Febbraio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Messaggio del primo ministro del Bangladesh Sheikh Hasina all'India: “Quando abbiamo perso la nostra famiglia…” | notizie dal mondo

Messaggio del primo ministro del Bangladesh Sheikh Hasina all'India: “Quando abbiamo perso la nostra famiglia…” |  notizie dal mondo

Domenica il primo ministro del Bangladesh Sheikh Hasina ha ringraziato l'India per il suo sostegno durante la guerra di liberazione contro il Pakistan nel 1971 e per aver fornito “riparo” alla sua famiglia nel 1975, quando molti dei suoi familiari furono uccisi nel 1975.

Un funzionario elettorale del Bangladesh mette inchiostro indelebile sul dito del primo ministro del Bangladesh Sheikh Hasina dopo che lei è arrivata per esprimere il suo voto a Dhaka domenica (AP)

Il messaggio di Sheikh Hasina all'India arriva mentre i bengalesi iniziano a votare alle elezioni generali in cui si prevede che il Primo Ministro vincerà per il quarto mandato consecutivo dopo che il principale partito di opposizione ha rifiutato di partecipare, sollevando dubbi sulla legittimità delle elezioni.

Concludi l'anno scorso e preparati per il 2024 con HT! clicca qui

“Benvenuti. Siamo molto fortunati… L'India è la nostra amica fidata. Durante la guerra di liberazione del 1971 ci hanno sostenuto… e dopo il 1975, quando abbiamo perso tutta la nostra famiglia… ci hanno dato rifugio. Quindi tanti auguri al popolo indiano”, ha detto Hasina ai giornalisti. India”. Aggiornamenti in tempo reale sulle elezioni generali in Bangladesh

Concludi l'anno scorso e preparati per il 2024 con HT! clicca qui

La guerra indo-pakistana iniziò in un contesto di tensioni tra il Pakistan (noto anche come Pakistan occidentale) e la maggioranza bengalese del Pakistan orientale, che all'epoca era più vicino all'India. Il 25 marzo 1971, l'esercito pakistano, sotto il comando del tenente generale Tikka Khan, che in seguito divenne il primo comandante militare del Pakistan, lanciò l'operazione Searchlight per reprimere l'insurrezione nel Pakistan orientale. Secondo quanto riferito, l'esercito pakistano ha commesso gravi violazioni dei diritti umani durante questa operazione.

READ  Danneggiato, Boris Johnson UK infligge la vittoria al voto di fiducia del partito

Mentre l'aeronautica indiana rispondeva con i primi attacchi di ritorsione la stessa notte, il primo ministro Indira Gandhi ordinò un'invasione “su vasta scala” del Pakistan. Inizia così ufficialmente la guerra indo-pakistana del 1971. La guerra si conclude in meno di due settimane, il 16 dicembre 1971, con il comandante del comando orientale dell'esercito indiano, tenente generale J. S. Aurora, che nomina il comandante del comando orientale dell'esercito indiano. Il tenente generale dell'esercito pakistano AK Niazi firma il documento di resa. Il Pakistan orientale si trasformò in Bangladesh, con il leader della Lega Awami, Sheikh Mujibur Rahman, che ne divenne il primo presidente nel gennaio 1972, così come il suo secondo primo ministro nel 1974. Mujib, assassinato nel 1975, è il padre di Sheikh Hasina.

Elezioni del Bangladesh

I seggi elettorali in Bangladesh sono stati aperti alle 8 del mattino ora locale, dopo una campagna durata un mese che ha visto proteste di strada quotidiane, l'incarcerazione del premio Nobel per la pace Muhammad Yunus e video virali di leader del partito al potere che esortavano gli elettori a votare per non rischiare di perdere i benefici del governo.

Con la maggior parte dei rivali di Hasina dietro le sbarre, si prevede che l'affluenza alle urne diminuirà, ma non influenzerà la rielezione del politico 76enne. Hasina ha supervisionato una delle economie in più rapida crescita del mondo e ha fatto uscire milioni di persone dalla povertà come parte della sua agenda di sviluppo – risultati spesso oscurati dalla sua svolta verso l’autoritarismo.

Boicottare

Si prevede che i funzionari elettorali inizieranno a contare i voti dopo la chiusura delle urne, alle 16:00, e i risultati dovrebbero apparire domenica tarda o lunedì mattina presto. Circa 120 milioni di persone hanno diritto di voto per 300 dei 350 seggi del Parlamento.

READ  La donna russa dietro la protesta contro la guerra sfugge agli arresti domiciliari | Russia

Nelle ultime settimane, importanti leader del partito Awami League di Hasina sono apparsi in video sui social media dicendo agli elettori che rischiano di perdere i loro benefici se non partecipano alle elezioni. La Commissione elettorale ha inviato un avviso ad almeno uno dei politici.

Il principale partito nazionalista del Bangladesh ha boicottato le elezioni nazionali in risposta al rifiuto di Hasina di dimettersi e di consentire a un governo ad interim di tenere le elezioni. La disputa ha portato a scontri di strada tra il gruppo di opposizione, le forze di sicurezza e i sostenitori dell'Awami League.

(Con input delle agenzie)

Apri un mondo di vantaggi con HT! Dalle newsletter utili agli avvisi di notizie in tempo reale e ai feed di notizie personalizzati: è tutto qui, a portata di clic! – Accedi ora! Ricevi le ultime notizie dal mondo e le ultime notizie dall'India su Hindustan Times.