Dicembre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Recensione “The Santa Clauses”: Tim Allen porta di nuovo la slitta per la serie Disney +

Recensione "The Santa Clauses": Tim Allen porta di nuovo la slitta per la serie Disney +



Cnn

Babbo Natale non si preoccupa di reinventare la slitta, ma si limita a spruzzarci sopra una nuova mano di vernice, in modi per lo più piacevoli e in qualche modo intelligenti. Dopo tre film in un periodo di 12 anni a partire dal 1994, Tim Allen È tornato di nuovo nella serie Disney+ che, in sei episodi di mezz’ora, rallegra il tempo di trasmissione delle vacanze.

Dopo essersi imbattuto nel lavoro, Santa Allen, nata Scott Calvin, si è stabilito al timone del suo impero con la signora Claus (Elizabeth Mitchell) e i loro figli (Austin Kane ed Elizabeth Allen Dick, quest’ultima è la vera figlia di Allen) . Non che l’Artico non sia carino, ma i Calvin più giovani sono cresciuti immuni al resto del mondo e, nel caso del più anziano, più che curiosi.

Babbo Natale è abituato a che le cose vadano senza intoppi, e sta avendo qualche inquietante singhiozzo durante il suo ultimo giro di consegne, ammettendo al suo aiutante elfo comicamente fedele, Noel (Devin Bright), “Forse la mia magia mi ha deluso”.

Dopo aver tentato brevemente di nascondere la sua disfunzione nel fare regali, Babbo Natale inizia a contemplare la pensione, ma ovviamente significa Trova un possibile sostituto. Dato che la sua storia si sovrappone a quella dello sviluppatore di tecnologia di gioco Simon Choksey (Kal Penn), un padre single con problemi di lavoro, non richiede un dottorato di ricerca. In inglese illuminato per vedere dove potrebbe essere questa tendenza.

Tuttavia, il produttore/showrunner Jacques Burdette (un veterano di “Modern Family” e “30 Rock”) fa le valigie con alcune sorprese, e “The Santa Clauses” fa un ottimo lavoro nel cambiare i suoi episodi, anche quelli che trascinano un poco, per attirare il pubblico da uno all’altro.

C’è anche un divertimento generale nel procedimento, non solo in termini di attingere a materiale e personaggi dei film precedenti (l’ultimo è uscito nel 2006) ma anche di contemporaneità del messaggio, che include i bambini che si stancano di più a causa del consumo eccessivo di questo l’età dello shopping con i clic sui film. Inoltre, alcune delle battute, dalla gag visiva ispirata a Bigfoot alla commedia di The Untouchables del 1987, chiaramente non hanno paura di navigare sopra le teste dei giovani sperimentatori.

Tuttavia, dire che lo spettacolo funziona richiede alcune qualifiche, con una forte dipendenza dall’umorismo sugli elfi eterni (interpretati da bambini) e ampio tempo dedicato alla linea di sangue di Calvin, in un modo che può solo aiutare Disney Channel. Sembra avanzi riscaldati.

Tuttavia, “The Santa Clause” è uno di quei concetti che si adattano quasi perfettamente a questo tipo di revival realizzato per lo streaming, con correttezza rispetto ai film precedenti ma non c’è davvero bisogno a questo punto di includere questo trio teatrale in un quartetto.

Allen, in particolare, era all’apice della sua celebrità da sitcom in “Home Improvement” quando uscì il primo film, seguito un anno dopo da “Toy Story”. In altre parole, la sua associazione con la Disney risale a più di 30 anni fa ed è stata reciprocamente vantaggiosa e anche di più.

“The Santa Clauses” espande quel rapporto, in un pacchetto festivo che è luminoso e colorato e alleggerito da pretese più elevate – proprio il tipo di ascensore facile che dovrebbe fornire un buon paio di notti.

I Babbo Natale debutta il 16 novembre su Disney+.

READ  L'attore Ryan Grantham di "Riverdale" teme di subire violenze in prigione