Settembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’invito di Macron e Putin all’Ucraina lascia il presidente francese convinto che “il peggio deve ancora venire”

“Il tuo paese pagherà caro perché finirà per essere un paese isolato, debole e sanzionato per troppo tempo”, ha detto Macron a Putin, aggiungendo che Macron “ha invitato Vladimir Putin a non mentire”.

La conversazione, che la presidenza francese ha affermato essere stata avviata da Putin, è avvenuta quando i funzionari ucraini avrebbero dovuto tenere colloqui con una delegazione russa, secondo funzionari russi e ucraini. Ma sulla base degli scambi dei due leader, giovedì non vi era alcuna indicazione che una soluzione diplomatica potesse essere in vista, secondo i funzionari francesi.

Il servizio di notizie del Cremlino ha citato Putin per aver detto a Macron che gli obiettivi della “operazione militare speciale” – il termine usato dal Cremlino per riferirsi all’invasione russa dell’Ucraina – “sarebbero stati comunque raggiunti”.

Secondo la dichiarazione, Putin ha detto a Macron: “I tentativi di guadagnare tempo ritardando i negoziati porteranno solo a requisiti aggiuntivi per Kiev nella nostra posizione negoziale”.

Un alto funzionario francese, che ha parlato in condizione di anonimato perché è una pratica del governo francese, ha affermato che i commenti di Putin riflettono “la determinazione a continuare l’operazione militare e portarla fino alla fine”.

Secondo il servizio di stampa del Cremlino, Putin si è anche opposto a un discorso alla nazione di Macron mercoledì, in cui ha condannato il “brutale attacco” di Putin all’Ucraina e ha affermato che “Putin ha scelto la guerra”.

Nel suo discorso, Macron ha anche affermato che le affermazioni di Putin di voler “screditare” l’Ucraina sono una “menzogna” e “un insulto alla storia di Russia e Ucraina, alla memoria dei nostri anziani che hanno combattuto fianco a fianco contro il nazismo”.

READ  12 persone sono state uccise e 251 ferite in una fuga di gas cloro nel porto della Giordania

Rispondendo direttamente ai commenti di giovedì, il servizio di notizie del Cremlino ha affermato che Putin non era d’accordo con “molti punti” sollevati nel discorso di Macron e ha negato che la Russia fosse dietro i bombardamenti delle principali città ucraine, nonostante le prove schiaccianti del contrario.

Macron è l’unico leader occidentale che è stato in costante contatto pubblico con Putin dall’invasione dell’Ucraina, in uno sforzo descritto dalla presidenza francese come un tentativo di tenere aperte le porte a negoziati significativi. Anche Putin e Macron hanno parlato lunedì e giovedì.

Prima dell’invasione, Macron ha guidato gli sforzi occidentali per impedire l’escalation della crisi attraverso i canali diplomatici, recandosi a Mosca il mese scorso per tenere in contatto Putin. Da metà dicembre i due leader si sono parlati più di una dozzina di volte, secondo la presidenza francese. Macron ha avuto frequenti contatti anche con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky – giovedì scorso, dopo la sua telefonata con Putin.

Robin Dixon a Mosca e Claire Parker a Washington hanno contribuito a questo rapporto.