Settembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il padre di Boston è stato rimosso dalla lista dei trapianti di cuore a causa del deterioramento del vaccino “così tanto, così rapidamente”, dice la famiglia

L’uomo di Boston che era rimosso dalla lista dei trapianti di cuore per non aver ricevuto il vaccino contro il COVID-19 è stato lasciato a combattere per la sua vita martedì dopo aver subito un intervento chirurgico di emergenza a cuore aperto, ha detto la sua famiglia a Tucker Carlson.

DJ Ferguson, 31 anni, padre di due figli con un altro in arrivo, è stato ricoverato al Brigham and Women’s Hospital dopo aver sofferto di insufficienza cardiaca. Secondo quanto riferito, Ferguson è stata diagnosticata un’aritmia diversi anni fa ed era in prima linea per ricevere un trapianto di cuore, ma è stato ritenuto non idoneo quando il personale dell’ospedale ha scoperto che non era vaccinato, hanno detto i suoi genitori “Tucker Carlson stasera“di mercoledì.

Ferguson ha subito un intervento chirurgico di emergenza a cuore aperto della durata di un’ora mentre i medici cercavano di trovare soluzioni temporanee per stabilizzarlo. Ma il suo rapido deterioramento rende un trapianto sempre più urgente, ha detto la sua famiglia.

PAZIENTE A BOSTON RIMOSSO DALLA LISTA DEI TRAPIANTI DI CUORE PERCHÉ NON È VACCINATO: FAMIGLIA

“È stato condotto lungo un percorso in cui hanno dovuto interrompere le procedure in cui hanno affermato che era comunque qualificato per il trapianto di cuore. Ma ha dovuto ottenere il vaccino per ottenere quel trapianto. Si è deteriorato così tanto così rapidamente che hanno dovuto farlo ricorrere alla chirurgia a cuore aperto e fare il LVAD [left ventricular assist device] pompa meccanica, “ha detto il padre del paziente, David Ferguson.” Quindi ora mio figlio ha una pompa, è in via di guarigione. Ha subito sette ore di intervento chirurgico”.

READ  Il comandante ucraino chiede un tentativo di evacuazione internazionale allo stabilimento di Mariupol perché la situazione è "critica"

La madre di DJ, Tracy Ferguson, si è detta “devastata dalla notizia”. La sua compagna di lunga data, Heather Dawson, ha elogiato le cure che il 31enne ha ricevuto da infermieri e medici, ma ha detto che è stato “così scoraggiante” che l’ospedale “ce lo sospenda proprio all’ultimo minuto”.

Il centro cardiovascolare Carl J. e Ruth Shapiro presso il Brigham and Woman’s Hospital di Boston, MA. Brigham and Woman’s Hospital in parte di Partners Healthcare e un ospedale universitario della Harvard Medical School. (Photo by Rick Friedman / rickfriedman.com / Corbis via Getty Images)
(Rick Friedman / rickfriedman.com / Corbis tramite Getty Images)

“È terribile. Fa schifo perché le sue infermiere sono fantastiche. Sono state fantastiche con lui. I suoi medici sono stati fantastici con lui. Ma avendolo penzolante sopra la nostra testa all’ultimo minuto dopo che aveva superato tutti i test, dopo che ricevuto la sua lettera in cui si diceva che era stato accettato nella lista dei trapianti, è così scoraggiante che glielo avrebbero appeso sopra la testa proprio all’ultimo momento “, ha detto a Carlson un emotivo Dawson.

L’ospite ha chiesto se qualcuno è venuto in aiuto della famiglia per rettificare quella che ha definito un'”atrocità morale” commessa dall’ospedale di fama mondiale.

“Non proprio”, disse Dawson. “A parte fondamentalmente solo la raccolta fondi che abbiamo fatto per noi stessi. Siamo entrambi proprietari di piccole imprese indipendenti. E a parte questo, no, non abbiamo ricevuto alcun aiuto”.

CLICCA QUI PER OTTENERE L’APP FOX NEWS

L’ospedale ha detto alla CBS Boston che la sua politica è in linea con altri programmi di trapianto negli Stati Uniti che richiedono il vaccino perché si adatta ai comportamenti di vita dei candidati. La dichiarazione afferma che l’obiettivo dell’ospedale è “creare sia le migliori possibilità di successo dell’operazione sia la sopravvivenza del paziente dopo il trapianto”.

READ  Guerra Russia-Ucraina: aggiornamenti in tempo reale - The New York Times