Maggio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il marchio dei microfoni blu scomparirà dopo 28 anni – Ars Technica

Il marchio dei microfoni blu scomparirà dopo 28 anni – Ars Technica

Se stai cercando tra i siti di recensioni tecniche una raccomandazione per un microfono USB, vedrai sicuramente un prodotto blu elencato. È stata fondata nel 1995 e si è guadagnata il riconoscimento dei consumatori con design iconici, come Snowball e Snowball YetiIl marchio Blue Microphones è diventato famoso, dagli audiofili ai nuovi arrivati ​​che desiderano lanciare il loro primo podcast. Ma d’ora in poi il marchio Blue Microphones non esisterà più.

Logitech ha annunciato l’acquisizione di Blue Microphones nel 2018, 23 anni dopo che il chitarrista jazz Skipper Wise e l’ingegnere audio Martins Saulespurens hanno creato l’azienda. Inizialmente, Blue Microphones ha installato microfoni degli anni ’50 e ’60, ma alla fine ha iniziato a creare apparecchiature per l’industria discografica, come Times di Los Angeles Segnalato nel 2009.

I co-fondatori di Blue hanno detto al Los Angeles Times che Apple ha incoraggiato Blue a entrare nello spazio del microfono del computer. Secondo quanto riferito, il responsabile della fornitura globale all’epoca incoraggiò Blue a realizzare un microfono economico per il software di registrazione musicale. All’epoca Apple stava preparando il proprio software GarageBand. Il risultato è stato il microfono USB Blue Snowball, e non appena è diventato disponibile negli Apple Store, è decollato davvero. Un’opzione più accessibile e conveniente rispetto al pagamento per una sessione in studio, il microfono è diventato popolare tra i musicisti in crescita.

“Rispetto ad altri microfoni a condensatore economici, la qualità del suono è un po’ scarsa e il rumore di fondo sembrava un po’ alto, ma è sicuramente un passo avanti rispetto ai microfoni economici forniti con la maggior parte dei computer”, si legge nella recensione del 2007 di Ars Technica sul microfono Snowball. .

READ  Il potente Surface Pro 8 2 in 1 è ora scontato da Microsoft con SSD da 256 GB

Blue avrebbe continuato a rilasciare altri microfoni USB e ad attirare l’attenzione di hobbisti, revisori, streamer, podcaster… e Logitech. Acquistato Logitech Blue per 117 milioni di dollari.

Cinque anni dopo, Logitech ha abbandonato il nome Blue Microphones in favore di Yeti, il nome di una delle serie di microfoni più popolari di Blue. I microfoni Yeti vivranno sotto il più ampio ombrello Logitech G di periferiche e accessori per PC che un tempo erano rivolti a giocatori e streamer.

Logitech ha detto tramite reddit Giovedì, come precedentemente individuato il bordo.

Astro Gaming, che è stata acquisita da Logitech nel 2017 per se stessa 85 milioni di dollarie i prodotti Logitech for Creator ora rimarranno sotto Logitech G. Tuttavia, a differenza di Blue e Logitech for Creators, il marchio Astro continuerà e Il suo sito Web non è Logitech È ancora attivo al momento della stesura di questo documento.

La mossa sembra essere un tentativo di unificare l’ampia gamma di prodotti hardware Logitech di Logitech per creatori e giocatori, le cui esigenze tecnologiche a volte possono sovrapporsi.

Significa anche che i prossimi prodotti di questi marchi funzioneranno tutti nell’app G Hub di Logitech, il che sarebbe relativamente conveniente se G Hub fosse davvero divertente da usare e presupponesse che le persone avessero prodotti di questi marchi. Tuttavia, Logitech non aggiunge retroattivamente il supporto G Hub a nessun prodotto che ne sia sprovvisto.

Al momento della stesura di questo documento, sono elencati tutti i microfoni precedentemente noti come Blue Sito Logitech Si chiama Yeti (Yeti X invece di Blue Yeti X, per esempio). Ovviamente, hanno ancora un badge metallico blu fisico, poiché Logitech non può fare nulla al riguardo fino a quando non ne rilascia uno nuovo. blu Microfoni Logitech G Yeti.

READ  Il massiccio MacBook Pro di Apple fallisce

Cosa c’è in un nome?

Logitech microfoni yeti

(Ars Technica può ricevere un compenso per le vendite dai link in questo post attraverso programmi di affiliazione.)

La buona notizia per i fan di Blue mic è che Logitech afferma che non interromperà nessuno dei suoi microfoni. Sarà ancora disponibile ma con meno indicazioni che provenga da un’azienda chiamata Blue. Ma il nome conta davvero? Per il co-fondatore lettone Saulespurens, lo ha fatto.

Secondo un rapporto del LA Times del 2009, Blue era l’acronimo di Baltic Latvian Universal Electronics.

“Volevo solo nominare la Lettonia da qualche parte”, ha detto Solisborns al Los Angeles Times. “[Blue co-founder] Skipper ha detto che il nome dovrebbe essere facile da ricordare, quindi ha detto: “Blu, chiamiamolo semplicemente blu”.

I nomi dei microfoni non recheranno più questo tributo a uno dei loro fondatori, che è il rischio quando un’azienda viene venduta. Alcuni potrebbero pensare che il nome Blue rimarrà perché è riconoscibile e poiché Logitech non ha tralasciato altri nomi di marchi che ha acquistato, come Ultimate Ears e Saitek, come sottolinea The Verge.

Tuttavia, Logitech mantiene invece l’eredità dei microfoni del marchio “Yeti”. Ma con i microfoni con il defunto logo Blue ancora in vendita e seduti sulle scrivanie delle persone, il nome vivrà in una certa misura.