Maggio 26, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perché Victoria Alonso è stata licenziata dal lavoro più importante – Varie

Perché Victoria Alonso è stata licenziata dal lavoro più importante – Varie

Agli Oscar di quest’anno, Victoria Alonso è rimasta sbalordita.

Il veterano dei Marvel Studios, direttore esecutivo e produttore del film candidato “Argentina, 1985”, è stato impettito sul tappeto rosso, fermandosi davanti ai paparazzi assunti per catturare i massimi dirigenti nella grande notte di Hollywood. Ma qualcosa l’ha colpita.

“guarda questo! Due donne!” ha detto Alonso delle fotografe assunte alla festa (come nella maggior parte degli angoli di Hollywood, le donne sono più numerose degli uomini nella fila per il servizio fotografico). Emotivamente, Alonso ha insistito affinché la coppia posasse davanti a una gigantesca statuetta dell’Oscar.Quando tutti hanno sorriso, lei ha detto loro: “Abbiamo lavorato così duramente per arrivare qui e non andremo da nessuna parte”.

Dopo otto giorni, è stata licenziata come presidente della produzione fisica, post-produzione, effetti visivi e animazione della Marvel, secondo tre persone che hanno familiarità con la questione. diversi. Questo cambiamento è stato una sorpresa per molti nel mondo dello spettacolo e all’interno dell’enorme base di fan dei fumetti della Marvel (una comunità con un’importante presenza online e rilevanza personale, nei numerosi multiplex in cui lo studio pubblica i suoi film).

Il licenziamento di Alonso ha sollevato molte domande sul funzionamento dietro le quinte del Precious Content Engine e, con esse, un altro ciclo di notizie sfavorevoli mentre il CEO della Disney Bob Iger cerca di stabilizzare la sua società madre in mezzo alle turbolenze economiche.

Fonti hanno affermato che mentre il motivo della cessazione di Alonso non è chiaro, la decisione è stata presa da un consorzio che comprende le risorse umane, l’ufficio legale della Disney e diversi dirigenti tra cui il co-presidente della Disney Entertainment Alan Bergman (a cui riferiscono tutti i Marvel Studios). Una fonte ha aggiunto che il capo di lunga data di Alonso e chief creative officer della Marvel, Kevin Feige, si è sentito risucchiato in una situazione impossibile e alla fine non è stato coinvolto. Un altro insider ha aggiunto che Alonso è rimasto sorpreso.

READ  "Non riesco a credere quanto sia passato il tempo."

Un rappresentante di Alonso ha rifiutato di commentare questa storia. I Marvel Studios non hanno commentato.

Alonso è entrato a far parte dei Marvel Studios nel 2006, tre anni prima che la Disney acquisisse l’etichetta per 4 miliardi di dollari. Per 17 anni è stata una presenza fissa sotto il direttore creativo Kevin Feige, sostituendo il braccio destro di Feige e co-presidente Louis D’Esposito. Allo stesso tempo, ha lavorato per diventare un marchio per conto proprio: una rara persona LGBT e donna di colore in un ruolo di leadership visibile, nota per la sua passione ardente e il suo candore riguardo alla diversità e all’inclusione nella narrazione della Marvel.

È stata festeggiata sia dagli osservatori dei media che dalle comunità degli effetti visivi e sta per pubblicare un libro di memorie sulla sua ascesa aziendale, giustamente intitolato “Possibility Is Your Superpower” (che è ancora in uscita alla Disney per gli scrittori di Hyperion Avenue).

Dove, allora, in tutto il multiverso si è verificata questa drammatica frattura?

Molte fonti che hanno familiarità con la Marvel hanno sottolineato l’enorme pressione che l’unità ha subito negli ultimi anni per fornire contenuti avvincenti, non solo ai cinema, ma anche sotto forma di nuovi spettacoli in streaming volti a rafforzare Disney +. Nel 2021 e nel 2022, la Marvel ha scaricato un torrente senza precedenti di avventure a fumetti, rilasciando 17 titoli – sette film, otto serie in streaming e due speciali TV – nel corso di 23 mesi.

Questo rapido programma di distribuzione, un prodotto della pandemia e della necessità di alimentare costantemente Disney+, non è stato opera di Alonso. La Marvel era ben lungi dall’essere l’unico studio incaricato di fornire contenuti a livello di funzionalità per il suo servizio di streaming appena lanciato. Ma era compito di Alonso portare ciascuno di quei titoli attraverso il massiccio processo di post-produzione della Marvel. Entro l’estate del 2022, le crepe iniziano ad apparire nell’armatura apparentemente inespugnabile dell’azienda.

Per gentile concessione dei Marvel Studios

A partire da Reddit, seguito da una serie di storie Pubblicati online, gli artisti degli effetti visivi hanno iniziato a lamentarsi a gran voce dei difficili programmi di post-produzione della Marvel. I reclami andavano dagli straordinari implacabili alla carenza cronica di personale all’incapacità di evitare di fornire un lavoro scadente a causa delle scadenze in continua evoluzione. Alcuni hanno descritto Alonso come un “creatore di re” che metterebbe nella lista nera gli artisti che “la turbano in qualche modo”.

Un artista degli effetti visivi ha detto di recente diversi Che il problema più grande per loro era l’incapacità della Marvel di fornire linee guida chiare.

“Lo spettacolo a cui stavo lavorando è stato davvero impegnativo perché era un personaggio affermato i cui poteri stavano reinventando per l’MCU”, ha detto l’artista in condizione di anonimato. Hanno detto che la maggior parte delle lamentele si riduce a un unico ritornello: “La Marvel non pensarci prima”.

Un altro artista di VFX di alto livello ha gettato acqua fredda all’idea che Alonso avrebbe assegnato singoli artisti: “L’idea di avere artisti di alto profilo così terrificanti, secondo alcuni rapporti, non sembra buona”, hanno detto diversi. Sopra la linea, tre diversi attori Marvel hanno convenuto che Alonso fosse solo una forza di supporto sul set.

“Era l’epitome di una professionista e sa il fatto suo”, ha detto un ex dirigente della Disney.

Tuttavia, il ritmo di Something Is Rotten allo State of Marvel Studios ha preso piede con l’uscita di “Ant-Man and the Wasp: Quantumania”, un film le cui riprese sono terminate più di un anno prima della data prevista per le sale e continua ripetere. Critica degli effetti visivi “generici” che sembravano “CGI glop” ed erano “troppo piatti e disordinati”. Ancora più importante: il film ha incassato 463 milioni di dollari in tutto il mondo fino ad oggi, la peggiore interpretazione del franchise di “Ant-Man” e una cifra che significa che farà fatica a raggiungere il pareggio nella sua finestra cinematografica.

Questa è la strada sbagliata per lo studio su cui la Disney ha fatto affidamento come incrollabile bancomat al botteghino, i cui film hanno incassato oltre 28 miliardi di dollari al botteghino globale, soprattutto perché Iger mostra che sta tagliando i costi in tutta la compagnia. Gli addetti ai lavori affermano che le cinque serie Disney+ dei Marvel Studios che dovevano essere presentate in anteprima nel 2023 sono state ridotte a tre o quattro, con le altre spostate al 2024 e forse oltre. Ciò toglierà una certa pressione immediata alla pipeline di post-produzione della Marvel. L’assenza di Alonso non dovrebbe influenzare l’imminente titolo Marvel, Guardiani della Galassia Vol. 3″, che chiudeva approssimativamente la foto.

La Disney non ha annunciato immediatamente la sostituzione di Alonso. A causa della sua vasta gamma di compiti, potrebbe essere necessaria più di una persona per occupare il suo posto. I dirigenti si riuniscono.

Angelique Jackson e Jazz Tangkai hanno contribuito a questo rapporto.