Maggio 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La NASA annulla una missione di test multimiliardaria per la manutenzione dei satelliti

La NASA annulla una missione di test multimiliardaria per la manutenzione dei satelliti
Ingrandire / Illustrazione artistica della navicella spaziale OSAM-1 (in basso) attaccata al satellite Landsat 7 (in alto) in orbita.

NASA

La NASA ha annullato una missione fuori budget e in ritardo rispetto al programma per dimostrare la tecnologia di manutenzione automatizzata dei satelliti in orbita, fermando un progetto che è costato 1,5 miliardi di dollari e che probabilmente sarebbe costato quasi 1 miliardo di dollari in più per raggiungere la rampa di lancio.

La missione On-Orbit Service, Assembly and Manufacturing 1, nota come OSAM-1, avrebbe incontrato un vecchio satellite Landsat in orbita e avrebbe tentato di rifornirlo di carburante, dimostrando anche come un braccio robotico potesse costruire un'antenna nello spazio. La navicella spaziale per la missione OSAM-1 è stata parzialmente costruita, ma la NASA ha annunciato venerdì che i funzionari hanno deciso di annullare il progetto “dopo una revisione approfondita e indipendente del progetto”.

L'agenzia spaziale ha citato “le sfide tecniche, di costo e di pianificazione in corso” per la decisione di cancellare OSAM-1.

Crescita della missione

Il costo della missione è aumentato vertiginosamente da quando la NASA ha lanciato ufficialmente il progetto nel 2016. Lo scopo originale della missione prevedeva solo una dimostrazione di rifornimento di carburante, ma nel 2020 i funzionari si sono concentrati sull’obiettivo dell’assemblaggio in orbita. Ciò ha comportato l’aggiunta di un complesso equipaggiamento chiamato Space Infrastructure Dexterous Robot (SPIDER) – essenzialmente un braccio robotico di 5 metri – per assemblare sette elementi strutturali in un’unica antenna di comunicazione in banda Ka.

L'aggiunta di SPYDER significa che la missione verrà lanciata con tre bracci robotici, inclusi due accessori necessari per mantenere in orbita il satellite Landsat 7 per una dimostrazione di rifornimento. Con questo cambiamento di portata, il nome della missione è cambiato da Restore-L a OSAM-1.

READ  I giocatori hanno fatto causa a Microsoft per aver ostacolato la sua fusione con Activision

UN Un rapporto dell'ispettore generale della NASA dell'anno scorso Delinea i ritardi nelle attività e il superamento dei costi. Dal 2016, l’agenzia spaziale ha chiesto al Congresso 808 milioni di dollari per acquistare Restore-L e OSAM-1. I legislatori hanno risposto donando alla NASA quasi 1,5 miliardi di dollari per finanziare lo sviluppo della missione, quasi il doppio di quanto la NASA ha dichiarato di volere.

Restore-L, e successivamente OSAM-1, hanno sempre avuto il sostegno del Congresso. La missione è stata gestita dal Goddard Space Flight Center della NASA nel Maryland. L'ex senatrice Barbara Mikulski (D-Md.) è stata una delle principali sostenitrici delle missioni NASA lanciate da Goddard, incluso il telescopio spaziale James Webb. Era la principale democratica nella commissione per gli stanziamenti del Senato quando il Congresso ha iniziato a finanziare Restore-L alla fine del 2015.

A un certo punto, la NASA aveva previsto che la missione Restore-L sarebbe costata tra i 626 e i 753 milioni di dollari e avrebbe potuto essere pronta per il lancio nella seconda metà del 2020. Ma ciò non è avvenuto e la missione continua a dover affrontare ritardi e aumenti dei costi. L'ultimo programma pubblico per OSAM-1 mostrava una data di lancio nel 2026.

Nel 2020, dopo che la missione Restore-L è stata riconfigurata come OSAM-1, la NASA ha stabilito ufficialmente un budget per la missione ribattezzata. All’epoca, la NASA dichiarò che la progettazione, la costruzione, il lancio e il funzionamento sarebbero costati 1,78 miliardi di dollari. Un comitato di revisione indipendente creato dalla NASA lo scorso anno per esaminare la missione OSAM-1 ha stimato che il progetto totale potrebbe costare fino a 2,35 miliardi di dollari, secondo Jimmy Russell, portavoce della NASA.

READ  Il nuovo e-book di Steam Deck delinea la visione a lungo termine di Valve

Anche la realtà del mercato della manutenzione satellitare è cambiata dal 2016. Ci sono molte aziende che lavorano su tecnologie di manutenzione satellitare commerciale, e l’industria satellitare si è allontanata dal rifornimento di carburante di veicoli spaziali non alimentati, come OSAM-1 avrebbe dimostrato con le sue immagini della Terra lunare. 7. Satelliti.

Invece, le aziende si stanno concentrando maggiormente sull’estensione della vita dei satelliti in altri modi. Northrop Grumman ha sviluppato il Mission Extension Vehicle, che può collegarsi a un satellite e fornire manovrabilità senza interrompere il rifornimento del veicolo spaziale del cliente. Altre aziende stanno esaminando satelliti progettati fin dall'inizio con porti di rifornimento. L’esercito americano desidera mettere in orbita depositi di carburante e navi cisterna per servire regolarmente i propri satelliti, dando loro la possibilità di manovrare e bruciare costantemente propellente senza preoccuparsi di rimanere senza carburante.