Maggio 25, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le catene di fast food rimangono aperte in Russia e per lo più tranquille in Ucraina

Le catene di fast food rimangono aperte in Russia e per lo più tranquille in Ucraina

McDonald’s non ha rilasciato alcuna dichiarazione sull’invasione. Un portavoce dell’azienda non ha risposto alle domande sul fatto che i suoi ristoranti in Russia siano aperti e su come ricevono forniture o gestiscono i pagamenti. Logistica globale e compagnie di navigazione Fermate le spedizioni verso la Russia e l’accesso a importanti servizi finanziari internazionali e Sistemi di pagamento chiuso nel paese.

Inoltre, PepsiCo non ha rilasciato dichiarazioni sulle sue operazioni in Russia e i suoi portavoce non hanno risposto a più e-mail in cerca di commenti. L’azienda dice sul suo sito web sito web È il più grande produttore di alimenti e bevande in Russia e ha investito centinaia di milioni di dollari in tre Fabbriche nel paese. L’anno scorso, la Russia ha rappresentato 3,4 miliardi di dollari, ovvero più del 4% dei ricavi di PepsiCo di 79,4 miliardi di dollari.

PepsiCo ha stipulato un accordo all’inizio degli anni ’70 che ha permesso alla Russia di farlo bottiglia Pepsi è diventato il primo prodotto di consumo americano ad essere prodotto e venduto in Unione Sovietica. In cambio, una filiale dell’azienda, che già commercializzava vodka sovietica, ricevette i diritti esclusivi per vendere champagne, vino e brandy sovietico negli Stati Uniti. Alla fine degli anni ’80, i sovietici lo concessero, rinnovando il loro accordo con la PepsiCo veloce di navi.

In una dichiarazione ai dipendenti globali di venerdì, il CEO di Starbucks Kevin Johnson ha condannato “gli attacchi immotivati, ingiusti e orribili” all’Ucraina da parte della Russia.

Il signor Johnson ha aggiunto che la società donerà tutte le royalties che riceverà dalle sue operazioni in Russia agli sforzi di soccorso umanitario in Ucraina insieme ad altri contributi finanziari. Sabato, A sito web allegro Per Starbucks in Russia, gestito dal conglomerato kuwaitiano Gruppo Alshayaha mostrato che quasi 130 negozi nel paese sono aperti e operativi con il normale orario lavorativo.

READ  Ora puoi chiedere a Google di rimuovere il tuo numero di telefono, email o indirizzo dai risultati di ricerca - Krebs On Security

Yum Brands, che ha più di 1.000 KFC e 50 Pizza Huts in Russia, tutti di proprietà e gestiti da franchisee, ha affermato di fare donazioni finanziarie a diverse organizzazioni di aiuto umanitario.

Per quanto riguarda le operazioni in Russia, la società ha affermato in una dichiarazione che sta “monitorando da vicino l’evoluzione della situazione” e che è troppo presto per discuterne l’impatto.