Maggio 26, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Senza precedenti”: il biossido di carbonio aumenta a un ritmo dieci volte più veloce di qualsiasi altro momento registrato nella storia

“Senza precedenti”: il biossido di carbonio aumenta a un ritmo dieci volte più veloce di qualsiasi altro momento registrato nella storia

Ricerche recenti indicano che l’attuale tasso di aumento dell’anidride carbonica atmosferica non ha precedenti, dieci volte più veloce di qualsiasi periodo degli ultimi 50.000 anni, evidenziando importanti implicazioni per le dinamiche climatiche globali e la capacità dell’Oceano Antartico di assorbire l’anidride carbonica in futuro.

I ricercatori che hanno condotto un’analisi chimica dettagliata dell’antico ghiaccio antartico hanno scoperto che l’attuale tasso di aumento dell’anidride carbonica atmosferica è dieci volte più veloce di qualsiasi altro momento degli ultimi 50.000 anni.

I risultati, appena pubblicati in Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienzefornisce una nuova importante comprensione dei periodi di bruschi cambiamenti climatici nel passato della Terra e offre nuove informazioni sui potenziali impatti dei cambiamenti climatici odierni.

“Lo studio del passato ci insegna quanto sia diverso il tasso odierno di anidride carbonica2 “Il cambiamento odierno è davvero senza precedenti”, ha affermato Kathleen Wendt, assistente professore presso il College of Earth, Ocean and Atmospheric Sciences presso l’Oregon State University e autrice principale dello studio.

“La nostra ricerca ha identificato i tassi di aumento naturale del biossido di carbonio più rapidi mai registrati in passato, e il ritmo con cui si verifica oggi, guidato in gran parte dalle emissioni umane, è dieci volte superiore”.

L’anidride carbonica, o CO2, è un gas serra che si trova naturalmente nell’atmosfera. Quando l’anidride carbonica entra nell’atmosfera, contribuisce al riscaldamento climatico dovuto al riscaldamento globale. In passato, i livelli hanno oscillato a causa dei cicli dell’era glaciale e di altre cause naturali, ma oggi stanno aumentando a causa delle emissioni umane.

Analisi delle carote di ghiaccio in Antartide

Il ghiaccio che si è accumulato al Polo Sud nel corso di centinaia di migliaia di anni comprende antichi gas atmosferici intrappolati in bolle d’aria. Gli scienziati utilizzano campioni di questo ghiaccio, raccolti perforando carotaggi fino a 3,2 chilometri di profondità, per analizzare tracce di sostanze chimiche e creare registrazioni del clima del passato. La US National Science Foundation ha supportato la perforazione del ghiaccio e l’analisi chimica utilizzate nello studio.

READ  Time Lapse dell'universo della NASA tramite NEOWISE

Precedenti ricerche hanno dimostrato che durante l’ultima era glaciale, terminata circa 10.000 anni fa, ci sono stati diversi periodi in cui i livelli di anidride carbonica sembravano salire ben al di sopra della media. Wendt ha affermato che queste misurazioni non erano sufficientemente dettagliate per rivelare la piena natura dei rapidi cambiamenti, limitando la capacità degli scienziati di comprendere cosa stava accadendo.

Una fetta del nucleo di ghiaccio dell'Antartide

Una fetta del nucleo di ghiaccio dell’Antartide. I ricercatori studiano le sostanze chimiche intrappolate nel ghiaccio antico per conoscere il clima del passato. Credito immagine: Katherine Stelling, Oregon State University

“Potresti non aspettarti di vedere una cosa del genere alla fine dell’ultima era glaciale”, ha detto. “Ma il nostro interesse è stato stuzzicato e volevamo tornare a quei periodi ed effettuare misurazioni più in dettaglio per vedere cosa stava succedendo”.

Utilizzando campioni del nucleo di ghiaccio che divide la calotta glaciale dell’Antartide occidentale, Wendt e i suoi colleghi hanno studiato cosa stava accadendo in quei periodi. Hanno identificato un modello che mostra che questi salti di anidride carbonica si sono verificati insieme a ondate di freddo nel Nord Atlantico note come eventi Heinrich, che sono associati a bruschi cambiamenti climatici in tutto il mondo.

“Questi eventi di Heinrich sono davvero notevoli”, ha affermato Christo Boisert, professore associato presso la School of Earth, Oceanic and Atmospheric Sciences e coautore dello studio. “Pensiamo che sia causato dal drammatico collasso della calotta glaciale nordamericana, che avvia una reazione a catena che coinvolge i cambiamenti nel monsone tropicale, i venti occidentali nell’emisfero meridionale e questi grandi esplosioni di anidride carbonica”.2 Venendo dagli oceani.”

Confronta gli aumenti naturali e attuali di anidride carbonica

Durante i maggiori aumenti naturali, l’anidride carbonica è aumentata di circa 14 parti per milione in 55 anni. I salti si verificavano una volta ogni 7.000 anni circa. Ai ritmi attuali, l’entità dell’aumento richiederebbe solo 5-6 anni.

READ  Gli scienziati potrebbero aver localizzato il misterioso pianeta X

Le prove suggeriscono che durante i periodi passati di aumento naturale della CO2, anche i venti occidentali che svolgono un ruolo importante nella circolazione delle profondità oceaniche si stavano intensificando, portando a un rapido rilascio di anidride carbonica dall’Oceano Antartico.

Altre ricerche hanno indicato che questi venti occidentali si rafforzeranno nel prossimo secolo a causa dei cambiamenti climatici. I nuovi risultati suggeriscono che, se ciò accadesse, si ridurrà la capacità dell’Oceano Antartico di assorbire l’anidride carbonica generata dall’uomo, hanno osservato i ricercatori.

“Dipendiamo dall’Oceano Antartico per assorbire parte dell’anidride carbonica che rilasciamo, ma i venti meridionali in rapido aumento stanno indebolendo la sua capacità di farlo”, ha detto Wendt.

Riferimento: “L’Oceano Australe immette anidride carbonica nell’atmosfera da decenni2 “La crescita attraverso Heinrich Stadiales” di Kathleen A. Wendt, Christoph Nierpas-Ahls, Kyle Niezgoda, David Nunn, Michael Kalk, Laurie Mainville, Julia Gottschalk, James W. B. Ray, Jochen Schmidt, Hubertus Fischer, Thomas F. Stocker, Juan Muglia, David Ferreira, Sean A. Marcotte, Edward Brook e Christo Boisert, 13 maggio 2024, Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze.
doi: 10.1073/pnas.2319652121

Altri coautori includono Ed Brock, Kyle Niezgoda e Michael Kalk dell’Oregon State; Christoph Neerbas-Ahles Università di Berna in Svizzera e il Laboratorio Fisico Nazionale nel Regno Unito; Thomas Stocker, Jochen Schmidt e Hubertus Fischer dell’Università di Berna; Laurie Mainville dell’Università del Nuovo Galles del Sud in Australia; James Rae dell’Università di St Andrews, Regno Unito; Juan Muglia dall’Argentina; David Ferreira dell’Università di Reading nel Regno Unito e Sean Marcotte dell’Università del Wisconsin-Madison.

Lo studio è stato finanziato dalla National Science Foundation statunitense.