Febbraio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il New York Times fa causa a OpenAI e Microsoft per l'uso di opere protette da copyright

Il New York Times fa causa a OpenAI e Microsoft per l'uso di opere protette da copyright

Mercoledì il New York Times ha intentato una causa per violazione del copyright contro OpenAI e Microsoft, aprendo un nuovo fronte nella sempre più intensa battaglia legale sull'uso non autorizzato di opere pubblicate per addestrare tecnologie di intelligenza artificiale.

Il Times è la prima grande organizzazione mediatica statunitense a citare in giudizio le aziende e i creatori di ChatGPT e altre popolari piattaforme di intelligenza artificiale, per questioni di copyright relative alle sue opere scritte. La causa è stata depositata presso il tribunale distrettuale federale di ManhattanMilioni di articoli pubblicati dal Times sarebbero stati utilizzati per addestrare chatbot automatizzati che ora competono con i media come fonte di informazioni affidabili.

La causa non include una richiesta monetaria specifica. Ma dice che gli imputati dovrebbero essere responsabili per “miliardi di dollari di danni legali ed effettivi” legati alla “copia illegale e all'uso di opere del Times di inestimabile valore”. Invita inoltre le aziende a distruggere qualsiasi modello di chatbot e dati di formazione che utilizzino materiale protetto da copyright del Times.

Microsoft ha rifiutato di commentare il caso. OpenAI non ha fornito immediatamente un commento.

Questa causa potrebbe mettere alla prova le linee legali emergenti delle tecniche di intelligenza artificiale generativa – i cosiddetti testi, immagini e altri contenuti che possono essere generati dopo aver appreso da grandi set di dati – e potrebbe avere grandi implicazioni per l’industria dell’informazione. Il Times è tra i pochi media che hanno costruito modelli di business di successo partendo dal giornalismo online, ma decine di giornali e riviste sono stati ostacolati dalla migrazione dei lettori su Internet.

Allo stesso tempo, OpenAI e altre società di tecnologia AI – che utilizzano un’ampia gamma di testi online, dagli articoli di giornale alle poesie, alle sceneggiature, per addestrare i chatbot – stanno attirando miliardi di dollari in finanziamenti.

OpenAI è ora valutata dagli investitori più di 80 miliardi di dollari. Microsoft ha stanziato 13 miliardi di dollari per OpenAI e ha integrato la tecnologia dell'azienda nel suo motore di ricerca Bing.

“Gli imputati cercano di approfittare del massiccio investimento del Times nel suo giornalismo”, afferma la denuncia, accusando OpenAI e Microsoft di “utilizzare i contenuti del Times senza compenso per creare prodotti che sostituiscano il Times e gli sottraggano pubblico”.

Gli imputati non hanno avuto la possibilità di replicare in tribunale.

READ  Le azioni del Credit Suisse hanno subito un duro colpo quando è divampato il nervosismo degli investitori

Le preoccupazioni sull’uso non compensato della proprietà intellettuale da parte dei sistemi di intelligenza artificiale si sono diffuse in tutte le industrie creative, data la capacità della tecnologia di imitare il linguaggio naturale e generare risposte scritte sofisticate a quasi tutti i suggerimenti.

L'attrice Sarah Silverman si è unita a due cause legali a luglio che accusavano Meta e OpenAI di “gestire” le sue memorie come testo di formazione per programmi di intelligenza artificiale. I romanzieri hanno espresso allarme quando è stato rivelato che i sistemi di intelligenza artificiale avevano ingerito decine di migliaia di libri, portando ad una causa legale da parte di autori tra cui Jonathan Franzen e John Grisham. La corporazione fotografica Getty Images ha intentato una causa contro una società di intelligenza artificiale che produce immagini sulla base di istruzioni scritte, affermando che la piattaforma si basa sull'uso non autorizzato del materiale visivo protetto da copyright di Getty.

I limiti delle leggi sul copyright vengono spesso sottoposti a un nuovo esame in momenti di cambiamento tecnologico – come l’ascesa del podcasting o dei programmi di condivisione di file digitali come Napster – e l’uso dell’intelligenza artificiale è emerso come l’ultima frontiera.

“La decisione della Corte Suprema è sostanzialmente inevitabile”. Riccardo Toffel, ha detto l'ex capo della redazione no-profit ProPublica e consulente del settore giornalistico, dell'ultima ondata di cause legali. “Alcuni editori si accontenteranno per un po’ – incluso The Times, molto probabilmente – ma un numero sufficiente di editori non accetterà che questa nuova e cruciale questione della legge sul copyright debba essere risolta”.

La causa intentata mercoledì sembra seguire una situazione di stallo nei negoziati che coinvolgono The Times, Microsoft e OpenAI. Il Times ha affermato nella sua denuncia di aver contattato Microsoft e OpenAI in aprile per sollevare preoccupazioni sull'uso della sua proprietà intellettuale ed esplorare una “soluzione amichevole” – magari includendo un accordo commerciale e “barriere tecnologiche” attorno ai suoi prodotti di intelligenza artificiale generativa – ma che i colloqui non sono giunti a una soluzione.

Microsoft ha già riconosciuto potenziali problemi di copyright sui suoi prodotti di intelligenza artificiale. nel mese di settembre, Lo ha annunciato la società Se i clienti che utilizzano i suoi strumenti di intelligenza artificiale sono soggetti a reclami sul copyright, li risarcirà e coprirà le spese legali associate.

READ  Un ex CEO di Samsung Elec è stato accusato di aver rubato segreti a un produttore di chip cinese

Altre voci nel settore tecnologico sono state più coerenti nel loro approccio al copyright. In ottobre, ha scritto Andreessen Horowitz, una società di venture capital e uno dei primi sostenitori di OpenAI Nei commenti al Copyright Office degli Stati Uniti Esporre le società di intelligenza artificiale alla responsabilità del copyright “li ucciderebbe o ostacolerebbe in modo significativo il loro sviluppo”.

“Il risultato sarà molta meno concorrenza, molta meno innovazione e molto probabilmente una perdita della posizione degli Stati Uniti come leader nello sviluppo globale dell’intelligenza artificiale”, ha affermato la società di investimento nella sua dichiarazione.

Oltre a cercare di proteggere la proprietà intellettuale, la causa del Times cita ChatGPT e altri sistemi di intelligenza artificiale come potenziali concorrenti nel business delle notizie. Quando ai chatbot viene chiesto informazioni su eventi di attualità o altri argomenti degni di nota, possono generare risposte basate sul giornalismo pubblicato dal Times. Il giornale teme che i lettori siano soddisfatti della risposta del chatbot e si rifiutino di visitare il sito web del Times, riducendo il traffico web che potrebbe tradursi in entrate pubblicitarie e da abbonamenti.

La denuncia cita diversi esempi in cui il chatbot ha fornito agli utenti estratti quasi letterali di articoli del Times che avrebbero richiesto un abbonamento a pagamento per essere visualizzati. Sottolinea che OpenAI e Microsoft hanno posto particolare enfasi sull'utilizzo del giornalismo del Times per addestrare i loro programmi di intelligenza artificiale a causa dell'affidabilità e dell'accuratezza del materiale.

Gli organi di informazione hanno trascorso l'ultimo anno esaminando le implicazioni legali, finanziarie e giornalistiche del boom dell'intelligenza artificiale, e alcuni media hanno già raggiunto accordi per utilizzare il loro giornalismo: Associated Press È stato concluso un accordo di licenza A luglio OpenAI e Axel Springer, l’editore tedesco proprietario di Politico e Business Insider, hanno fatto lo stesso. Questo mese. I termini di tali accordi non sono stati resi noti.

Dopo l'annuncio dell'accordo con Axel Springer, un portavoce di OpenAI ha affermato che la società rispetta “i diritti dei creatori e dei proprietari di contenuti e ritiene che dovrebbero trarre vantaggio dalla tecnologia AI”, aggiungendo: “Siamo ottimisti sul fatto che continueremo a trovare modi di lavorare reciprocamente vantaggiosi”. .” Insieme per supportare un ricco ecosistema di notizie.

Il Times esplora anche come utilizzare la tecnologia emergente. Giornale Affittato di recente Caporedattore per le iniziative AI per sviluppare protocolli per l'uso dell'intelligenza artificiale nelle redazioni e studiare modi per integrare la tecnologia nel giornalismo aziendale.

READ  Previsioni del prezzo del Bitcoin (BTC) per il 2024

In un esempio di come i sistemi di intelligenza artificiale hanno utilizzato i materiali del Times, la causa ha dimostrato che Browsing with Bing, una funzionalità di ricerca di Microsoft basata su ChatGPT, riproduceva risultati quasi letterali da Wirecutter, il sito di recensioni dei prodotti del Times. Tuttavia, i risultati del testo di Bing non si collegavano all'articolo di Wirecutter e hanno rimosso i collegamenti di riferimento nel testo che Wirecutter utilizza per generare commissioni dalle vendite in base ai suoi consigli.

“La diminuzione del traffico verso gli articoli di Wirecutter, e quindi la diminuzione del traffico verso i link di affiliazione, si traduce successivamente in una perdita di entrate di Wirecutter”, afferma la denuncia.

La causa evidenzia anche il potenziale danno al marchio del Times attraverso la cosiddetta “allucinazione dell’intelligenza artificiale”, un fenomeno in cui i chatbot inseriscono false informazioni che vengono erroneamente attribuite a una fonte. La denuncia cita diversi casi in cui il servizio Bing Chat di Microsoft ha fornito informazioni errate che si diceva provenissero dal Times, inclusi i risultati per “i 15 alimenti più salutari per il cuore”, 12 dei quali non erano menzionati nell'articolo del giornale.

“Se il Times e altre testate giornalistiche non riescono a produrre e proteggere il loro giornalismo indipendente, ci sarà un vuoto che nessun computer o intelligenza artificiale potrà riempire”, si legge nella denuncia. “Si produrrà meno giornalismo e il costo per la società sarà enorme”, aggiunge.

Il Times ha assunto lo studio legale Susman Godfrey come principale consulente esterno in questa causa. Sussman ha rappresentato Dominion Voting Systems nel suo caso di diffamazione contro Fox News, che ha portato ad un risarcimento di 787,5 milioni di dollari in aprile. Sussmann Fornito anche Il mese scorso è stata proposta un'azione legale collettiva contro Microsoft e OpenAI per conto di autori di saggistica i cui libri e altri materiali protetti da copyright sono stati utilizzati per addestrare i chatbot delle società.

Benjamin Mullen Contributo ai rapporti.