Gennaio 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il pianeta metallico sembra essere il mondo più leggero intorno a un’altra stella mai scoperto

Il gioco di caccia di pianeti in orbita attorno a esopianeti o altri sistemi stellari coinvolge un nuovo campione dei pesi piuma: un piccolo mondo chiamato GJ367b, la metà della massa della Terra. L’esopianeta più leggero mai scoperto, il GJ 367 b orbita intorno alla sua stella madre in 7,7 giorni ed è insolitamente denso, fatto di ferro quasi puro.

Conosciuto come il “Super-Mercurio” per la sua posizione e struttura, le caratteristiche dell’azienda leggera sfidano i principi di formazione planetaria. Ciò potrebbe indicare che i mondi in miniatura stanno diventando sempre più diversi di quanto si credesse in precedenza.

“È assolutamente gratificante aver scoperto un pianeta come questo”, ha detto Diana Valencia, un’astronoma dell’Università di Toronto che non è stata coinvolta nella scoperta. “È accattivante.”

GJ367B orbita attorno a una fredda stella rossa a circa 31 anni luce dalla Terra. I ricercatori hanno inizialmente scoperto che potrebbe essere utilizzato Satellite di indagine sugli esopianeti in transito della NASA (TESS), Un telescopio spaziale che rileva i mondi vicini misurando il modo in cui i loro ospiti stellari svaniscono mentre si muovono davanti alle facce delle stelle. Poiché questa eclissi crea un piccolo serbatoio di luce ricevuta da una stella, gli astronomi possono usarlo per stimare le dimensioni di un pianeta.

Il mondo appena scoperto si trova a circa 5.700 miglia, tre quarti del nostro pianeta. Le osservazioni di follow-up con lo strumento del telescopio Radial Velocity Planet Searcher (HORPS) ad alta precisione presso il Laboratorio di La Silla in Cile hanno permesso ai ricercatori di rilevarne la massa.

Il rilevatore di arpe cerca di innescare sottili oscillazioni nelle loro stelle madri, gli esopianeti.

READ  Tutte le migliori offerte di videogiochi del Cyber ​​Monday

Poiché la sua massa e il suo diametro sono a portata di mano, gli scienziati possono calcolare la densità di GJ 367 b, il che dimostra che è un extraterrestre rispetto alla maggior parte degli asteroidi. È vicino alla Terra oa Venere, ma con una composizione simile a Mercurio, che è principalmente ferro.

“È una palla strana”, ha detto Christine WF Lam, astronomo e autore principale presso il Centro spaziale tedesco di Berlino. Giovedì una tesina sulla scienza.

Poiché si trova così vicino ai suoi genitori, un lato del GJ 367 b è sempre rivolto verso la stella in fiamme. La sua temperatura diurna dovrebbe salire a 2.700 gradi Fahrenheit, abbastanza calda da fondere roccia e metallo, che diventerà un mondo di lava, ha aggiunto il dottor Lam.

GJ 367 b fornisce agli scienziati un modo per studiare come si formano i mondi più vicini alle stelle. La teoria principale su come si è formato un luogo come Mercurio è che all’inizio della storia del sistema solare, un pianeta roccioso simile alla Terra si è formato vicino al Sole. Enormi rocce spaziali hanno poi colpito questo oggetto, rimuovendo il mondo dalla sua crosta e dalla sua crosta. Che significa Mercurio è fondamentalmente un gigantesco centro planetario Seduto vicino al sole cocente.

Ma il problema con una situazione del genere è che non funziona perfettamente, ha detto il dottor Valencia. I conflitti possono aver spinto gli strati esterni del proto-mercurio, ma il materiale non va lontano. Intrappolati nell’attrazione gravitazionale del sole, le rocce ei metalli rimangono vicini all’orbita e alla fine ritornano sulla superficie dell’oggetto.

READ  I prezzi del petrolio sono ai minimi di 7 settimane ma il titolo è sotto pressione da Reuters

È possibile innescare circostanze speciali sul motivo per cui ciò non è accaduto, ma la presenza di GJ 367 b e oggetti simili non è rara su tali pianeti, ha affermato il dott. Valencia.

“Dobbiamo pensare a come possiamo creare un super-mercurio, non di rado”, ha aggiunto.

Una possibilità è che non ci sia ancora qualcosa nei modelli per la formazione planetaria. Forse elementi densi come il ferro possono in qualche modo avvicinare una stella nei suoi giorni più giovani, ha detto il dott. Valencia. Sebbene mondi come GJ 367 b stiano iniziando a spingere gli scienziati in tale direzione, per ora tale idea rimane speculativa.

Il team che ha scoperto l’asteroide sta già pianificando ulteriori osservazioni sul sistema. Vogliono anche usare un telescopio gigante per raccogliere la luce da GJ 367 b, in grado di rilevare se è atmosferica o se la sua superficie è effettivamente fusa.

I ricercatori hanno scoperto che i mondi grandi sono sempre più facili da scoprire rispetto ai corpi piccoli e che esiste una sequenza di società come il gigante Giove con ogni tipo di composizione e proprietà orbitali. Piccoli oggetti strani come il GJ 367 b continuano a cambiare mentre le tecniche avanzate dei telescopi aprono la ricerca all’altra estremità dello spettro.

“Sei sveglio per ricordare che questi pianeti hanno le loro storie”, ha detto Jonathan Fortney, scienziato planetario presso l’Università della California, a Santa Cruz. “Questo è un altro modo per dimostrare che gli effetti planetari finali saranno molto diversi”.