gli utenti di Twitter”.

Il memo continua a bloccare gli aggiornamenti non necessari al prodotto di Twitter fino a quando l’azienda non potrà ripristinare completamente i servizi del data center di Sacramento. “Tutte le modifiche alla produzione, comprese le implementazioni e i rilasci su piattaforme mobili, sono bloccate, ad eccezione di quelle necessarie per affrontare la continuità del servizio o altre esigenze operative urgenti”, ha scritto Fernandez.

READ  Elon Musk invia un terzo avviso a Twitter e alla SEC per chiudere l'accordo

Le restrizioni evidenziano l’apparente fragilità di alcune piattaforme di Twitter, una questione che Peter “Mudge” Zatko, l’ex capo della sicurezza di Twitter diventato informatore, ha sollevato in una dichiarazione inviata a legislatori e agenzie governative a luglio.

Nella sua rivelazione all’informatore, riportata per la prima volta dalla CNN e dal Washington Post, Zatko ha avvertito che Twitter non ha una “ridondanza inadeguata nel data center”, il che aumenta il rischio di una breve interruzione o addirittura la possibilità che Twitter si chiuda per sempre.

È probabile che anche un’interruzione temporanea ma sovrapposta di un numero limitato di data center porti al servizio [Twitter] non online per settimane, mesi o permanentemente”, secondo la divulgazione di irregolarità di Zatko (Twitter ha criticato e si è ampiamente difeso dalle accuse, dicendo che la divulgazione dipinge una “narrativa sbagliata” sulla società).

La notizia dell’interruzione del data center arriva un giorno prima che lui debba testimoniare davanti alla commissione giudiziaria del Senato.

Twitter non ha rivelato il numero o l’ubicazione dei suoi data center, ma la divulgazione delle irregolarità da parte di Zatko cita un notiziario pubblico che identifica un data center di Twitter a Sacramento e un altro ad Atlanta. nel 2020, Amazon ha annunciato Che Twitter abbia scelto la sua piattaforma di cloud computing, Amazon Web Services, per servire alcuni dei tweet dai data center di Amazon.

In una dichiarazione sull’interruzione a Sacramento, un portavoce di Twitter ha dichiarato alla CNN: “Al momento non ci sono state interruzioni che hanno influito sulla capacità delle persone di accedere e utilizzare Twitter. I nostri team rimangono dotati degli strumenti e delle risorse di cui hanno bisogno per inviare gli aggiornamenti e continueranno lavorare per fornire un’esperienza su Twitter senza intoppi”.

READ  I viaggiatori del Memorial Day incontrano 1400+ domenica

Il generale di brigata in pensione Greg Tuhill, che ha servito come Chief Information Security Officer del governo degli Stati Uniti nel 2016 e nel 2017, ha affermato che i data center hanno bisogno di “acqua, elettricità, controlli dell’umidità e raffreddamento affidabili per vivere”.

“Vuoi duplicare, non duplicare, le posizioni dei dati per migliorare la tua resilienza informatica in modo da poter affrontare un disastro naturale [or other event] Tohill, che ora dirige la divisione CERT presso il Software Engineering Institute della Carnegie Mellon University, ha dichiarato alla CNN: