Novembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Federal Reserve alza i tassi di interesse per la quarta volta quest’anno

La Federal Reserve alza i tassi di interesse per la quarta volta quest'anno

La Federal Reserve ha compiuto un passo coraggioso mercoledì per combattere l’impennata dell’inflazione annunciando un altro aumento di tre quarti di punto percentuale del tasso di interesse. L’aumento arriva quando i banchieri centrali devono affrontare un difficile equilibrio: tagliare i prezzi elevati in mezzo ai crescenti timori di un rallentamento economico.

L’ultimo aumento porta il tasso sui fondi federali tra il 2,25% e il 2,50%, il livello più alto nell’estate del 2019 prima della pandemia di coronavirus.

Questo rappresenta Quarto aumento del tasso Quest’anno i prezzi al consumo sono aumentati al ritmo più veloce degli ultimi 40 anni. Cinque mesi fa, il tasso sui fondi federali era vicino allo zero per cento. Nella riunione di giugno, il FOMC ha aumentato il tasso sui fondi federali di un più aggressivo 75 punti base per la prima volta in quasi 30 anni dopo averlo aumentato rispettivamente di 25 punti base e 50 punti base nelle riunioni di marzo e maggio.

Con i prezzi al consumo in aumento di oltre il 9% rispetto allo scorso anno, sono previsti ulteriori aumenti dei prezzi fino alla fine dell’anno. Al loro incontro il mese scorsoI funzionari della Federal Reserve si aspettavano che il tasso salisse a oltre il 3% entro il 2023. Il comitato si riunirà di nuovo a settembre, novembre e dicembre.

La Fed ha indicato di aspettarsi un ulteriore aumento dei tassi. Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha dichiarato mercoledì che un altro aumento “straordinariamente ampio” del tasso alla prossima riunione potrebbe essere “appropriato”, ma il comitato prende questa decisione con una riunione, dopo la quale è probabile che gli aumenti rallentino. Powell ha riconosciuto la possibilità di aumentare gli aumenti l’anno prossimo.

READ  5 cose da sapere prima dell'apertura del mercato azionario mercoledì 28 settembre
Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell
Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell parla durante una conferenza stampa a Washington, DC, il 27 luglio 2022.

MANDEL NGAN / AFP tramite Getty Images


L’aumento del tasso sui fondi federali ha aumentato gli oneri finanziari per gli americani. Secondo Greg McBride, capo analista finanziario di Bankrate.com, il debito a tasso variabile come le carte di credito e le linee di credito di equità domestica sarà maggiormente influenzato.

“I consumatori dovrebbero considerare le offerte di trasferimento del saldo delle carte di credito a basso tasso e farlo urgentemente per proteggersi da ulteriori aumenti delle tariffe e fare progressi nel pagamento del debito”, ha affermato McBride. “Chiedi al tuo prestatore se l’impostazione di un tasso di interesse sul tuo saldo azionario in sospeso è un’opzione.”

L’aumento del tasso dei fondi Fed arriva quando molti altri dati economici chiave sono previsti questa settimana. Giovedì, il Dipartimento del Commercio pubblicherà il suo rapporto sul prodotto interno lordo per il secondo trimestre del 2022, che potrebbe mostrare più segnali che gli Stati Uniti sono in recessione dopo che un indicatore dell’attività economica è diminuito nel primo trimestre dell’anno.

Lunedì, il presidente Biden ha dichiarato durante un evento che gli Stati Uniti non saranno in recessione, rilevando che il tasso di disoccupazione si sta avvicinando al livello pre-pandemia del 3,6%. Durante il fine settimana, il segretario al Tesoro Janet Yellen, che in precedenza ha anche ricoperto il ruolo di presidente della Federal Reserve, ha riconosciuto in un’intervista che l’economia sta rallentando, ma ha affermato che non è un’economia in recessione. Se gli Stati Uniti sono in recessione è determinato dal National Bureau of Economic Research. Yellen dice che l’economia è in transizione.

“Non credo che gli Stati Uniti siano attualmente in recessione”, ha detto Powell. Ha osservato che molte aree dell’economia stanno andando “molto bene”. Powell ha fatto riferimento in particolare al mercato del lavoro, dicendo che la crescita dell’occupazione sta rallentando, ma c’è da aspettarselo. “Questo è un mercato del lavoro molto forte”.

Il Dipartimento del Commercio pubblicherà anche il suo ultimo rapporto sull’indice dei prezzi PCE di giugno venerdì, la misura di inflazione preferita dalla Fed.