Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Arabia Saudita taglia la sua produzione di petrolio a luglio e l’OPEC estende l’accordo fino al 2024

L’Arabia Saudita taglia la sua produzione di petrolio a luglio e l’OPEC estende l’accordo fino al 2024
  • I sauditi offrono nuovi tagli volontari di 1 milione di barili al giorno per luglio
  • Obiettivi russi, nigeriani e angolani allineati con la produzione
  • Gli Emirati hanno permesso di aumentare la produzione

VIENNA (Reuters) – L’Arabia Saudita effettuerà profondi tagli alla produzione a luglio come parte del più ampio accordo OPEC+ per limitare la produzione, mentre il gruppo deve far fronte al calo dei prezzi del petrolio e all’incombente offerta di lusso.

Il ministro dell’Energia saudita, il principe Abdulaziz, ha affermato che il taglio di Riyadh di 1 milione di barili al giorno potrebbe essere esteso oltre luglio, se necessario. “Questo è un lecca-lecca saudita”, ha detto.

L’OPEC+, che comprende l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e gli alleati guidati dalla Russia, ha raggiunto un accordo sulla politica produttiva dopo sette ore di colloqui e ha deciso di tagliare gli obiettivi di produzione complessivi dal 2024 a 1,4 milioni di barili al giorno.

Tuttavia, molti di questi tagli non saranno reali poiché il gruppo ha abbassato gli obiettivi per Russia, Nigeria e Angola per allinearli agli attuali livelli di produzione.

Al contrario, agli Emirati Arabi Uniti è stato consentito di aumentare la produzione.

L’OPEC + pompa circa il 40% del greggio mondiale, il che significa che le sue decisioni politiche possono avere un impatto significativo sui prezzi del petrolio.

L’OPEC+ ha già attuato un taglio di 2 milioni di barili al giorno concordato lo scorso anno e che rappresenta il 2% della domanda mondiale.

READ  Alaska Airlines cancella più di 120 voli, avverte di interruzioni del fine settimana - KIRO 7 News Seattle

Ad aprile, ha anche concordato un taglio volontario a sorpresa di 1,6 milioni di barili al giorno che è entrato in vigore a maggio fino alla fine del 2023.

Domenica l’Arabia Saudita ha dichiarato che estenderà la sua quota di tagli volontari di 0,5 milioni di barili al giorno fino al 2024. Non è chiaro se il taglio di luglio di 1 milione di barili al giorno fosse superiore a 0,5 milioni di barili al giorno o se quest’ultimo sarebbe stato incluso nel taglio di luglio.

L’annuncio di aprile ha contribuito a spingere i prezzi del petrolio di quasi 9 dollari al barile sopra gli 87 dollari, ma sono rapidamente scesi sotto la pressione delle preoccupazioni sulla crescita economica globale e sulla domanda. Venerdì, il greggio di riferimento internazionale Brent si è attestato a 76 dollari.

I paesi occidentali accusano l’OPEC di manipolare i prezzi del petrolio e di indebolire l’economia globale attraverso gli alti costi energetici. L’Occidente ha anche accusato l’OPEC di essere al fianco della Russia nonostante le sanzioni occidentali per l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

In risposta, gli addetti ai lavori dell’OPEC hanno affermato che la stampa di denaro da parte dell’Occidente negli ultimi dieci anni ha spinto l’inflazione e costretto i paesi produttori di petrolio a lavorare per preservare il valore delle loro principali esportazioni.

I paesi asiatici, come la Cina e l’India, hanno acquistato la quota maggiore delle esportazioni di petrolio della Russia e si sono rifiutati di aderire alle sanzioni occidentali contro la Russia.

(Copertura) Ahmed Ghaddar, Alex Lawler, Maha El Dahan e Julia Payne. Scritto da Dmitry Zhdannikov; Montaggio di Barbara Lewis e David Holmes

READ  Interruzione Internet: Spotify, Discord e altro sono finalmente tornati

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.