Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La pelle di dinosauro mummificato scricchiola da antichi coccodrilli

La pelle di dinosauro mummificato scricchiola da antichi coccodrilli

Iscriviti alla newsletter di Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte sorprendenti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

La pelle di un dinosauro di 67 milioni di anni ha rivelato morsi e ferite di un antico coccodrillo e il modo in cui la sua carne si è lacerata potrebbe spiegare perché è stato mummificato.

La pelle si degrada molto più facilmente delle ossa, quindi è molto raro trovare pelle fossilizzata di dinosauro.

Una nuova ricerca sull’Edmontosaurus di 7 metri (23 piedi), un adrosauro mangiatore di piante trovato vicino alla città di Marmarth, nel Dakota del Nord, nel 1999 fa luce sui fattori che hanno permesso alla pelle di sopravvivere per eoni.

“I segni dei morsi erano davvero inaspettati. Si pensava che i tessuti molli non si sarebbero preservati se fossero stati danneggiati prima della sepoltura, quindi il danno causato dai carnivori è ciò che ci ha davvero fatto pensare a come si sono formati questi fossili, in primo luogo”, University of Tennessee Department of Earth and Planetary Sciences, è coautore del nuovo studio.

I paleontologi pensavano che un dinosauro, o qualsiasi creatura preistorica, dovesse essere sepolto molto rapidamente per preservare i tessuti molli, ma non era il caso di questo povero adrosauro.

I ricercatori pensano che i segni di morsi sul braccio dell’adrosauro provenissero da un antico parente di coccodrillo, ma non sono sicuri di quale tipo di animale gli abbia graffiato la coda o squittito, anche se probabilmente era più grande. Non è chiaro se le ferite al braccio e alla coda lo abbiano ucciso o se siano state causate da spazzini dopo la sua morte.

Tuttavia, ha spiegato Drumheller-Horton, è stata la sfortuna dei dinosauri che ha permesso alla sua pelle di preservarsi.

“Per cercare di metterlo nel minor disgusto possibile, perforare la pelle ha permesso ai gas e ai fluidi associati alla successiva decomposizione di fuoriuscire. Quella pelle vuota è stata lasciata asciugare. Una pelle mummificata naturalmente come questa potrebbe durare da settimane a mesi anche in ambienti un po’ umidi, e più dura, più è probabile che venga sepolto e pietrificato.

Non si pensa che il colore bluastro della pelle fossilizzata rifletta come sarebbe stato quando il dinosauro era vivo. Tuttavia, l’alto contenuto di ferro nelle rocce durante il processo di fossilizzazione potrebbe averle influenzate.

Sebbene sia spesso raffigurato come un grigio verdastro, il colore della maggior parte dei dinosauri è in gran parte sconosciuto. Studi sui fossili Le piume di dinosauro hanno rivelato che alcune erano sorprendentemente colorate.

Tuttavia, la pelle dell’adrosauro ha fornito molte informazioni sulle dimensioni e sui modelli delle squame sul corpo del dinosauro, nonché sulla quantità di massa muscolare che aveva, in base all’estensione della pelle in quell’area.

“La pelle si rompe molto più facilmente delle ossa, quindi sono necessari processi diversi e meno comuni per preservare la pelle abbastanza a lungo da essere sepolta e fossilizzata”, ha affermato il coautore della ricerca Clint Boyd, capo paleontologo del North Dakota Geological Survey.

Ha detto che potrebbero esserci state meno di 20 vere “mummie” di dinosauri, con set completi o quasi completi di resti di tessuti molli.

“Per contestualizzare, ho trovato migliaia di fossili nella mia carriera, ma solo una di quelle impronte della pelle conservata (un’impronta digitale della pelle, non la pelle conservata stessa) e non ne ho mai trovata una che abbia la pelle “, ha detto Boyd via e-mail.

La ricerca è stata pubblicata in Mercoledì PLOS One magazine.

READ  La misteriosa pietra di Ipazia potrebbe contenere le prime prove di una supernova di tipo Ia