Gennaio 28, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Shanghai Covid-19: il video mostra un operatore sanitario che picchia a morte un cane dopo che il proprietario è risultato positivo

Shanghai Covid-19: il video mostra un operatore sanitario che picchia a morte un cane dopo che il proprietario è risultato positivo

Un video delle percosse in un complesso di appartamenti nel distretto cittadino di Pudong è stato accolto con orrore dopo essere diventato virale sui social media cinesi mercoledì.

La clip, che sembra essere stata filmata da un residente di un edificio vicino, mostra l’operatore di prevenzione COVID-19 – che indossa indumenti protettivi dalla testa ai piedi – che insegue un corgi per strada e lo colpisce tre volte con una pala. Quindi il cane appare sdraiato immobile.

In due foto pubblicate online, i cani Corgi sono visti correre dietro un autobus che si dice stia portando il loro proprietario in una struttura di isolamento. Un’altra immagine mostra il suo corpo trasportato in un sacchetto di plastica.

Il video e le foto sono stati ripubblicati ed eliminati da molti utenti. La CNN non è in grado di determinare l’autore del caricamento originale del video.

Il proprietario del cane era in quarantena al momento dell’attacco, secondo China News Weekly, e il cane è stato rilasciato nelle strade dopo che non era riuscito a trovare nessuno che si prendesse cura dell’animale in sua assenza.

tutta Shanghai 25 milioni di abitanti È soggetto a chiusura fino a nuovo avviso e deve affrontare diversi round di test di massa. Coloro che risultano positivi devono affrontare l’isolamento obbligatorio.
“Alla fine, ho pensato di poter lasciare che (i corgi) uscissero per essere un randagio, almeno non sarebbe morto di fame”. Il proprietario ha scritto in un gruppo online, spiegando che non c’era cibo per cani rimasto in casa, secondo Settimanale di notizie cinesi. “Non avrei mai pensato che una volta che ce ne fossimo andati, sarebbe stato picchiato a morte”.

La rivista ha riferito che il comitato di quartiere avrebbe rifiutato di aiutare a prendersi cura del cane. La commissione si è detta preoccupata che anche un Corgi possa essere infettato.

READ  Nei 33 anni trascorsi da Tienanmen, la Cina ha imparato a soffocare l'attivismo

“A quel tempo, i lavoratori non hanno preso in considerazione (la questione) in modo molto completo. Comunicheremo con il proprietario e offriremo un compenso in seguito”, La commissione ha risposto in risposta, secondo le notizie di China Weekly.

La CNN ha fatto diversi tentativi per contattare il comitato.

L’incidente è stato ampiamente riportato sulla piattaforma di social media cinese Weibo. Un hashtag su questo argomento è stato visualizzato decine di milioni di volte prima di essere rimosso dalla pesante censura Posizione. Il filmato ha suscitato shock e indignazione, con molti che hanno descritto l’uccisione del cane come crudele e non necessaria.

in Cina & # 39;  s & # 39;  Zero Covid & # 39;  Lockdown, pazienti con altre malattie lottano per sopravvivere
autorità sanitarie internazionali Ha affermato che il rischio di trasmissione dagli animali all’uomo è possibile ma basso e non ci sono prove che gli animali svolgano un ruolo significativo nella diffusione del Covid-19 negli esseri umani.

E la Commissione sanitaria nazionale cinese ha affermato che finora non ci sono prove che le persone siano state infettate dal virus Covid da animali domestici.

“Qual è lo scopo della compensazione? Questa è la vita”, ha detto un post popolare su Weibo.

Un altro utente ha scritto: “Anche gli animali domestici sono una famiglia” – un sentimento ripreso da molte altre persone.

Alcuni addirittura si sono incrociati Qualcosa che una volta era considerato impensabile nel Paese: la lotta della Cina contro il COVID-19 è andata troppo oltre.

Preferiamo vivere con un virus

Durante l’epidemia, la Cina ha aderito a una politica zero-Covid-19 volta a eliminare tutti i cluster e le catene di trasmissione attraverso controlli alle frontiere, test di massa, quarantena e chiusure rigorose. A volte ha fatto ricorso a misure estreme, tra cui separare i bambini infetti dai loro genitori e impedire ai residenti di lasciare le loro case per settimane e settimane.

READ  I politici tedeschi criticano il ritardo nell'invio di carri armati in Ucraina - DW - 21/01/2023

Questa politica era ampiamente popolare tra il pubblico, poiché molti ritenevano necessario evitare l’alto numero di vittime e i crolli economici visti in altri paesi come gli Stati Uniti o il Regno Unito.

Questa non è la prima volta che un animale domestico viene ucciso per paura di essere portatore del virus. Tre gatti hanno incontrato la stessa sorte lo scorso settembre e un altro corgi lo scorso novembre. Tuttavia, all’epoca, le reazioni sui social media erano contrastanti, anche se alcuni esprimevano simpatia e rabbia, altri sostenevano che l’uccisione degli animali fosse necessaria data la pandemia.

I commercianti dormono accanto alle loro scrivanie mentre il centro finanziario cinese è chiuso

Questa volta, la reazione è molto diversa, con la maggior parte dei commenti online che condannano l’omicidio, forse un segno dell’impazienza del pubblico per il deterioramento delle condizioni di vita durante il blocco.

Molti residenti di Shanghai si sono lamentati di non poter accedere alle forniture di base come cibo e medicine. Sono stati segnalati incidenti di pazienti non Covid con altre emergenze che muoiono prima che possano ricevere cure mediche. Queste frustrazioni sono state aggravate da messaggi contrastanti da parte del governo di Shanghai, che solo due settimane fa ha insistito sul fatto che non c’erano piani per bloccare la città.

Per alcuni, la morte del Corgi fu l’ultima goccia.

Un utente di Weibo ha deriso la risposta del comitato di quartiere: “Sono passati due anni e pensano ancora che (un corgi) abbia il virus. Queste persone non sono della Terra?”

Un altro utente lo ha detto in modo più schietto: “Preferiremmo vivere con un virus piuttosto che vivere con questa persona malvagia e perversa”.

READ  I paesi hanno fatto promesse audaci sul clima l'anno scorso. Come stanno?