Luglio 13, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’accordo sul tetto del debito degli Stati Uniti ha raggiunto la Camera dei Rappresentanti tra una feroce opposizione conservatrice

L’accordo sul tetto del debito degli Stati Uniti ha raggiunto la Camera dei Rappresentanti tra una feroce opposizione conservatrice
  • Di Anthony Searcher
  • Corrispondente nordamericano
didascalia dell’immagine,

Il repubblicano del Texas Chip Roy ha tentato senza successo di bloccare il disegno di legge martedì

Nonostante le proteste di alcuni repubblicani intransigenti, un accordo bipartisan per aumentare il tetto del debito degli Stati Uniti dovrebbe raggiungere l’aula della Camera dei Rappresentanti per un voto mercoledì sera.

Se la maggioranza dei legislatori alla Camera approverà, il disegno di legge andrà al Senato degli Stati Uniti. Ecco una guida su come si sta svolgendo il dramma a Capitol Hill e su cosa accadrà dopo.

Dopo mesi di negoziati, il presidente Joe Biden e il presidente della Camera repubblicano Kevin McCarthy hanno finalmente raggiunto un accordo per aumentare l’importo che l’America può prendere in prestito, evitare il default sul debito nazionale e limitare la spesa federale per i prossimi due anni.

Ora la coppia è impegnata a vendere il contratto del fine settimana al Congresso. La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti dovrebbe votare per la prima volta sull’accordo mercoledì sera. I leader repubblicani e democratici credono di avere i voti per approvare un disegno di legge – forse con un buon margine – anche con alcune defezioni a sinistra ea destra.

Tali regole danno ai singoli senatori ampi poteri per ritardare la legislazione per giorni. C’è poco margine di errore o ritardo, con gli Stati Uniti che hanno raggiunto il tetto del debito stimato dal Tesoro degli Stati Uniti lunedì 5 giugno.

Mike Lee dello Utah, un repubblicano conservatore, ha minacciato di utilizzare “ogni strumento pratico” per rallentare l’accordo. Lui e altri repubblicani dissenzienti potrebbero essere scossi se il Senato permettesse alla camera di votare modifiche al trattato.

Tuttavia, se una qualsiasi di queste modifiche venisse approvata, potrebbe minacciare l’equilibrio attentamente negoziato nella legislazione e spingere l’approvazione finale oltre il 5 giugno.

Titolo del video,

Vedi: Spiegazione del tetto del debito – entro 90 secondi

Sia i leader democratici che quelli repubblicani del Senato sono d’accordo con l’accordo mentre viene negoziato e lavoreranno per garantire che un voto finale venga preso rapidamente e che l’accordo sul tetto del debito raggiunga la scrivania di Biden per la firma della legge prima del default. può succedere.

I mercati finanziari sembrano essersi calmati mentre la prospettiva di turbolenze economiche globali si attenua mentre la più grande economia del mondo va in default con un debito di $ 31,4 trilioni (£ 25 trilioni).

Ciò potrebbe cambiare mentre gli Stati Uniti si avvicinano alla scadenza del tetto del debito di lunedì senza progressi significativi al Congresso. Nel 2011, l’agenzia di rating del credito Standard & Poor’s ha declassato il debito degli Stati Uniti, un declassamento simile che ha spinto il paese più vicino al tetto del debito.

La strada per vendere l’affare è stata finora difficile. Martedì è diventato chiaro che alcuni estremisti conservatori alla Camera si sarebbero opposti all’accordo.

Anche i democratici di sinistra si sono lamentati. Sostengono che i tagli di bilancio proposti ricadrebbero solo sui programmi sociali e alcuni si oppongono a nuove esigenze di lavoro per i beneficiari di aiuti a basso reddito.

I sostenitori della linea dura democratica, tuttavia, sono meno organizzati – e meno espliciti nelle loro obiezioni – rispetto alle loro controparti conservatrici.

Martedì scorso, in una conferenza stampa sui gradini del Campidoglio degli Stati Uniti, 11 membri dell’ultraconservatore House Freedom Caucus si sono scagliati contro quelli che vedevano come tagli alla spesa e limiti di bilancio insufficienti nella legislazione di riconciliazione.

Il membro del Congresso Scott Perry, presidente del gruppo, ha dichiarato che l’accordo è stato un totale fallimento: coloro che gli sono stati accanto “sono assolutamente contrari a questo accordo e faranno tutto ciò che è in nostro potere per bloccarlo”.

Quando gli è stato chiesto se avrebbero chiesto la rimozione di McCarthy, hanno schivato la domanda, il che si sarebbe aggiunto alla spaccatura tra i repubblicani alla Camera.

“Qualunque cosa accada, se non fermiamo questo disegno di legge entro domani, ci sarà una resa dei conti per quello che è successo”, ha avvertito il membro del Congresso Chip Roy del Texas, un altro membro del Freedom Caucus.

Potrebbe esserci qualche contraccolpo sia alla Camera che al Senato da parte dei Democratici di sinistra, che si sono lamentati di come i tagli di bilancio proposti siano ricaduti sui programmi sociali e si sono opposti a nuovi requisiti di lavoro per alcuni beneficiari di aiuti a basso reddito.

I sostenitori della linea dura democratica, tuttavia, sono meno organizzati – e meno espliciti nelle loro obiezioni – rispetto alle loro controparti conservatrici.