Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’economia del Regno Unito è scivolata in una recessione tecnica alla fine del 2023

L’economia del Regno Unito è scivolata in una recessione tecnica alla fine del 2023

Una vista dello skyline del quartiere finanziario di Londra.

Mike Kemp | Nelle immagini | Immagini Getty

LONDRA – I dati preliminari hanno mostrato giovedì che l'economia britannica è scivolata in una recessione tecnica nell'ultimo trimestre dello scorso anno.

L'Office for National Statistics ha affermato che il prodotto interno lordo del Regno Unito si è contratto dello 0,3% negli ultimi tre mesi dell'anno, segnando il secondo calo trimestrale consecutivo.

Anche se non c'è La definizione ufficiale di recessioneUna crescita negativa per due trimestri consecutivi è ampiamente considerata una recessione tecnica.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano emesso una previsione di consenso del -0,1% per il periodo ottobre-dicembre.

Tutti e tre i principali settori dell’economia hanno subito una contrazione nel quarto trimestre, con l’Ufficio per le statistiche nazionali che ha citato un calo dello 0,2% nei servizi, dell’1% nella produzione e dell’1,3% nella produzione edilizia.

Si stima che nell’intero 2023 il PIL del Regno Unito sia aumentato solo dello 0,1% rispetto al 2022. A dicembre la produzione si è contratta dello 0,1%.

Il ministro delle Finanze britannico Jeremy Hunt ha affermato che l’elevata inflazione rimane il “più grande ostacolo alla crescita” perché costringe la Banca d’Inghilterra a mantenere costanti i tassi di interesse e impedisce la crescita economica.

Ha aggiunto: “Ma ci sono segnali che l'economia britannica sta attraversando una fase difficile; i meteorologi concordano sul fatto che la crescita si rafforzerà nei prossimi anni, che i salari stanno aumentando più velocemente dei prezzi, che i tassi ipotecari sono bassi e che la disoccupazione rimane bassa. .”

L'inflazione è scesa significativamente nel Regno Unito, ma rimane ben al di sopra di quella delle altre economie del paese e dell'obiettivo del 2% della Banca d'Inghilterra, mettendo sotto pressione le finanze delle famiglie. A gennaio il valore dell’indice dei prezzi al consumo era pari al 4% su base annua.

READ  Apple sta rinunciando alla sua posizione sull'App Store di fronte alle autorità di regolamentazione olandesi e a Tinder

Una recessione “superficiale e di breve durata”.

Marcus Brooks, direttore degli investimenti di Quilter Investors, ha affermato che i dati probabilmente suggeriscono che la recessione sarà “probabilmente superficiale e di breve durata e potrebbe non riflettere il vero stato dell'economia”, che è destinata a vedere una “ripresa modesta” per tutto il 2024.

“La contrazione del PIL del Regno Unito a dicembre e nel quarto trimestre del 2023 è dovuta principalmente all’inflazione persistentemente elevata, alle debolezze strutturali del mercato del lavoro e alla minore crescita della produttività, ma anche a condizioni meteorologiche avverse”, ha affermato Brooks via e-mail.

“Questi fattori hanno influenzato la performance dei settori dei servizi e dell’edilizia, che sono i principali motori dell’economia del Regno Unito”.

Ha sottolineato che alcuni di questi ostacoli sono temporanei e hanno già cominciato ad allentarsi, poiché il dato sull'inflazione di gennaio era inferiore alle aspettative di una riaccelerazione.

Brooks ha aggiunto: “Nei prossimi mesi prevediamo un calo dell’inflazione, il che potrebbe allentare la pressione sulle famiglie del Regno Unito e sostenere la ripresa dell’economia guidata dai consumi”.

“L’indicatore chiave da tenere d’occhio è l’inflazione del settore dei servizi, che rappresenta la maggior parte dell’attività economica e dell’occupazione del Regno Unito e riflette la forte crescita dei salari e della domanda dei consumatori, che sono cruciali per la ripresa del Regno Unito”.

Neil Birrell, chief investment officer di Premier Miton Investors, ha affermato che i numeri di giovedì e i dati sull'inflazione più deboli del previsto “potrebbero sollevare alcune preoccupazioni sulla forza economica del prossimo anno”.

“La maggior parte dei settori dell’economia sono stati deboli, ma gli ottimisti sottolineano il fatto che c’è ampio spazio per tagliare i tassi di interesse se l’attuale tendenza dell’inflazione e della crescita dovesse accelerare”.

READ  Le azioni hanno aperto al ribasso poiché sono aumentate le preoccupazioni per la banca