Dicembre 5, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La star di Los Angeles Shoaib Ohtani ha abbattuto 13 battitori 5-0 in una partita contro i Kansas City Royals.

Anaheim, California – Shohai Othani Segue una rigida routine in ogni aspetto della sua vita. La sua meticolosa produzione è stata un successo anche prima di lanciare un lancio, con 12 minuti di ritardo sulla sua ultima cresta iniziata da una cerimonia pre-partita in onore dei campioni delle World Series 2002 di Los Angeles.

L’inizio leggermente accidentato ha portato a una seconda incredibile notte consecutiva per la superstar a due vie.

Ohdani ha segnato 13 punti su otto inning dominanti su una palla da 2 colpi, e l’MVP dell’American League ha raggiunto la base tre volte nella vittoria per 5-0 di mercoledì su Los Angeles contro i Kansas City Royals.

Dopo aver rinunciato a due singoli per iniziare il primo inning, Ohdani (6-4) si è ritirato 16 di fila per i Royals e 23 degli ultimi 24 battitori che ha affrontato. Quando è stato abbinato all’inizio più lungo della sua carriera in major league, ha concesso un solo ritmo corridore nei suoi ultimi sette inning, rapidamente spazzato via da un doppio su una passeggiata.

“Penso che la cosa più importante sia stata mettere quello zero nel primo inning dopo aver rinunciato a quelle prime due vittorie”, ha detto Othani tramite il suo traduttore. “Ci sono riuscito, ha dato il tono alla partita. Volevo andare il più lontano possibile, ma non pensavo proprio al conteggio dei campi all’inizio della partita”.

Illuminando il cielo oltre il campo centrale in Big A sullo sfondo di un raro temporale della California meridionale, Ohdani ha eseguito una singola e due passeggiate sul piatto nella sua ultima esibizione elettrificata a due vie.

READ  La direzione di Biden cerca di ristabilire la regola di vaccinazione del governo sul posto di lavoro

Una notte, dopo che Ohdani ha segnato due homer da tre punti e segnato otto punti con una sconfitta in più inning, ha stabilito il record personale per gli strikeout sventagliando. Emanuele Rivera Al suo 108esimo e ultimo lancio.

Il manager ad interim degli Angels, Bill Nevin, ha detto: “Ci ha messo sulle spalle.” Ho pensato di portarlo all’ottavo posto, ed è stato irremovibile: “No. Questo è mio. Io resterò. ‘ … che giornata. Che prestazione da parte sua».

David McKinnon Gli Angels hanno ottenuto la loro prima vittoria in major league con un settimo singolo RBI, evitando una serie di vittorie con una quarta vittoria in sei partite complessive. Luigi Rengifo McKinnon ha avuto un RBI duecento al settimo posto prima di colpire il punteggio da destra a sinistra in quel singolo, sacrificando la sua prima carriera solo due inning prima dell’RBI.

Dopo aver segnato 18 punti nelle due precedenti partite all’Angel Stadium, i Royals hanno chiuso per la seconda volta in quattro giorni e per la decima volta in questa stagione. Kansas City vince ancora per sette su cinque.

“È una scena”, ha detto il manager dei Royals Mike Matheny. “È un insieme di tiri davvero unici. Non credo che troverai molti compagni con tutte le armi che abbiamo visto oggi. Ha lanciato tre diversi cursori e un cutter e una curva. A 100 (mph) … è sarà una giornata difficile sul piatto”.

Ohdani non ha battuto Matt di recente, concedendo solo una corsa nei suoi ultimi 20 inning in tre partenze. Al suo inizio più recente in casa due settimane fa, ha lanciato sette inning su una singola corsa, ed è anche cresciuto in casa con una vittoria che ha battuto il record di 14 partite del proprietario degli Angels.

READ  Le squadre di soccorso rilevano le montagne scomparse dal crollo del ghiacciaio italiano

Spirito Merryfield E Andrea Benindendi Ha giocato da solo nelle prime due battaglie pubblicitarie dei Royals contro Ohdani, ma ha sconfitto tutti i battitori che ha affrontato fino a quando Merfield non ha fatto una passeggiata nel sesto gioco – Penindenti è rapidamente sceso in doppio.

Ohtani ha superato il secondo tempo due volte a 99 mph nel secondo tempo, mentre ha confuso Kansas City, segnando 34 colpi combinati sull’altalena e sul colpo.

Daniel Lynch (3-7) Non così efficace per i Royals all’inizio, ma il mancino ha abilmente chiuso gli Angels fino a quando non sono stati caricati nel secondo inning con due walk e un singolo infield. Lynch, che ha lasciato dopo la mosca sacrificale di McKinnon, ha concesso tre vittorie e cinque passeggiate in 104 tiri.

Mike Trota Gli Angels hanno avuto un giorno libero, lasciando la loro linea di combattimento senza un pugno decisivo. Ma MacKinnon è diventato il battitore impossibile della squadra, rivendicando la sua prima vittoria in major league da quando è stato convocato per il debutto in MLB lo scorso fine settimana.

McKinnon era deliziato dai suoi swing rivoluzionari, ma altri aspetti del gioco lo tenevano eccitato.

“Voglio giocare sul campo dietro Shoaib e vedere quanto è bravo”, ha detto McKinnon. “Essere qui è pazzesco.”

Stanza dell’allenatore

reali: c Salvador Perez Matheny ha detto di essersi seduto fuori dopo essersi infortunato di nuovo al pollice sinistro durante un’altalena martedì notte, ma il team determina ancora la gravità dell’infortunio dopo un esame di risonanza magnetica.

Angeli: RHP Jimmy Herket È andato in una lista di infortuni di 15 giorni con un ostacolo alla spalla destra. I giocatori destri Elvis Beguro e Oliver Ortega provenivano da Triple-A Salt Lake, mentre un debuttante casuale Dimmer di canna Solo sei partenze sono scese dopo aver lanciato un no-hitter.

READ  Ultime notizie sulla guerra in Ucraina: il pubblico avverte di attacchi aerei russi

Prossimo

Reali: Zack Greenke dovrebbe essere escluso dalla lista degli infortunati venerdì quando Kansas City inizierà la serie di tre partite del fine settimana contro l’Auckland in casa. Greinke (0-4, 5.05 ERA) è entrato nell’IL tre settimane fa con un avambraccio stretto.

Angeli: Dopo un giorno libero a casa, Los Angeles dà il via alla serie di tre partite del weekend contro Seattle venerdì sera. Nessuna squadra ha confermato un giocatore titolare.