Maggio 26, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il mercato petrolifero ignora i timori di una guerra più ampia dopo l’attacco iraniano a Israele

Il mercato petrolifero ignora i timori di una guerra più ampia dopo l’attacco iraniano a Israele

Apri Editor's Digest gratuitamente

I prezzi del petrolio sono crollati alla riapertura dei mercati in seguito all’attacco militare dell’Iran contro Israele, con i trader che si sono scrollati di dosso le preoccupazioni che il conflitto potesse degenerare in una guerra totale e limitare le forniture dalla regione.

Il greggio Brent, il punto di riferimento internazionale, si è attestato a 90,45 dollari al barile all'inizio delle negoziazioni in Asia lunedì mattina. Anche il greggio statunitense West Texas Intermediate è rimasto sostanzialmente invariato a 85,72 dollari al barile.

La debole reazione suggerisce che i mercati scommettono che le ripercussioni dello sciopero saranno contenute dopo che l’Iran ha dichiarato di considerare la questione “finita” e Washington ha cercato di calmare le tensioni.

I trader stavano osservando con ansia come avrebbe reagito il mercato dopo che sabato la Repubblica Islamica ha lanciato il suo primo attacco contro Israele dal proprio territorio. Teheran ha inviato droni e missili nello Stato ebraico in risposta a un presunto attacco israeliano al suo consolato a Damasco che ha ucciso numerosi leader militari.

Daniel Haynes, capo stratega delle materie prime presso ANZ Bank, ha affermato che la natura calcolata degli attacchi e il fatto che siano stati ben distribuiti hanno alleviato le preoccupazioni del mercato.

“Abbiamo assistito a un aumento dei prezzi del petrolio prima del fine settimana, quindi un premio di prezzo geopolitico era già stato creato prima di questo evento”, ha affermato.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha esortato Israele ad adottare un approccio misurato nella sua risposta. Il governo del primo ministro Benjamin Netanyahu si è riunito domenica ma non ha preso una decisione sulla risposta del Paese.

READ  La UAW perde il voto sindacale negli stabilimenti Mercedes in Alabama

“La questione può essere considerata chiusa”, ha dichiarato sabato la Missione Permanente dell’Iran presso le Nazioni Unite. Tuttavia, se il regime israeliano commettesse un altro errore, la risposta dell’Iran sarebbe molto più seria.

Gli esperti hanno avvertito che la risposta violenta di Israele potrebbe esacerbare il conflitto, limitare le forniture di petrolio dalla regione e aumentare i prezzi.

“Una grave ritorsione israeliana potrebbe innescare un ciclo destabilizzante di ritorsioni e spingere questo conflitto verso un’escalation”, ha affermato Helima Croft, responsabile della strategia globale sulle materie prime presso RBC Capital Markets ed ex analista della CIA. “In uno scenario del genere, riteniamo che i rischi per il petrolio non siano insignificanti”.

“Sebbene l’Iran non abbia la capacità di chiudere lo Stretto di Hormuz, sembra mantenere la capacità di ripetere la strategia del 2019 di attaccare petroliere, oleodotti e infrastrutture energetiche critiche”, ha aggiunto.

I mercati petroliferi sono saliti ai livelli più alti da ottobre nelle ultime settimane in seguito all’attacco a Damasco, poiché i mercati hanno valutato il potenziale di un’escalation del conflitto che potrebbe influenzare le forniture del Golfo.

Le conseguenze dello sciopero potrebbero spingere i prezzi “verso, se non oltre, i 100 dollari al barile”, ha affermato Bob McNally, presidente di Rapidan Energy Consulting ed ex consigliere energetico di George W. Bush.

“Il mercato era soddisfatto del fatto che il conflitto di Gaza si fosse esteso fino a includere l’Iran, ponendo così un rischio materiale per il petrolio e il petrolio del Golfo Persico [liquefied natural gas] Ha detto: Produzione ed esportazione.

Il peggioramento del conflitto minaccia di sconvolgere un mercato petrolifero già teso a livello globale, con una domanda in aumento nelle principali economie come gli Stati Uniti e la Cina, mentre i produttori dell’OPEC+ limitano l’offerta.

READ  “Sto andando avanti” di Herbalife

Ayham Kamel, capo del dipartimento del Medio Oriente e del Nord Africa presso il Middle East and North Africa Institute, ha dichiarato: “Gli Stati Uniti e la Cina perderanno dall’espansione del conflitto perché influenzerà notevolmente le esportazioni di energia dalla regione, i prezzi del petrolio e l’economia globale”. Gruppo di consulenza dell'Eurasia.

Qualsiasi aumento dei prezzi arriverebbe in un momento particolarmente delicato per il presidente degli Stati Uniti, che sta lottando per vendere i suoi risultati economici agli elettori in vista delle elezioni di novembre in un contesto di inflazione ostinatamente elevata.

L’ulteriore aumento dei prezzi del petrolio greggio minaccia di esacerbare i prezzi già elevati alle stazioni di servizio mesi prima che gli americani si rechino alle urne. Secondo il gruppo automobilistico AAA, i prezzi della benzina negli Stati Uniti sono in media di 3,63 dollari al gallone, in aumento di circa il 15% dall'inizio dell'anno.

“È difficile sopravvalutare quanto l'aumento dei prezzi del petrolio per ragioni geopolitiche sia sgradito per l'economia e per la rielezione del presidente Biden”, ha affermato McNally.