Maggio 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sciopero degli attori di Hollywood: l’intrattenimento incombe nel deserto, il dolore si diffonderà sempre di più | film

Sciopero degli attori di Hollywood: l’intrattenimento incombe nel deserto, il dolore si diffonderà sempre di più |  film

Non ci saranno nuovi aiuti per Il loto bianco, l’ultimo di noi o anche Emilia a Parigi Si irradia nelle stanze sul davanti quando l’estate svanisce. Né la versione cinematografica del musical cattivo, con Ariana Grande, al cinema locale in primavera. E tutte le riprese continuano Gladiatore 2 in Marocco a tempo indeterminato. Il lamento è già quasi udibile.

Questa settimana, nel primo fine settimana dello sciopero degli attori cinematografici americani, il livello di frustrazione riportato dai fan di film e fiction televisive di tutto il mondo fa impallidire le precedenti reazioni allo sciopero degli sceneggiatori del premio, in corso dall’inizio di maggio.

Da quando i negoziati si sono interrotti giovedì a Los Angeles, i guanti sono usciti in una battaglia su come si vede che i servizi di streaming tagliano i salari e investono nell’uso dell’intelligenza artificiale nella produzione.

E se la lotta nelle relazioni industriali trae vantaggio da una dose di carisma, allora la battaglia per assicurarsi il reddito dei talenti che stanno dietro a gran parte dei contenuti in streaming del mondo ha improvvisamente molti degli ingredienti giusti. Venerdì, George Clooney è diventato l’ultima celebrità a sostenere la campagna. “Attori e scrittori hanno perso a frotte la capacità di guadagnarsi da vivere”, ha detto l’attore, continuando a parlare di “un punto di svolta nel nostro settore”.

Al picchetto del SAG a Los Angeles. Foto: Immagini MEGA/GC

Riconoscere i molti volti che ora prendono posizione, da Clooney a Margot Robbie e Brian Cox, rispetto alle loro controparti all’interno delle stanze degli scrittori, ha portato la faida di Hollywood in cima all’agenda delle notizie internazionali. Le produzioni che coinvolgono i principali talenti americani, che sono in stallo in molti paesi da quando il lavoro sulle sceneggiature è stato vietato, rischiano di fermarsi. I rappresentanti si dicono pronti a combattere una lunga battaglia.

READ  La nuova festa del principe William è il "chiodo nella bara" per il principe Harry e la famiglia reale

di mezzo Barbie la star Robbie, che ha abbandonato gli eventi promozionali, e la vincitrice dell’Oscar Susan Sarandon, che questo fine settimana ha sostenuto che “i problemi di trasmissione e intelligenza artificiale sono cose che devono essere affrontate ora”. “Abbiamo un vecchio contratto per un nuovo tipo di attività e semplicemente non funziona per la maggior parte delle persone”, ha detto l’attore ai giornalisti a New York.

Le parole di Sarandon seguono un movimento di protesta a Londra giovedì quando le star del nuovo film di Christopher Nolan, Oppenheimer, è uscito dalla prima. Ha detto che Emily Blunt, Cillian Murphy e Florence Pugh se ne sono andate con Matt Damon, la cui nuova società di produzione con Ben Affleck dovrebbe avere difficoltà. Il cast ha avuto il sostegno del regista britannico Nolan, che ha parlato del momento in cui è diventato operativo. Anche l’evento sul tappeto rosso di lunedì prima della premiere newyorkese del film di Nolan è stato cancellato. A sostegno dello sciopero in corso del SAG, i cineasti Oppenheimer Invece, il film sarà un tributo alla troupe e agli artigiani che hanno contribuito a realizzare questo film.

Anche i festival e gli eventi per i fan sono minacciati. Gli organizzatori del Toronto International Film Festival sperano ancora che continui fino all’inizio di settembre e hanno dichiarato alla BBC: “L’impatto di questo sciopero sull’industria e su eventi come il nostro non può essere negato. Esortiamo i nostri partner e colleghi a riprendere un dialogo aperto”. Anche il festival di Venezia del mese prossimo sarà a rischio e il Comic-Con potrebbe tenersi a San Diego senza la sua principale attrazione: le celebrità.

READ  Chi è il prossimo conduttore SNL e chi è l'ospite musicale?

Venerdì, più di 160.000 membri della Screen Actors Guild of America for Television and Radio Artists (Sag-Aftra) hanno smesso di lavorare, unendosi a 11.500 membri della Writers Guild of America nel più grande sciopero degli ultimi 60 anni. Sia gli sceneggiatori che gli attori stavano negoziando con la Motion Picture and Television Producers Alliance sugli pedinamenti e sui pagamenti effettuati per le ripetizioni di uno spettacolo o di un film. I servizi di streaming come Netflix hanno un pubblico enorme grazie alle loro vaste librerie di film e programmi, ma pagano molto meno in TV rimanente.

L’attore Fran Drescher, l’attuale capo di Sag-Aftra è meglio conosciuto per il suo ruolo in governanteFino ad oggi le risposte alle accuse dei responsabili dello studio e della trasmissione sono state “offensive e irrispettose”.

le ha fatto eco Cox, l’attore scozzese che sostiene i suoi sentimenti SuccessioneLo spietato Logan Roy. “Se i nostri residui diminuiscono, significa che la nostra assicurazione sanitaria non sarà soddisfatta”, ha detto venerdì. “I servizi di streaming si sono sparati sui piedi perché hanno detto: ‘Stiamo andando molto bene su questo fronte.'” E quando li abbiamo chiamati al compito e abbiamo detto: “E i nostri avanzi, i nostri soldi?” Tutto viene chiuso e… sai, non succederà”.

Cox ha anche attaccato i piani per utilizzare la programmazione AI per replicare il talento. “Non ci sarà alcun suono originale”, ha detto, citando lo scrittore britannico dietro di esso SuccessioneJesse Armstrong e Mike White, il suo unico autore e scrittore loto bianco. “Sarebbe una specie di versione scimmia dello spettacolo. Questo è inaccettabile.”

Se il talento dello schermo è ora in pieno gioco, anche i magnati del settore irriducibili stanno entrando nel personaggio. Giovedì, prima dello sciopero, il CEO di Walt Disney, Bob Iger, ha dichiarato alla CNBC che le interruzioni sono arrivate “nel momento peggiore del mondo”. “C’è un livello di aspettativa che hanno che è irrealistico, e si aggiungono a una serie di sfide che questo business già deve affrontare, e questo è francamente piuttosto fastidioso”, ha detto.

READ  Taylor Swift e Travis Kelce stanno pianificando le vacanze e parlano del Natale
Salta la promozione delle newsletter precedenti

Scrittori e attori degni di nota fuori dai Paramount Studios venerdì.
Scrittori e attori degni di nota fuori dai Paramount Studios venerdì. Foto: Chris Pizzello/Associated Press

Le società di produzione in paesi con economie in forte espansione di unità cinematografiche, come Gran Bretagna, Irlanda, Grecia e Canada, si stanno preparando a un rallentamento senza precedenti. Il regista canadese Sean Williamson ha detto alla BBC, parlando da una scrivania sopra uno studio di registrazione vuoto al Bright Lights, che l’industria dell’intrattenimento canadese fa affidamento su scrittori e attori americani. Brightlight è stata la base per spettacoli tra cui ABC Il buon dottore E Viale delle lucciole su Netflix e stai facendo fino a nove spettacoli alla volta. “Tutte queste cose sono in attesa in questo momento mentre aspettiamo che gli studi e i sindacati risolvano le cose”, ha detto Williamson.

In Gran Bretagna e in altri paesi europei, i sindacati nazionali di recitazione e scrittura monitorano i danni. I sindacati tecnici che rappresentano l’equipaggio e le industrie di supporto condividono il senso del pericolo. La Confederazione britannica delle industrie creative Bectu ha avvertito che “si sta preparando una tempesta perfetta” per i lavoratori autonomi. La società ritiene che molte produzioni siano ora a rischio di interruzione e si aspetta che altre seguano se la mediazione fallisce.

Sebbene lo sciopero degli sceneggiatori, che blocca tutti i montaggi e persino le e-mail relative al lavoro, abbia già avuto un impatto sulle riprese in esterni in molti paesi, è la solidarietà degli attori che sta mettendo sotto pressione la produzione. Questo autunno e inverno, ci sarà meno intrattenimento sceneggiato, con meno stelle da ammirare e meno storie da godersi.

insieme di cattivo nel Buckinghamshire, dove Grande fu abbandonato per fotografare la bonaria Glinda. Succo di scarafaggioLeavesden, fotografia Piscina morta 3 Si dice che sia stato molto influenzato, ma HBO Casa del drago Potrebbe scappare perché ha un equipaggio in gran parte non americano. Si ritiene inoltre che gli attori abbiano annullato le sessioni di registrazione del suono di film che erano già stati girati.

Il direttore del sito nel Regno Unito, Ben Sanderson, chiede ulteriore aiuto per tutti coloro che lavorano nelle industrie di supporto. “Sono i professionisti della produzione cinematografica indipendente che, da un momento all’altro, non verranno pagati. Ho ricevuto molte telefonate di persone ansiose solo nel mio dipartimento”. osservatore.

L’industria cinematografica in Gran Bretagna impiega circa 100.000 persone, direttamente e indirettamente, e valeva 12,9 miliardi di sterline prima della pandemia. Da un giorno all’altro, molte di queste persone sono ora senza lavoro. Quindi, mentre gli spettatori affrontano l’imminente carenza di nuovi divertimenti, altri affrontano carenze salariali. C’è vero dolore ora che tocca più dei volti famosi che sventolano striscioni.