Aprile 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Si ritiene che le molecole d'acqua sugli asteroidi siano “completamente secche”

Si ritiene che le molecole d'acqua sugli asteroidi siano “completamente secche”

NASA/Karla Thomas/SwRI

I dati dell’Osservatorio stratosferico per l’astronomia a infrarossi della NASA hanno rivelato molecole d’acqua sulla superficie di due diversi asteroidi.

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l'universo con notizie di scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Molecole d’acqua sono state scoperte per la prima volta sulla superficie degli asteroidi, dimostrando che questi resti della formazione del nostro sistema solare non sono solo rocce spaziali secche.

Gli astronomi ritengono che l’impatto degli asteroidi in collisione con il nostro pianeta potrebbe aver contribuito a fornire acqua e altri elementi sulla Terra primordiale, quindi trovare prove di acqua sugli asteroidi potrebbe supportare questa teoria, secondo un nuovo studio.

I dati sono stati raccolti da uno strumento sul telescopio aereo presso l’Osservatorio Stratosferico per l’astronomia a infrarossi, ora in pensione. Il telescopio a infrarossi, chiamato SOFIA, ha volato su un Boeing 747SP modificato per volare attraverso la stratosfera sopra il 99% dell'atmosfera terrestre, bloccando la luce infrarossa.

La Faint Object Infrared Camera del telescopio SOFIA, o strumento FORCAST, ha permesso agli astronomi di rilevare molecole d'acqua su Iris e Masalia, due asteroidi nella fascia principale degli asteroidi tra le orbite di Marte e Giove. Entrambi sono a più di 223,1 milioni di miglia dal sole.

I risultati sono stati pubblicati lunedì Giornale di scienze planetarie.

Gli astronomi sono stati ispirati a utilizzare SOFIA per studiare gli asteroidi oltre il telescopio Prove di acqua sono state avvistate sulla Lunaha detto l'autrice principale dello studio, la dottoressa Anicia Arredondo, ricercatrice presso il Southwest Research Institute di San Antonio.

La prova della bagnatura sui due asteroidi era stata precedentemente trovata dalla coautrice dello studio, la dottoressa Maggie McAdam, ricercatrice presso l'Ames Research Center della NASA a Mountain View, in California, mentre utilizzava un telescopio diverso. Arredondo ha detto che i ricercatori non erano sicuri se l'acqua o un altro composto molecolare come l'idrossile stesse causando la bagnatura.

READ  Lo squadrone di astronavi schiva la spazzatura spaziale mentre si arrampica per sfuggire all'ira del sole

“Le nostre nuove osservazioni con SOFIA hanno definitivamente indicato che ciò che hanno visto era effettivamente acqua”, ha detto Arredondo. “Ma questi oggetti fanno parte della classe S degli asteroidi, il che significa che sono composti principalmente da silicati, e fino ai risultati del Dr. McAdam, si presumeva che fossero completamente asciutti”.

Arredondo ha affermato che la quantità di acqua scoperta dal team era più o meno equivalente alla quantità di acqua contenuta in una bottiglia da 12 once intrappolata in un metro cubo di terreno, che è simile a ciò che SOFIA ha scoperto sulla luna. Il telescopio ha catturato la firma delle molecole d'acqua in uno dei più grandi crateri nell'emisfero meridionale della Luna nel 2020.

Come l'acqua sulla Luna, “sugli asteroidi, l'acqua può anche legarsi ai minerali così come essere adsorbita dai silicati e intrappolata o disciolta nel vetro silicato”, ha detto Arredondo.

Gli asteroidi sono i resti di quando si formarono i pianeti nel nostro sistema solare. Studiare la loro composizione può dire agli astronomi dove hanno avuto origine gli asteroidi nel nostro vicinato cosmico.

“Quando il sistema solare si stava formando, si formarono materiali diversi a seconda della sua distanza dal sole perché il materiale (più lontano) dal sole si raffreddava più velocemente (rispetto a) “I materiali sono più vicini al sole”, ha detto Arredondo via e-mail. “Ecco perché i pianeti interni come la Terra e Marte sono fatti di roccia e i pianeti esterni come Nettuno e Urano sono fatti di ghiaccio e gas”.

La scoperta dell'acqua in Eris e Massalia potrebbe aiutare gli astronomi a tracciare la storia di questi particolari asteroidi, suggerendo che la loro formazione è avvenuta abbastanza lontano dal Sole per evitare di far bollire l'acqua con il calore.

READ  Le foto storiche mostrano il primo americano ad orbitare attorno alla Terra nel 60° anniversario della missione Mercury Atlas 6.

I ricercatori hanno provato a cercare acqua su altri due asteroidi utilizzando SOFIA, ma il rilevamento è stato molto debole. E ora la squadra utilizza Telescopio spaziale James Webb Concentrarsi su diversi asteroidi e cercare tracce d'acqua.

Mentre le osservazioni di Webb continuano, Arredondo ha affermato che i risultati iniziali hanno incoraggiato il team a chiedere tempo per osservare altri 30 asteroidi con il potente telescopio a infrarossi.

“Il telescopio JWST è molto più grande del telescopio SOFIA, quindi può raccogliere dati di qualità superiore e può raccogliere dati su più asteroidi in un periodo di tempo più breve”, ha detto Arredondo. “Spero di essere in grado di osservare molti asteroidi diversi utilizzando il telescopio spaziale James Webb per cercare la firma dell’acqua, e spero di essere in grado di inventariare l’acqua nella fascia degli asteroidi”.

Webb potrebbe aiutare gli astronomi a comprendere meglio la distribuzione dell’acqua nel sistema solare, nonché la composizione dei diversi tipi di asteroidi.

“Non ci aspettavamo davvero di trovare acqua su questi asteroidi ricchi di silicati”, ha detto Arredondo. “Soprattutto quando parliamo di acqua sugli asteroidi, ci riferiamo ad asteroidi più ricchi di carbonio, ad es. Asteroide Bennu A cui è andata la missione OSIRIS-REx della NASA. Ora voglio cercare le tendenze tra quantità idratante e formulazione. Voglio sapere se gli asteroidi ricchi di carbonio contengono molta più acqua degli asteroidi ricchi di silicati, o se ne contengono quantità simili.