Settembre 29, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Peter Brook, famoso regista teatrale di Scale and Humanity, muore a 97 anni

Peter Brook, famoso regista teatrale di Scale and Humanity, muore a 97 anni

A quel punto il signor Brooke, felice di “apportare terribili cambiamenti e spedire vecchie tradizioni”, Nelle sue stesse parole, è diventato un guerriero icona. Alcuni si riferiscono a questo cambiamento nella sua produzione parigina del 1960 “The Balcony” di Jean Genet, un’opera che all’epoca era considerata audacemente sovversiva. Per le scene di vita esotica di Genet in un bordello parigino, il signor Brooke ha utilizzato i dilettanti dall’aspetto spettacolare, che si trovano nei bar di Parigi, così come attori e ballerini professionisti. Ma più significativo fu il revival radicale di “King Lear”, messo in scena per la Royal Shakespeare Company a Londra nel 1962.

Non solo il signor Brooke Schofield ha interpretato l’eroe del gigante titolare nei panni di un essere umano dolorosamente imperfetto, ma poco prima dell’inizio della produzione, ha lanciato il set che ha progettato lui stesso, assicurandosi che la trama si svolga sul palco sotto la normale illuminazione. L’epopea risultante ha rivelato in modo memorabile le crudeli assurdità dell’umanità.

Brooke fece un grande uso dell’improvvisazione e dei giochi teatrali durante le prove su The Terrace, e nel 1964 portò ulteriormente il processo in una serie di laboratori sperimentali finanziati dall’RSC e lo chiamò The Theatre of Cruelty, in onore delle teorie di Il drammaturgo francese Antonin mi piacerebbe. L’idea era quella di incoraggiare una troupe di attori, tra cui la giovane Glenda Jackson, a trovare nuove forme di espressione fisica ed emotiva ea porre domande di base sulla loro vocazione. Come ha menzionato il signor Brooke in The Threads of Time, questi erano: “Qual è la parola scritta? Qual è la parola pronunciata? Perché suonare sul palco?”

READ  Jussie Smollett è stata trasferita in una nuova cella di prigione: l'ufficio dello sceriffo

Il signor Brook non ha mai smesso di fare domande del genere. La sua carriera dal 1964 in poi può essere vista come una ricerca di fatti di base sulla vita e sul teatro che ha insistito non potrebbero mai essere definitivi. La ricerca ha portato a quello che ha chiamato “il teatro del tumulto” – come si manifesta in Marat/Sade, la sua esplorazione della follia nella Francia rivoluzionaria; e “Gli Stati Uniti”, la sua evocazione della guerra del Vietnam, e atti di indagine come “The Man Who” e una commedia nel 1996 “Qui est La?” che utilizzava letture di Bertolt Brecht, Konstantin Stanislavsky e altri teorici e le combinava con “Amleto” come se le avessero organizzate.

Alcuni hanno visto un cambiamento di focus nel suo lavoro. Molti erano oscuri, inquietanti e persino senza speranza: “Titus”, “Lear”, “Stati Uniti” e nel 1975, “Ik” che includeva una tribù africana moralmente distrutta dal reinsediamento e dalla mancanza di cibo. In effetti, il maggior successo dei pochi film che ha diretto è stata la versione del 1963 di “Il signore delle mosche” di William Golding, che il signor Brook ha descritto come “una storia preservata dell’umanità”. La produzione del signor Brook del 1970 è ancora popolare Pieno di acrobazie aeree tratte dalla sua visita a un circo cinese, Sogno di una notte di mezza estate si è concluso con attori sorridenti che stringevano la mano agli spettatori.

Nella “Conferenza degli uccelli”, basata su un poema mistico, il titolo gli uccelli trovano una nuova comprensione spirituale quando il loro lungo e turbolento viaggio finisce alle porte del paradiso. La sua parafrasi del Mahabharata del 1985 portò sul palco guerre e sofferenze della dinastia, finendo con un’altra visione del paradiso, questa volta come luogo di musica, cibo, conversazione e armonia. Il signor Brooke ha scritto nelle sue memorie che il teatro dovrebbe affermare che “la luce è nelle tenebre” ed essere un “potente antidoto alla disperazione”.

READ  La testimonianza si conclude nel processo civile tra Johnny Depp e Amber Heard, dopo che Heard è tornato sul palco