Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

James Harden dei Clippers – Può competere con chiunque per vincere un titolo

James Harden dei Clippers – Può competere con chiunque per vincere un titolo

Ohm YoungmisukRedattore dello staff di ESPN2 novembre 2023 alle 20:32 ET5 minuti per leggere

Harden: Non sono un giocatore di sistema, sono un sistema

La guardia dei Clippers appena acquisita James Harden chiarisce i suoi commenti sulle restrizioni a Filadelfia.

Playa Vista, California — James Harden ha detto di aver sacrificato milioni insieme al suo stile di gioco, che secondo lui era “limitante” durante il suo periodo con i Philadelphia 76ers.

Harden ha detto che ha provato a fare ciò che era necessario per vincere a Filadelfia, ma il front office dei 76ers non lo voleva. Ora con i Clippers, Harden spera di poter cambiare alcune delle narrazioni negative che lo circondano dopo le difficili uscite da Brooklyn e Filadelfia e dimostrare di essere ancora una stella d’élite che può eguagliare Kawhi Leonard, Paul George e Russell Westbrook e vincere un titolo. campionato.

Nella sua conferenza stampa introduttiva giovedì presso la struttura dei Clippers, Harden ha descritto ciò che secondo lui non andava a Filadelfia.

“Ho preso 26 milioni di dollari in meno per firmare e migliorare la squadra”, ha detto Harden. “Cambiare il mio ruolo, cioè i media [felt] Lei domina la palla e il mio dominio sulla palla è davvero efficace. Ma cambiando il mio ruolo, cercando di cambiare la narrazione, cercando di sacrificarmi e di fare tutto il necessario per vincere ai massimi livelli. Non se ne parlava. È un’altra laurea.

“Così ho lasciato Brooklyn e ho pensato che mi sarei ritirato dai Sixers, e il front office aveva altri piani. Non mi volevano. … Ci sono molte narrazioni là fuori e la gente pensa di avere un’opinione. . .. Ma niente di tutto ciò è vero.”

Harden ha avuto il suo primo allenamento da giocatore dei Clippers giovedì e rimane sulla buona strada per fare il suo debutto con i Clippers al Madison Square Garden contro i New York Knicks lunedì. L’allenatore dei Clippers Ty Lue ha avuto una pausa di quattro giorni da utilizzare come minicamp per integrare Harden e PJ Tucker nel suo attacco prima di iniziare un viaggio di tre partite a New York.

Harden, che ha registrato 10 assist a partita nelle ultime tre stagioni, spera di poter liberare il suo stile di gioco con Lue. Ha detto che si sentiva limitato mentre era con i Sixers, che era “limitato” e incapace di esibirsi al meglio in attacco, sia facilitando che segnando insieme a Joel Embiid.

Harden ha spiegato che “rimanere limitato” non si applicava necessariamente al numero di scatti che stava effettuando.

“Penso al gioco e sono creativo in campo”, ha detto Harden. “Quindi, se trovo una voce in cui posso dire: ‘Ehi allenatore, vedo questo. Cosa ne pensi di questo?” Qualcuno che si fida di me, crede in me, mi capisce. Non sono un giocatore del sistema. Sono un sistema. Capisci cosa intendo?

“Quindi qualcuno che possa avere quella conversazione con me, capire, andare avanti e apportare modifiche al volo durante le partite, questo è tutto ciò che mi interessa davvero. Non si tratta di me che segna un basket o di segnare 34 punti. Ho già fatto.”

I Clippers vedono Harden come qualcuno che può rendere la vita più facile a Leonard e George. Harden, Leonard, George e Westbrook hanno parlato di sacrificio, di andare oltre le statistiche individuali e di cercare di unirsi per aiutare i Clippers a vincere il loro primo titolo NBA. Essendo tutti riusciti in situazioni del genere, le quattro stelle dovranno spartirsi il basket.

Tuttavia, una cosa che li accomuna è che sono cresciuti nel sud della California e vogliono fare qualcosa di speciale.

“Sono tornato a casa”, ha detto Harden, che ha suonato alla Artesia High School di Lakewood, in California. “Penso solo che il mio livello di comfort sia stare con la mia famiglia e avere dei giocatori davvero bravi in ​​questa squadra. Tutti e quattro i ragazzi vengono dalla California. È una storia unica. Quindi, con tutto questo insieme, aveva semplicemente senso.”

Questa è la terza volta che Harden e Westbrook fanno squadra dopo aver giocato insieme a Oklahoma City e Houston.

“Conosco Ross dai tempi del Boys & Girls Club di Los Angeles”, ha detto Harden. “Quindi il nostro rapporto va oltre il basket. Lui è stato uno dei motivi [of wanting to be traded to the Clippers]. Anche lui sente di avere qualcosa da dimostrare. Abbiamo un obiettivo che stiamo cercando di raggiungere. E quale modo migliore per farlo insieme a Los Angeles.

Harden vede somiglianze tra i Clippers e la sua situazione con Kevin Durant e Kyrie Irving a Brooklyn prima che gli infortuni facessero deragliare la squadra.

“Ero in una situazione simile a Brooklyn, dove c’erano due giocatori che potevano segnare il basket e creare discrepanze con le difese”, ha detto. “Quindi sono bravo nel basket, al di fuori del basket. Pick-and-roll e tiro. Abbiamo degli allenatori davvero bravi. Abbiamo dei giocatori davvero altruisti”.

“Io sospetto [I can] Segna basket. Sono anche un ottimo giocatore di basket. Quindi posso renderlo più semplice.

Harden ha detto che non vede l’ora di dimostrare molto con i Clippers.

“Tutto”, ha detto Harden quando gli è stato chiesto cosa doveva dimostrare. “Sono un’élite come individuo, quindi posso adattarmi a chiunque e arrivare al campionato.

“Quindi penso che siamo tutti sulla stessa lunghezza d’onda per quanto riguarda le statistiche individuali e tutte quelle cose che ci sono sfuggite. Abbiamo tutti un obiettivo e penso che tutti sappiano qual è quell’obiettivo.”

READ  Dave Dombrowski chiede se i Phillies firmeranno nuovamente Aaron Nola e Rhys Hoskins – NBC Sports Philadelphia