Maggio 26, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le critiche di Trump a Israele vanno contro il Partito Repubblicano e seminano incertezza

Le critiche di Trump a Israele vanno contro il Partito Repubblicano e seminano incertezza

Le crescenti critiche dell’ex presidente Trump alla guerra di Israele contro Hamas a Gaza segnano una netta rottura con i punti di discussione del GOP a sostegno del diritto di Israele all’autodifesa.

Gli alleati di Trump hanno minimizzato l’intervista rilasciata la scorsa settimana ai giornalisti israeliani, affermando che il suo forte sostegno a Israele continuerà durante un eventuale secondo mandato.

Ma i suoi commenti degli ultimi giorni sottolineano le posizioni ambigue di Trump su alcune delle principali questioni di sicurezza nazionale che dovrà affrontare se tornerà alla Casa Bianca.

John Bolton, che ha servito per 17 mesi come consigliere per la sicurezza nazionale alla Casa Bianca di Trump, ha detto a The Hill che la posizione dell’ex presidente su Israele dipenderà in gran parte dall’ambiente che erediterà e da ciò che meglio serve i suoi interessi.

“Fondamentalmente, Trump non ha una politica di sicurezza nazionale”, ha detto Bolton, descrivendo l’approccio dell’ex presidente come “ad hoc”.

“Vede le cose principalmente attraverso il prisma di: ‘Questo andrà a beneficio di Donald Trump?’”, ha aggiunto Bolton.

Trump ha criticato la distruzione di Gaza da parte di Israele durante un’intervista con i giornalisti israeliani la scorsa settimana, e ha ripetuto alcune di quelle critiche giovedì in un’intervista con il conduttore radiofonico conservatore Hugh Hewitt.

“Israele sta perdendo completamente la guerra delle pubbliche relazioni”, ha detto Trump a Hewitt, criticando le immagini trasmesse in tutto il mondo che mostrano la massiccia distruzione di Gaza.

“Devi farla finita, devi tornare alla normalità. Non sono sicuro che mi piaccia il modo in cui lo fanno, perché devi vincere”, ha detto Trump, senza rispondendo direttamente se era “al 100% con Israele”.

In un'intervista al quotidiano “Israel Hayom” la scorsa settimana, ha affermato che Israele ha commesso un “enorme errore” con i bombardamenti su Gaza.

Trump ha aggiunto: “Israele deve migliorare nella promozione e nelle pubbliche relazioni perché in questo momento è nel caos”. “Penso che siano stati gravemente feriti, in termini di pubbliche relazioni.”

Trump ha criticato in passato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. “Fanculo”, ha detto Trump di Netanyahu durante un’intervista del 2021 con Barak Ravid di Axios, dopo che il leader israeliano aveva riconosciuto la vittoria del presidente Biden nelle elezioni del 2020.

READ  Convoglio umanitario a Gaza e le ultime notizie sulla guerra tra Israele e Hamas: aggiornamenti in tempo reale

Ha anche attaccato Netanyahu subito dopo gli attacchi del 7 ottobre, criticando il leader israeliano per essere impreparato di fronte a un attacco di Hamas e sfruttando una denuncia del 2020 presentata da Israele. Ho fatto marcia indietro Dall’unirsi agli Stati Uniti in un attacco che ha ucciso un importante generale iraniano.

“Non dimenticherò mai che Bibi Netanyahu ci ha deluso. “È stata una cosa davvero terribile”, ha detto Trump a un gruppo di sostenitori pochi giorni dopo il 7 ottobre, mentre Israele vacillava con un bilancio delle vittime di oltre 1.100 persone.

Ma un ex alto funzionario dell’amministrazione Trump ha affermato che i recenti commenti dell’ex presidente non indicano una rottura con le politiche del suo primo mandato, che in generale erano un pieno appoggio all’agenda di Netanyahu.

Un ex alto funzionario dell’amministrazione Trump ha dichiarato: “L’ex presidente è ancora favorevole verso Israele e la natura dell’alleanza strategica, e non credo che ciò porterà ad alcun risultato”.

Hill si è rivolto alla campagna di Trump per commentare le sue politiche nei confronti di Israele e della guerra di Gaza.

Sam Markstein, direttore politico nazionale della Coalizione ebraica repubblicana, ha affermato che la reazione alle critiche di Trump nei confronti di Israele è stata esagerata.

Ha aggiunto: “La controversia non è propriamente una controversia. Non esiste un 'lì lì', nel senso che tutto ciò che il presidente diceva – secondo noi – è che Israele ha bisogno di tempo e spazio per sconfiggere Hamas e salvare gli ostaggi”. Egli ha detto. “Questa è la conclusione del commento dal nostro punto di vista, e cercare di trasformarlo in qualcosa che non è non è utile alla conversazione.”

Trump ha commentato solo periodicamente la guerra di Israele contro Hamas da quando è iniziata quasi sei mesi fa, soprattutto quando gli è stato chiesto in merito nelle interviste. Ha dato un messaggio contrastante, spesso concentrando l’impatto della guerra sulla politica interna.

Trump ha affermato che Israele deve “porre fine al problema” a Gaza, indicando il suo sostegno all’uso della forza da parte di Israele. Ha anche criticato gli ebrei che sostengono i democratici, sostenendo che “odiano tutto di Israele e dovrebbero vergognarsi di se stessi perché Israele sarà distrutto”.

READ  Le Filippine chiedono ai suoi vicini di elaborare una legge sul Mar Cinese Meridionale

Storicamente Israele ha goduto di un ampio sostegno da entrambi i lati della politica americana.

Quando gli è stato chiesto se i commenti di Trump minacciassero il bipartitismo, Markstein ha inquadrato le osservazioni dell’ex presidente come intese a motivare gli ebrei democratici a rispondere alle critiche rivolte al loro partito.

“Penso che la questione dei commenti di Trump sia: come possono i democratici ebrei non essere più arrabbiati per ciò che sta accadendo con il loro silenzio, con le loro voci, e questa, penso fosse la linea principale, come possono non essere più arrabbiati per ciò che sta accadendo? È Sta accadendo.” “Lo ha detto nel suo modo trumpiano, ma penso che sia questo il punto principale.”

Ha continuato: “Il bipartitismo per Israele è sempre un pezzo importante del puzzle… Sono anni che incoraggiamo la parte democratica a stare attenta”.

Il presidente Biden ha dovuto affrontare la crescente frustrazione dei progressisti per il suo continuo sostegno a Israele, nonostante la sua crescente frustrazione per le morti civili e la fame a Gaza. Questa tensione è stata esacerbata questa settimana da un raid israeliano che ha ucciso sette operatori umanitari nella World Central Kitchen con sede negli Stati Uniti.

Alcuni democratici moderati hanno chiesto a Biden di condizionare il futuro aiutante di Israele a ridurre le minacce contro i civili, mentre la senatrice Elizabeth Warren (D-Mass.) ha detto giovedì che cercherà di bloccare la prevista vendita di dozzine di aerei da combattimento F-15 a Israele . Israele a causa della sua brutalità a Gaza.

Trump ha fornito pochi dettagli su come avrebbe gestito il conflitto se fosse stato in carica, oltre a sostenere ripetutamente che gli attacchi di Hamas non sarebbero avvenuti se fosse stato ancora presidente, citando l’intensa campagna di pressione della sua amministrazione sull’Iran.

Markstein ha affermato che una potenziale seconda amministrazione Trump si concentrerà sull’isolamento dell’Iran e dei suoi delegati in Libano, Siria, Iraq e Yemen, che stanno conducendo battaglie per procura contro Israele e le forze statunitensi nella regione.

READ  Il pilota che ha decapitato il suo aereo con l'ala del suo aereo è stato giudicato colpevole di omicidio colposo

“Bloccando la strada verso l’Iran [reinstituting] “La massima pressione, fermando questa politica di debolezza e pacificazione, è un pezzo chiave dell’intero puzzle”, ha detto Markstein.

“Se si tagliasse la testa del serpente, il terrorismo e attività come il 7 ottobre sarebbero molto meno probabili. Penso che sia una linea principale davvero importante.”

“Gli Accordi di Abraham 2.0 dovrebbero essere una priorità”, ha aggiunto Markstein, riferendosi agli sforzi compiuti dalla precedente amministrazione Trump, e proseguiti dall’amministrazione Biden, per rafforzare le relazioni tra Israele e Arabia Saudita.

New York Times segnalato mercoledì Trump ha recentemente avuto una conversazione con il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

Il principe Mohammed ha chiesto a Israele di fermare la guerra a Gaza, con l'obiettivo di raggiungere un importante accordo che includa controversi impegni americani in materia di sicurezza in cambio dell'apertura delle relazioni con Gerusalemme.

L’amministrazione Biden sta cercando un accordo a più livelli con l’Arabia Saudita e Gerusalemme volto a risolvere la guerra di Israele contro Hamas e a creare uno Stato palestinese, ma questo è irto di insidie.

David Friedman, l’ambasciatore americano in Israele sotto Trump, ha elaborato una proposta affinché Israele chieda la piena sovranità sulla Cisgiordania, cosa che metterebbe di fatto fine a ogni speranza per una soluzione a due Stati, secondo New York Times.

La capacità di Trump di apportare cambiamenti importanti nella politica in Medio Oriente può dipendere in gran parte dall’equilibrio di potere al Congresso, nonché da chi è responsabile del portafoglio all’interno della sua amministrazione.

“Il personale è una politica. Bisogna considerare chi entra a far parte dell'amministrazione e chi sono i suoi consiglieri chiave”, ha detto l'ex alto funzionario dell'amministrazione Trump.

Molti degli individui che probabilmente si concentreranno su Israele e sul Medio Oriente nella seconda amministrazione hanno una lunga tradizione di alleanza con Israele su questioni di sicurezza.

Copyright 2024 Nexstar Media Inc. tutti i diritti sono salvi. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.