Febbraio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La navicella spaziale Juno si prepara a dare un'occhiata più da vicino alla luna torturata di Giove

La navicella spaziale Juno si prepara a dare un'occhiata più da vicino alla luna torturata di Giove

La sonda Jupiter Curiosity della NASA sta diventando più amichevole con la luna più volatile del pianeta, Io. La navicella spaziale Juno effettuerà l'incontro più ravvicinato che qualsiasi missione abbia mai avuto con la luna vulcanica in più di 20 anni, raccogliendo preziosi indizi sulla sua misteriosa attività.

Giunone volerà vicino a Io sabato 30 dicembre, a una distanza di 930 miglia (1.500 chilometri) dalla superficie infernale della luna gioviana, secondo NASA. La sonda spaziale ha osservato Io durante i precedenti sorvoli di maggio e luglio da distanze che vanno da 6.830 miglia (11.000 chilometri) a più di 62.100 miglia (100.000 chilometri). Questo prossimo sorvolo è una rara opportunità per avvicinarsi e conoscere personalmente Io, il corpo più attivo dal punto di vista vulcanico nel sistema solare.

“Combinando i dati di questo sorvolo con le nostre osservazioni precedenti, il team scientifico di Juno sta studiando come differiscono i vulcani di Io”, ha detto in una nota Scott Bolton, il ricercatore principale di Juno. “Stiamo osservando la frequenza con cui eruttano, quanto sono luminosi e caldi, come cambia la forma del flusso di lava e come l’attività di Io si collega al flusso di particelle cariche nella magnetosfera di Giove”.

Essendo la più profonda delle grandi lune di Giove, Io è inserita tra l'enorme attrazione gravitazionale di Giove, così come l'attrazione gravitazionale delle sue lune sorelle Europa e Ganimede. Di conseguenza, la Luna è in un costante stato di espansione e compressione, il che contribuisce alla sua attività vulcanica. La luna gioviana ha centinaia di vulcani e laghi di lava silicatica fusa sulla sua superficie.

READ  Uno strano nuovo studio suggerisce di vivere all'interno di asteroidi

La navicella spaziale Juno della NASA studia il sistema gioviano dal 2016 e ha catturato alcune immagini straordinarie di Giove e delle sue lune ghiacciate Ganimede ed Europa. In ottobre, Giunone catturò una visione minacciosa di Io, rivelandone la superficie carbonizzata nel cielo Vista più ravvicinata della luna Questa dimensione. Anche Giunone Ho scattato un'accogliente foto di famiglia di Giove e Io A settembre, il gigante gassoso e la sua luna furono rivelati fianco a fianco.

Durante il prossimo sorvolo di Io, la navicella spaziale metterà a fuoco tutte e tre le sue telecamere sulla giovane luna. Il Jovian Infrared Auroral Mapper (JIRAM), che cattura immagini a infrarossi, raccoglierà le firme termiche emanate dai vulcani sulla superficie della Luna, mentre il modulo di riferimento stellare della sonda (una telecamera stellare di navigazione) catturerà l'immagine con la più alta risoluzione mai vista della superficie di Io. preso. L'imager JunoCam scatterà immagini a colori della luce visibile della luna.

Juno effettuerà un secondo sorvolo ravvicinato di Io il 3 febbraio 2024, quando la navicella spaziale arriverà a circa 930 miglia (1.500 chilometri) dalla superficie lunare. Durante i prossimi sorvoli, gli scienziati avranno l’opportunità di raccogliere insieme i dati forniti da Giunone Osservazioni remote dai telescopi spaziali Hubble e Webb.

“Attraverso i nostri sorvoli di dicembre e febbraio, Giunone indagherà sulla fonte della massiccia attività vulcanica di Io, se c'è un oceano di magma sotto la sua crosta e l'importanza delle forze di marea provenienti da Giove, che esercitano incessantemente pressione su questa luna torturata.” Bolton ha detto.

Per ulteriori viaggi nello spazio nella tua vita, seguici X (precedentemente Twitter) e segnalibro personalizzato Gizmodo Pagina del volo spaziale.