Maggio 24, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il regolatore dell’UE sta ritardando una decisione sull’accordo con Microsoft Activision dopo che i rimedi sono stati depositati

Il regolatore dell’UE sta ritardando una decisione sull’accordo con Microsoft Activision dopo che i rimedi sono stati depositati

La Commissione Europea ha prorogato il termine per la sua decisione sull’acquisizione da parte di Microsoft di Activision Blizzard da 69 miliardi di dollari.

In una dichiarazione di giovedì, il regolatore della concorrenza dell’Unione Europea ha affermato di aver posticipato il termine provvisorio per decidere l’accordo dal 25 aprile al 22 maggio dopo che Microsoft ha presentato rimedi nel tentativo di ottenere la sua approvazione.

Sebbene i dettagli dei trattamenti offerti non siano stati resi pubblici, Microsoft ha recentemente annunciato diverse partnership per portare Call of Duty su piattaforme di cloud gaming e nuove console in caso di approvazione dell’accordo.

Modern Warfare II + Warzone 2.0 – Annuncio di PlayStation Advantage

“Abbiamo mantenuto la nostra promessa di portare Call of Duty a più giocatori su più dispositivi stipulando accordi per portare il gioco sulla console Nintendo e sui servizi di streaming di giochi cloud offerti da Nvidia, Boosteroid e Ubitus”, ha dichiarato un portavoce di Microsoft. Reuters.

“Ora stiamo sostenendo questa promessa con impegni vincolanti nei confronti della Commissione europea, che garantiranno che questo accordo vada a vantaggio dei giocatori in futuro”.

L’UE chiederà ora un feedback ai concorrenti e ai clienti prima di prendere una decisione sulla fusione.

Reuters aveva precedentemente riferito che era improbabile che la Commissione europea richiedesse la vendita di asset come parte del processo di approvazione dell’accordo.

Tre persone che si dice abbiano familiarità con la questione hanno affermato che la volontà del produttore di Xbox di offrire accordi di licenza di gioco ai concorrenti probabilmente risolverà le preoccupazioni antitrust dell’UE.