Febbraio 1, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nvidia e Google hanno segnalato preoccupazioni audio sull’acquisizione di Activision da parte di Xbox

Secondo quanto riferito, Google e Nvidia si sono uniti a Sony nel sollevare le preoccupazioni della FTC sulla prevista acquisizione da 69 miliardi di dollari di Activision Blizzard da parte di Microsoft, Secondo un rapporto di Bloomberg.

Secondo quanto riferito, le due società hanno affermato che con l’acquisizione di Activision Blizzard, Microsoft otterrà un vantaggio sleale nei mercati del cloud, degli abbonamenti e dei giochi mobili. Tuttavia, una fonte ha detto a Bloomberg che almeno Nvidia non è esplicitamente contraria all’acquisizione, sebbene abbia sottolineato l’importanza della parità di accesso ai titoli di gioco.

Il rapporto non descrive in dettaglio altre preoccupazioni specifiche per nessuna delle due società. Microsoft è attualmente un forte concorrente nel cloud gaming insieme a Nvidia con GeForce Now, con Stadia di Google che ha chiuso l’anno scorso. Nonostante ciò, la presenza di Microsoft nei giochi per dispositivi mobili è notevolmente ridotta.

In effetti, il capo di Xbox Phil Spencer in precedenza aveva fatto riferimento alla divisione mobile di Activision Blizzard, King, come pietra angolare dell’acquisizione prevista, e i documenti associati all’accordo hanno rivelato proprio questo. Microsoft vuole usare King Per creare una nuova console Xbox Mobile.

Nvidia e Google si uniscono a Sony come grandi aziende che portano casi agli organi di governo sull’acquisizione, anche se a giudicare dal tono, gli ultimi due sono notevolmente più alle prese con la questione. L’anno scorso, la FTC ha annunciato che avrebbe citato in giudizio per bloccare l’offerta di acquisizione di Microsoft per le preoccupazioni che l’accordo avrebbe danneggiato la concorrenza dei produttori di console rivali attraverso l’esclusività. La Competition and Markets Authority (CMA) del Regno Unito ha sollevato preoccupazioni simili.

READ  MSI Afterburner senza supporto MSI, "Il progetto è molto probabilmente morto"

Negli ultimi mesi, Microsoft ha ripetutamente cercato di affrontare tali preoccupazioni, anche offrendo un accordo per mantenere Call of Duty su PlayStation per un massimo di dieci anni e una promessa simile per portare la serie sulle console Nintendo.

Sebbene non sia chiaro esattamente come procederà il coinvolgimento di Nvidia o Google, le due società saranno probabilmente chiamate a testimoniare davanti alla FTC quando la causa andrà in giudizio, che secondo Bloomberg è prevista per agosto di quest’anno.

Rebecca Valentine è una giornalista di IGN. Puoi trovarla su Twitter @dipendente.