Novembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’asteroide che ha spazzato via i dinosauri ha causato un “megatsunami”

L'asteroide che ha spazzato via i dinosauri ha causato un "megatsunami"

Sospensione

Sessantasei milioni di anni fa, un asteroide largo nove miglia si scontrò con la Terra, innescando un’estinzione di massa che spazzò via la maggior parte dei dinosauri e tre quarti delle specie animali e vegetali del pianeta. Ora stiamo imparando che anche il cosiddetto asteroide Chicxulub ha generato enormi “megatsunami” con onde alte più di un miglio.

studia, Pubblicato su AGU Advances, ha recentemente permesso agli scienziati di ricostruire l’impatto dell’asteroide. Gli scienziati sono stati in grado di stimare i gravi effetti della collisione, che includeva uno tsunami globale che ha causato inondazioni in tutto il mondo.

Oltre ad aiutare a mettere insieme i dettagli sulla fine dei dinosauri, i ricercatori hanno affermato che i risultati hanno fornito informazioni sulla geologia della fine del periodo Cretaceo.

“Questo è stato uno tsunami globale”, ha affermato Molly Ring, una scienziata dell’Università del Michigan e corrispondente ricercatrice dello studio. “Tutto il mondo ha visto questo.”

La NASA annuncia un clamoroso successo con il test di reindirizzamento degli asteroidi

Dopo l’impatto dell’asteroide, ci saranno aumenti estremi del livello dell’acqua in due fasi, ha scoperto il team: l’onda sul bordo e le successive onde dello tsunami.

“Se fai cadere un sasso in una pozza d’acqua, c’è quel punto iniziale”, ha detto Rang.

Queste onde limite possono raggiungere un’altezza inimmaginabile di un miglio – e questo prima che lo tsunami inizi davvero, stima il giornale.

“Poi vedi un effetto a cuneo con l’acqua che viene espulsa simmetricamente [from the impact site]”, ha detto Ring, osservando che l’asteroide Chicxulub ha colpito il Golfo del Messico a nord di quella che oggi è la penisola dello Yucatan.

READ  La perdita di idrogeno liquido interrompe il terzo tentativo di test della NASA per alimentare l'Artemis I SLS Moon Rocket

Dopo i primi 10 minuti dopo la collisione, tutti i detriti sospesi nell’aria associati all’asteroide avevano smesso di cadere nella baia e di spostare l’acqua.

“Si è calmato abbastanza e si è formato il cratere”, ha detto Rang. Questo è stato il momento in cui lo tsunami ha iniziato a correre attraverso l’oceano alla velocità di un jet commerciale.

“I continenti sembravano un po’ diversi”, ha detto Rang. “La maggior parte della costa orientale del Nord America e la costa settentrionale dell’Africa hanno visto facilmente onde alte più di 8 metri. Non c’era terra tra il Nord e il Sud America, quindi l’onda è andata nell’Oceano Pacifico”.

Ring ha confrontato l’episodio con il famigerato tsunami di Sumatra nel 2004 che seguì un terremoto di magnitudo 9,2 al largo della costa occidentale del nord di Sumatra. Morirono più di 200.000 persone.

Più di 60 milioni di anni fa, ha detto Ring, un megatsunami aveva 30.000 volte più energia rispetto al 2004.

Per simulare il megatsunami, il team di scienziati ha utilizzato il codice idraulico, un programma per computer 3D che modella il comportamento dei fluidi. I programmi Hydrocode funzionano dividendo digitalmente il sistema in una serie di piccoli blocchi simili a Lego e quindi calcolando le forze che agiscono su di esso in tre dimensioni.

I ricercatori si sono basati su ricerche precedenti e hanno ipotizzato che il meteorite avesse un diametro di 8,7 miglia e una densità di circa 165 libbre per piede cubo, all’incirca il peso di un maschio medio ripieno all’interno di un volume delle dimensioni di una cassa del latte. Ciò significa che l’intero asteroide pesava probabilmente circa 2 quadrilioni di libbre, ovvero 2 seguiti da 15 zeri.

READ  Il rover Perseverance su Marte filma i detriti del suo atterraggio

Dopo che il codice idraulico ha prodotto una simulazione delle fasi iniziali dell’impatto e dei primi 10 minuti di uno tsunami, la modellazione è stata convertita in una coppia di modelli sviluppati dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) per far fronte alla diffusione del tsunami negli oceani globali. Il primo si chiamava MOM6.

“Inizialmente abbiamo iniziato a utilizzare il modello MOM6 che è un modello oceanico per tutti gli usi, non solo un modello di tsunami”, ha affermato Ring. Il team è stato costretto a fare ipotesi sulla batimetria, o sulla forma e sulla pendenza del fondale marino, nonché sulla profondità dell’oceano e sulla struttura del cratere dell’asteroide. Queste informazioni, insieme alla forma d’onda dello tsunami dal modello della lama d’acqua, sono state iniettate in MOM6.

Oltre a costruire un modello, i ricercatori dello studio hanno esaminato le prove geologiche per studiare il corso e la forza dello tsunami.

Il coautore di Range Ted Moore ha trovato prove di disturbi significativi negli strati di sedimenti negli altipiani oceanici e nelle coste in più di 100 siti, supportando i risultati della simulazione del modello di studio.

La modellazione ha previsto velocità del flusso dello tsunami di 20 cm al secondo lungo la maggior parte delle spiagge del mondo, più che sufficienti per disturbare ed erodere i sedimenti.

I ricercatori hanno affermato che i risultati geologici hanno aggiunto fiducia alle loro simulazioni di modelli.

Andando avanti, il team spera di saperne di più sulla quantità di inondazioni che hanno accompagnato lo tsunami.

“Vorremmo guardare al diluvio, cosa che non abbiamo fatto solo con questo lavoro attuale”, ha detto Ring. “Hai davvero bisogno di conoscere la batimetria e la topografia.”

READ  Un nuovo tipo di starburst termonucleare