Febbraio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scandalo dell'ufficio postale: annullate le condanne di centinaia di vittime

Scandalo dell'ufficio postale: annullate le condanne di centinaia di vittime
  • Scritto da Sean Seddon e George Wright
  • notizie della BBC

Fonte immagine, Immagini Getty

I nomi di centinaia di persone ingiustamente condannate per lo scandalo delle Poste potrebbero essere cancellati quest'anno, dopo che saranno state emanate leggi di emergenza per “scagionare e risarcire rapidamente le vittime”.

Il ministro delle Poste Kevin Hollinracke ha affermato che centinaia di persone sono rimaste vittime di un “esercizio di potere brutale e arbitrario”.

Ci sono state più di 900 condanne legate allo scandalo in 16 anni.

Ma da allora solo 93 di queste condanne sono state annullate.

Tra il 1999 e il 2015, le Poste hanno citato in giudizio centinaia di subpostmaster e mistress sulla base di un sistema informatico Horizon difettoso.

Ma ha detto: “Il diavolo è nei dettagli, e non l'abbiamo ancora visto”.

Il primo ministro Rishi Sunak ha dichiarato alla Camera dei Comuni che coloro che sono stati precedentemente condannati in Inghilterra e Galles saranno prosciolti da ogni accusa e risarciti secondo una nuova legge.

Anche il governo scozzese ha annunciato piani simili per i detenuti in Scozia, che ha un sistema legale separato.

Downing Street ha affermato che il suo obiettivo è completare il processo di ribaltamento delle condanne delle persone colpite entro la fine del 2024.

Il portavoce del Primo Ministro ha detto che il governo intende “portare avanti la legislazione entro poche settimane” ed è “fiducioso che sarà ben sostenuto”.

Ha descritto la decisione di annullare le condanne attraverso una legge del Parlamento come “senza precedenti” e ha affermato che non è stata presa alla leggera, date le sue potenziali conseguenze per il sistema legale.

Hollinryck ha affermato che la mossa, che si applica all'Inghilterra e al Galles, “solleva importanti questioni costituzionali” sull'indipendenza dei tribunali, che normalmente corrisponderebbero al potere di annullare una condanna.

Spiegazione video,

GUARDA: Ex postmaster e subpostmaster parlano alla BBC Breakfast

Il Ministro ha inoltre convenuto che la nuova legge rischierebbe di concedere la grazia a persone realmente colpevoli di un crimine, anche se il governo stima che si tratti di una percentuale molto piccola del numero totale delle persone colpite.

Alla domanda del Primo Ministro della BBC sul perché si è rivolto a un dramma televisivo per ispirare l'azione su un problema che è noto da più di un decennio, Hollinrake ha affermato che lo spettacolo pubblicato quest'anno ha commosso il pubblico così come le persone al governo.

Ha detto: “Siamo esseri umani, ovviamente. Guardiamo noi stessi la TV e vediamo queste cose, e noi e altre persone all'interno del governo ci rendiamo conto che questa è una situazione che dobbiamo risolvere”.

Anche se i dettagli completi della legge non sono stati pubblicati, Downing Street ha affermato che equivarrebbe a una radicale cancellazione delle condanne legate al difettoso sistema informatico Horizon.

Ma il Dipartimento per gli affari ha detto alla BBC che le condanne verranno revocate solo dopo che gli ex direttori delle poste e i direttori delle poste firmeranno una dichiarazione in cui dichiarano di non aver commesso alcun crimine.

Il signor Hollinrake ha affermato che firmando il documento, avrebbero diritto al risarcimento di 600.000 sterline già disponibile per le persone che hanno riabilitato il proprio nome attraverso i tribunali.

Ha aggiunto che la dichiarazione mira a impedire che “i colpevoli evadano centinaia di migliaia di sterline di denaro pubblico”, aggiungendo che “chiunque la firmi in modo errato sarà soggetto a procedimento giudiziario per frode”.

Il governo ha inoltre confermato che farà quanto segue:

  • Fornitura di un pagamento una tantum di £ 75.000 a 555 ex direttori delle poste la cui azione collettiva, guidata da Alan Bates, ha contribuito a denunciare l'ingiustizia.
  • Verificare se le persone le cui condanne sono confermate dopo l'appello possono anche essere annullate in base alla nuova legge
  • Collaborare con i dipartimenti in Scozia e Irlanda del Nord per garantire che i sub-postmaster in quei paesi possano essere autorizzati

Ancora sullo scandalo delle Poste

Hollinrake ha detto che potrebbero volerci “diverse settimane” prima che i dettagli più precisi della legge siano pubblicati, e un avvocato che rappresenta alcuni direttori delle poste ed ex direttori delle poste ha detto che sta aspettando il testo completo prima di emettere una sentenza.

L'avvocato che ha rappresentato i 555 nella loro prima azione legale contro l'ufficio postale, James Hartley, ha definito l'annuncio del risarcimento un “ragionevole passo avanti”.

Ha detto che darebbe alle persone colpite la possibilità di decidere “se accetteranno questo importo come equo compenso oppure no”.

Il governo è pienamente consapevole che, cercando di ribaltare le decisioni prese dai giudici indipendenti, rischia di creare una convenzione costituzionale che rischia di compromettere l’indipendenza dei tribunali.

Lord Ken Macdonald, che è stato direttore della pubblica accusa dal 2003 al 2008, ha affermato che la mossa equivaleva a “confiscare ai tribunali e ai giudici il diritto di decidere chi è colpevole e chi non è colpevole”.

Ha continuato: “Penso che il governo farà un grande gesto qui e spero che non si ritorcerà contro di noi”.

L'annuncio di mercoledì arriva dopo due settimane in cui lo scandalo, che si è svolto in gran parte dietro le quinte, è stato al centro della scena attraverso la serie drammatica di ITV.

Lee Castleton, un ex direttore delle poste andato in bancarotta dopo una battaglia legale di due anni con l'ufficio postale, è interpretato nel dramma.

Castleton ha detto che le procedure legali con l'ufficio postale gli erano costate 321.000 sterline e che la sua famiglia era “emarginata” nel loro villaggio nello Yorkshire.

“La gente abusava di noi per strada perché eravamo ladri e i miei figli erano vittime di bullismo”, ha detto.

Ha detto alla BBC che il risarcimento annunciato dal governo è stato “molto apprezzato” ma che “vuole solo andare a fondo della questione”.

Ha detto che avrebbe dovuto “aspettare e vedere i piccoli dettagli” e ha aggiunto che finora gli era stato “promesso molto” ma nulla è stato mantenuto.

Commenta la foto,

L'ex direttore delle poste Alan Bates, interpretato da Toby Jones, ha ispirato la recente serie drammatica di ITV Mr Bates vs. the Post Office.

Tra il 1999 e il 2015, le Poste hanno avviato procedimenti giudiziari contro persone che gestivano filiali dell'azienda sulla base delle perdite segnalate da Horizon, un software di contabilità IT progettato dalla società tecnologica giapponese Fujitsu.

I bug nel programma facevano sì che mostrasse erroneamente alcuni subpostmaster che subivano perdite, portandoli ad essere accusati di crimini come furto o falso in bilancio – e di conseguenza a perdere i loro mezzi di sussistenza e il loro buon nome.

Finora, solo 93 persone perseguite dalle Poste durante questo periodo hanno visto le loro condanne ribaltate in tribunale. Alcuni subpostmaster coinvolti nello scandalo sono morti o si sono suicidati negli anni successivi.

Le Poste hanno supervisionato circa 700 casi, mentre altri organi, tra cui la Procura, hanno dato attuazione.

L’indagine pubblica sul caso, iniziata nel 2021, dovrebbe riprendere giovedì. L'ufficio postale ha affermato che l'obiettivo è arrivare alla “verità su ciò che è andato storto”.

Il governo si è impegnato a ritenere Fujitsu responsabile se risultasse colpevole attraverso l'indagine pubblica. Secondo gli analisti Tassel, la società si è assicurata più di 6,5 miliardi di sterline di appalti pubblici dal 2013.

Un portavoce di Fujitsu ha detto che la società riconosce “l'impatto devastante sulla vita dei direttori delle poste e su quella delle loro famiglie” e “si scusa per il ruolo svolto nella loro sofferenza”.