Dicembre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La mappa stellare più antica del mondo conosciuta è stata trovata nascosta in un manoscritto medievale

Più di 2.100 anni fa, l’astronomo greco Ipparco ha mappato le stelle e per molto tempo il suo documento è stato considerato il primo tentativo umano di assegnare coordinate numeriche ai corpi stellari. Ma nonostante la sua fama, l’esistenza del trattato era nota solo attraverso gli scritti di un altro famoso astronomo, Claudio Tolomeo, che compilò il suo inventario celeste circa 400 anni dopo.

Finora, questo è.

I ricercatori ritengono di aver trovato frammenti di un documento storico perduto di Ipparco nascosti in un manoscritto medievale.

“Questa nuova prova è la più affidabile fino ad oggi e consente di compiere progressi significativi nella ricostruzione del catalogo di stelle di Ipparco”, afferma uno studio sulla scoperta pubblicato sulla rivista Science. La storia dell’astronomia la settimana scorsa. La scoperta potrebbe gettare nuova luce non solo sul tentativo di Ipparco di mappare il cielo notturno attraverso misurazioni e calcoli accurati, ma anche sulla storia dell’astronomia.

Ipparco, noto anche come il padre della trigonometria, è spesso considerato il più grande astronomo dell’antica Grecia. Parti della sua mappa stellare sembrano essere apparse nel Codex Climaci Rescriptus, un libro di testi siriaci scritti nel X o XI secolo le cui pagine furono cancellate in modo da poter essere riutilizzate (una pratica comune di riciclaggio all’epoca), ma sono ancora chiare tracce alla sua forma precedente. Questa particolare pergamena proveniva dal monastero greco-ortodosso di Santa Caterina nel Sinai egiziano, sebbene il Museo della Bibbia a Washington, DC ora possieda la maggior parte delle carte manoscritte.

L’imaging multispettrale rivela il testo greco migliorato in rosso sotto il testo siriaco nero.

Museo della Bibbia

diverso da Biblioteca elettronica dei primi manoscritti in California e Progetto Lazzaro con sede a Rochester Institute of Technology Ha svelato il testo oscurato e le misurazioni utilizzando molte lunghezze d’onda della luce, una tecnica nota come imaging multispettrale.

Successivamente, i ricercatori dell’Università della Sorbona e dell’Università di Cambridge sono stati in grado di decifrare le descrizioni dei gruppi a quattro stelle. Non solo è stata svelata la mappatura di Ipparco, ma il team ha anche affermato che le prove digitali scoperte di recente sono in gran parte coerenti con quella. veramente coordinate stellari.

Ciò renderebbe il catalogo di Ipparco più accurato del successivo manuale di astronomia di Tolomeo, sebbene i ricercatori riconoscano che lavorano con un piccolo campione e che grandi errori possono essere trovati in parti del catalogo stellare di Ipparco che non sono ancora sopravvissute o non sono state rilevate. .

Gli scienziati affermano che il Codex Climaci Rescriptus può ancora rivelare altre osservazioni stellari di Ipparco.

Le tecnologie digitali avanzate continuano a ripristinare parti vitali del patrimonio culturale in documenti che l’occhio umano non può vedere a causa di danni, deterioramento o cancellazione intenzionale.

Il suo imaging multispettrale invia testo Una delle più antiche copie conosciute degli scritti dell’antico matematico greco Archimede. è un Scopri i segreti delle pergamene danneggiato dall’eruzione del Vesuvio, Oggetti esposti dai Rotoli del Mar MortoE il storicamente Frammenti della Bibbia sono stati recuperati dalle grotte di Qumran, in Israele.

READ  La NASA scopre che aspetto ha un buco nero e pubblica un "remix" dello spazio