Maggio 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Resistenza: la nave dell’esploratore Shackleton trovata un secolo dopo

Resistenza: la nave dell'esploratore Shackleton trovata un secolo dopo

I ricercatori hanno scoperto il relitto straordinariamente ben conservato di Endurance dell’esploratore polare Ernest Shackleton, in 10.000 piedi di acqua ghiacciata, un secolo dopo essere stato inghiottito dal ghiaccio antartico durante quella che si è rivelata una delle spedizioni più eroiche della storia.

Un team di archeologi marini, ingegneri e altri scienziati ha utilizzato una nave rompighiaccio e droni sottomarini per localizzare il relitto sul fondo del Mare di Weddell, vicino alla Penisola Antartica.

Il viaggio di ricerca del Falkland Maritime Heritage Trust Resistenza 22 La scoperta è stata annunciata mercoledì.

Immagini e video del relitto mostrano la nave di legno a tre alberi in ottime condizioni, con le lettere in foglia d’oro “Endurance” ancora attaccate a poppa, il timone della nave in legno laccato ancora in posizione verticale, come se il capitano potesse tornare a governarla in qualsiasi momento tempo. .

“Questo è il miglior relitto di legno che abbia mai visto”, ha affermato Manson Pound, Direttore dell’Esplorazione. Pound ha osservato che il relitto rimane eretto, libero dal fondo del mare e “in superbo stato di conservazione”.

Lo storico navale Stephen Schwankert, che non è stato coinvolto nella spedizione, ha affermato che il ritrovamento è stato un “ritrovamento significativo” in “uno degli ambienti più difficili del mondo”.

La combinazione di acque profonde e scure – la luce solare non penetra nemmeno a 10.000 piedi – ha contrastato le temperature gelide e il ghiaccio marino. Sforzi precedenti Per trovare resistenza, ma anche per spiegare perché il relitto è così in buone condizioni oggi.

Il fondo del Mare di Weddell, ha detto Schwankert, è “un ambiente molto inospitale per quasi tutto, in particolare il tipo di batteri, falene e vermi che mangiano il legno che potresti divertirti masticando su un relitto di legno”.

READ  Il G7 discute le misure per rompere l'embargo russo sulle esportazioni di grano dell'Ucraina | st 7

La spedizione Endurance22 è partita da Cape Town, in Sud Africa, all’inizio di febbraio su una nave in grado di sfondare 3 piedi (1 metro) di ghiaccio.

Il team, che comprendeva più di 100 ricercatori e membri dell’equipaggio, ha schierato droni subacquei che hanno setacciato il fondo del mare per due settimane nell’area in cui è stato registrato il naufragio nel 1915.

“Abbiamo fatto la storia polare scoprendo Endurance e abbiamo completato con successo la più grande ricerca di relitti al mondo”, ha affermato il capo della spedizione John Shears.

L’esploratore britannico Shackleton non ha mai realizzato la sua ambizione di diventare la prima persona ad attraversare l’Antartide attraverso il Polo Sud. In realtà, non ha mai messo piede nel continente.

“Nonostante sia progettato per resistere all’impatto con il ghiaccio galleggiante e per penetrare nella banchisa, la resistenza non ha resistito allo schiacciamento del ghiaccio marino pesante”, ha affermato Anne Coates, storica della marina presso l’Università di Portsmouth.

Lo stesso Shackleton ha notato la difficoltà di provare nel suo diario.

“La fine è arrivata verso le cinque di sera”, ha scritto. “Era destinato a morire e nessuna nave costruita dall’uomo poteva resistere a una tale pressione”.

Prima che la nave scomparisse a 3.000 metri sotto acque ghiacciate, l’equipaggio di Shackleton caricò cibo e altre provviste in tre scialuppe di salvataggio e si accampò su un lastrone di ghiaccio, dove usarono cani da slitta per trasportare le provviste, secondo le memorie di Shackleton.

Shackleton e il suo capitano, Frank Worsley, hanno quindi navigato attraverso 800 miglia (1.287 km) di insidiose acque ghiacciate su una nave di 22 piedi (7 m) verso l’isola della Georgia del Sud, una remota area di caccia alle balene, per assistenza. Quel volo di successo è considerato un’eroica impresa di perseveranza e la risposta decisiva di Shackleton alla tragedia imminente rimane in vigore oggi. Come esempio di come guidare in condizioni difficili.

READ  Il bilancio delle vittime del resort di Sandals: 3 americani uccisi a Exuma, secondo il primo ministro ad interim delle Bahamas

ha affermato Anna Wahleen, ricercatrice polare dell’Università di Göteborg, appena tornata da una missione di due mesi per studiare le piattaforme di ghiaccio e il riscaldamento delle correnti oceaniche in Antartide.

In Antartide, “tutto è grigio o bianco” e dopo solo poche settimane “gli esploratori hanno cominciato a sentire la mancanza di annusare la terra, camminare nei boschi, sentire il cinguettio degli uccelli, vedere le cose verdi”, ha detto.

La ricerca della resistenza arriva un secolo dopo la morte di Shackleton nel 1922. Lo storico e giornalista televisivo britannico Dan Snow, che ha accompagnato i ricercatori, ha twittato che la scoperta del relitto avvenuta sabato è avvenuta “100 anni dopo la sepoltura di Shackleton”.

La nave è protetta come monumento storico dal Trattato sull’Antartide, vecchio di 6 decenni, che mira a proteggere l’ambiente della regione.

I ricercatori hanno fotografato il relitto, ma non è stato trovato nulla o fastidio. Invece, gli operatori delle escursioni affermano di voler utilizzare le scansioni laser Crea un modello 3D della nave che può essere esposto sia nelle mostre itineranti che nella mostra museale permanente.

La Bound Expedition è stata scritta Post sul blog.

___

Segui Christina Larsson su Twitter: Incorpora il tweet

___

Il Dipartimento della Salute e della Scienza dell’Associated Press riceve il sostegno della Divisione di Educazione Scientifica dell’Howard Hughes Medical Institute. AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.