Febbraio 1, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La produzione in Cina si sta contraendo drasticamente con l’aumento dei casi di COVID

Una fabbrica tessile il 30 dicembre 2022 nella provincia di Jiangxi. L’attività manifatturiera cinese si è contratta a dicembre al ritmo più rapido in quasi 3 anni.

Vcc | Cina gruppo ottico | Immagini Getty

L’attività delle fabbriche cinesi si è contratta per il terzo mese consecutivo a dicembre e al ritmo più veloce in quasi tre anni, poiché le infezioni da Covid hanno colpito le linee di produzione in tutto il paese dopo l’improvviso ritiro delle misure anti-virus da parte di Pechino.

Il National Bureau of Statistics (NBS) ha dichiarato sabato che il suo indice ufficiale dei responsabili degli acquisti (PMI) è sceso a 47,0 da 48,0 di novembre. Gli economisti intervistati da Reuters si aspettavano che il PMI si attestasse a 48,0. Il segno di 50 punti separa la contrazione dalla crescita su base mensile.

Il calo è stato il più grande dai primi giorni della pandemia nel febbraio 2020.

I dati hanno fornito la prima istantanea ufficiale del settore manifatturiero dopo che la Cina ha rimosso le restrizioni Covid più severe del mondo all’inizio di dicembre. La società di dati sanitari con sede nel Regno Unito Airfinity ha stimato che le infezioni cumulative hanno probabilmente raggiunto i 18,6 milioni a dicembre.

Gli analisti hanno affermato che l’aumento delle infezioni potrebbe causare carenze temporanee di manodopera e aumentare le interruzioni della catena di approvvigionamento. Reuters ha riferito mercoledì che Tesla piano per correre A gennaio ha abbassato il programma di produzione nello stabilimento di Shanghaiper estendere al prossimo anno la produzione ridotta iniziata questo mese.

L’indebolimento della domanda esterna sulla scia dei crescenti timori di una recessione globale tra l’aumento dei tassi di interesse, l’inflazione e la guerra in Ucraina potrebbe ulteriormente rallentare le esportazioni della Cina, danneggiando il suo enorme settore manifatturiero e ostacolando la ripresa economica.

READ  Il fotografo di Fox News e giornalista ucraino veterano sono stati uccisi durante il servizio

Sebbene il (PMI di fabbrica) sia stato inferiore alle attese, è difficile per gli analisti fare una previsione ragionevole data l’incertezza che circonda il virus nell’ultimo mese”.

Chu Hao

Capo economista, Guotai Junan International

“La maggior parte degli impianti che conosco sono ben al di sotto di quello che potrebbero essere in questo periodo dell’anno per gli ordini del prossimo anno. Molti degli impianti con cui ho parlato sono al 50%, alcuni sono meno del 20%”, ha affermato Cameron Johnson , partner di Tidalwave. Solutions, una società di consulenza per la supply chain.

“Quindi, anche se la Cina si sta aprendo, la produzione sta ancora rallentando perché il resto dell’economia globale sta rallentando. Le fabbriche avranno lavoratori, ma non avranno ordini”.

NBS ha affermato che il 56,3% dei produttori intervistati ha riferito di essere stato colpito in modo significativo dalla pandemia a dicembre, con un aumento di 15,5 punti percentuali rispetto al mese precedente, sebbene la maggior parte abbia anche affermato di aspettarsi che la situazione migliori gradualmente.

Speranze di recupero?

“Sebbene (PMI di fabbrica) sia stato inferiore alle attese, è difficile per gli analisti fare una previsione ragionevole data l’incertezza legata al virus nell’ultimo mese”, ha affermato Zhou Hao, capo economista presso l’intermediazione Guotai Junan International.

“Nel complesso, riteniamo che il peggio per l’economia cinese sia alle nostre spalle e ci aspetta una forte ripresa economica”.

L’Autorità di vigilanza bancaria e assicurativa del Paese si è impegnata questa settimana a intensificare il sostegno finanziario alle piccole imprese e private nei settori della ristorazione e del turismo che sono stati duramente colpiti dalla pandemia di Covid-19, sottolineando che la ripresa dei consumi sarà una priorità.

I dati NBS hanno mostrato che il PMI non manifatturiero, che esamina l’attività del settore dei servizi, è sceso a 41,6 da 46,7 di novembre, la lettura più bassa da febbraio 2020.

Il PMI composito ufficiale, che combina manifattura e servizi, è sceso a 42,6 da 47,1.

“Le settimane che precedono il capodanno cinese continueranno a essere impegnative per il settore dei servizi, poiché le persone non vorranno uscire e spendere più del necessario per paura dell’infezione”, ha affermato Mark Williams, capo economista asiatico di Capital Economics.

“Ma le prospettive dovrebbero essere migliori quando le persone torneranno dalle vacanze del capodanno cinese: le infezioni diminuiranno di nuovo e una percentuale significativa di persone avrà avuto il covid recente e sentirà di avere un certo grado di immunità”.