Giugno 22, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Musk sostiene che lo sfiato dell'ossigeno liquido ha causato l'esplosione della navicella spaziale • La cronaca

Musk sostiene che lo sfiato dell'ossigeno liquido ha causato l'esplosione della navicella spaziale • La cronaca

Il presidente di SpaceX, Elon Musk, ha attribuito la mancanza di carico utile, unita a uno sfiato di ossigeno liquido, per la fine infuocata dello scorso anno del secondo volo della costellazione di astronavi e super pesanti della compagnia.

durante Aggiornamento aziendale Pubblicato su X (ex Twitter) da SpaceX, Musk ha trascorso un'ora raccontando ai fedeli i risultati dell'azienda e i suoi sogni di volo spaziale interplanetario. Ha anche fornito un aggiornamento su quanto accaduto sull'ultimo volo.

“Se avesse avuto un carico utile, sarebbe entrato in orbita”, ha detto.” Perché il motivo per cui non è entrato in orbita è perché abbiamo scaricato l'ossigeno liquido, e l'ossigeno liquido alla fine ha provocato un incendio e un'esplosione. … Normalmente non avremmo quell'ossigeno liquido se lo avessimo.” “Carico utile. Ironicamente, se avesse avuto un carico utile, avrebbe raggiunto l'orbita.”

Hmm. Chi scrive non è uno scienziato missilistico, ma qualcosa che esplode a causa di uno sfiato suona… brutto. Musk non ha spiegato come lo sfiato abbia causato l'incendio, spiegando solo che le cose sarebbero andate diversamente se ci fosse stato un carico utile. Presumibilmente, ciò è dovuto al fatto che i motori del Raptor consumano ossigeno liquido.

Tuttavia, l’approccio iterativo utilizzato da SpaceX significa che si impareranno lezioni e Musk ha voluto sottolineare che questa volta il razzo non ha distrutto la piattaforma di lancio. L'uso di un diluvio d'acqua per mitigare gli impatti del lancio è stato un punto fermo dei lanci per decenni, ma è stata necessaria la creazione di un cratere perché Musk e i suoi colleghi imparassero quella lezione esatta.

Il prossimo lancio potrebbe avvenire il mese prossimo, anche se ciò dipende dal rilascio di una licenza da parte della Federal Aviation Administration. Musk ha detto al suo pubblico che pensa che ci siano buone possibilità di raggiungere l'orbita questa volta e ha elencato una serie di obiettivi entusiasmanti per il terzo volo. Oltre a mandare in orbita il razzo senza esplodere, SpaceX intende dimostrare la combustione del motore nello spazio e dimostrare che può anche deorbitare il razzo.

READ  I fisici hanno deciso di cercare un bagliore quantico di lunga durata

Vuole anche testare il trasferimento del propellente tra i serbatoi – una pietra miliare chiave per il ruolo di SpaceX nel programma Artemis della NASA – e dimostrare la porta di carico utile “Pez Dispenser” prevista per i satelliti Starlink a grandezza naturale.

La NASA ha recentemente confermato che il programma Artemis sta vacillando, con il primo atterraggio con equipaggio ora previsto per settembre 2026. Nonostante il desiderio di Musk di colmare il divario tra i lanci di veicoli spaziali e accelerare il ritmo, SpaceX potrebbe sicuramente sfruttare il tempo extra. ®