Maggio 22, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le autorità statunitensi e giapponesi mettono in guardia dal gruppo di hacker BlackTech legato alla Cina

Le autorità statunitensi e giapponesi mettono in guardia dal gruppo di hacker BlackTech legato alla Cina

Un uomo tiene in mano un laptop mentre gli viene mostrato un codice elettronico in questa illustrazione scattata il 13 maggio 2017. REUTERS/Kacper Pempel/Illustration/file Photo Ottenere i diritti di licenza

TOKYO (Reuters) – La National Security Agency americana, il Federal Bureau of Investigation e la polizia giapponese hanno messo in guardia congiuntamente le società multinazionali affiliate al gruppo BlackTech collegato alla Cina con un avviso di sicurezza informatica mercoledì sera.

Il comune ConsulenteIl rapporto, che proviene anche dalla Cybersecurity and Infrastructure Security Agency degli Stati Uniti e dalla sua controparte giapponese, esorta le aziende a rivedere i router Internet presso le loro filiali per ridurre il rischio di un potenziale attacco da parte del gruppo.

“BlackTech ha dimostrato capacità nel modificare il firmware del router senza essere rilevato e nello sfruttare le relazioni di fiducia del settore affinché i router passino dalle filiali internazionali alle sedi centrali in Giappone e negli Stati Uniti, che sono gli obiettivi principali”, si legge nella dichiarazione.

L’agenzia nazionale di polizia giapponese ha affermato in una dichiarazione separata che BlackTech è impegnata in attacchi informatici contro governi e aziende del settore tecnologico negli Stati Uniti e nell’Asia orientale dal 2010 circa.

Nel 2020, l’autorità di sicurezza autogovernata di Taiwan ha segnalato attacchi informatici agli account di posta elettronica di circa 6.000 funzionari governativi di Blacktech e di un altro gruppo di hacker Taidoor, affermando che entrambi erano probabilmente sostenuti dal Partito comunista cinese.

In mezzo alle crescenti tensioni tra Stati Uniti e Cina su questioni che includono Taiwan, i funzionari della sicurezza statunitense stanno alzando il tono dei loro avvertimenti contro le capacità di attacco informatico cinese. Il capo dell’FBI Chris Wray ha dichiarato all’inizio di questo mese che la Cina “ha un programma di hacking più grande di qualsiasi altro grande paese messo insieme”.

READ  ArcelorMittal sta valutando una potenziale offerta per US Steel

A maggio, le autorità di sicurezza informatica in Australia, Canada, Nuova Zelanda e Regno Unito giuntura Le agenzie statunitensi emetteranno un avviso sugli “attori informatici sponsorizzati dallo stato” in Cina.

Il Washington Post ha affermato il mese scorso che il Giappone, un alleato chiave degli Stati Uniti nell’Asia orientale insieme alla Corea del Sud, è stato attaccato da hacker militari cinesi che hanno ottenuto l’accesso alle sue reti segrete di difesa nel 2020. Il Pentagono ha affermato di essere fiducioso nella condivisione dell’intelligence con il Giappone su Nonostante il rapporto.

Segnalato da Kantaro Komiya; A cura di Michael Perry

Questa è la soluzione:トムソン・ロイタ「信頼の原則」

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Kantaro scrive di tutto, dagli indicatori economici giapponesi ai missili nordcoreani alla regolamentazione globale delle società di intelligenza artificiale. I suoi articoli precedenti sono stati pubblicati su The Associated Press, Bloomberg, The Japan Times e Rest of the World. Kantaro, originario di Tokyo, si è laureato alla DePauw University negli Stati Uniti e ha ricevuto il premio Scholar 2020 della Foreign Press Club Foundation.