Aprile 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sorpresa: lo strumento “extraterrestre” era più familiare

Sorpresa: lo strumento “extraterrestre” era più familiare

Nel gennaio 2014, un meteorite è caduto dallo spazio al largo della costa della Papua Nuova Guinea. Quella potrebbe essere stata la fine della questione, ma diversi anni dopo, Avi Loeb, un astrofisico teorico dell'Università di Harvard, si basò su dati sismici provenienti dalle vicinanze del sito, cercò i resti di uno schianto sul fondo dell'oceano e suggerì che il rimane “potrebbe riflettere la tecnologia extraterrestre”. Origine.”

Il dottor Loeb è stato precedentemente accusato dai suoi colleghi di speculazioni selvagge e sensazionalismo. Lo scorso autunno, Benjamin Fernando, un sismologo planetario della Johns Hopkins University, ha guidato un team che ha riesaminato i segnali sismici vicini e ha concluso che non erano prove di vita extraterrestre, o qualcosa di simile ad essa.

Martedì il dottor Fernando presenterà i dati in dettaglio alla conferenza scientifica. Recentemente ha incontrato il New York Times per vedere in anteprima cosa ha scoperto il suo team. Questa intervista è stata modificata e condensata per chiarezza.


Come è iniziato tutto?

Nel 2014, un meteorite entrò nell’atmosfera e provocò una “esplosione”. A volte, queste meteore vengono ascoltate dai sismometri. Avi Loeb ha scritto un articolo in cui afferma di aver trovato il segnale sismico di questo meteorite e di averlo utilizzato per determinare esattamente dove sono caduti i detriti del meteorite. Da qui intrapresero una spedizione e raccolsero oggetti dal fondo del mare.

In un articolo, il dottor Loeb e un coautore hanno scritto di aver “confermato la posizione della palla di fuoco” nell’oceano “dal momento del forte segnale sismico”. Ma hai deciso che le informazioni sismiche non provenivano da un meteorite. Da cosa pensi che provenisse?

READ  Luna piena di marzo: quando vedere la luna del verme

Un camion.

Come in un camion alieno super veloce?

No, era un camion normale, come un camion normale guidato da un sismografo. Non essendo sismologi, il team di Loeb potrebbe aver frainteso i dati. In effetti, non hanno fatto altro che trovare un camion.

Dove stava viaggiando quel camion? Nella Via Lattea?

no no no. Il camion viaggiava sulla stessa isola in Papua Nuova Guinea. È un normale camion da terra. Penso che tecnicamente questo sia nella Via Lattea!

Come sei giunto alla conclusione che non siamo stati invasi dagli alieni?

Abbiamo esaminato i dati di due settimane nel periodo in cui si è verificato questo evento. Abbiamo visto centinaia di segnali simili come quelli studiati da Loeb. Se ce ne sono centinaia, non possono essere tutti meteoriti. Di queste centinaia di segnali, la maggior parte si verifica durante le ore diurne. Ciò che Loeb ha visto, e ciò che abbiamo visto, accade spesso durante il giorno. Questa è un'indicazione del rumore antropico.

Rumore creato dall'uomo?

SÌ.

Poi abbiamo guardato il cartello che stava guardando e proveniva da una strada principale. Col passare del tempo, si è spostato da una strada principale verso l'ospedale, poi di nuovo sulla strada principale. Quindi, dall'analisi dei dati, ci sembra che il segnale provenisse molto probabilmente da un camion che usciva dalla strada principale, passava davanti al sismometro vicino all'ospedale e poi procedeva nella direzione opposta.

Non c'era nessun meteorite.

Nella conclusione del tuo articolo, scrivi di avere “un altissimo grado di fiducia che i presunti frammenti di meteorite recuperati dal fondale marino non abbiano nulla a che fare con la palla di fuoco” – e quindi che il materiale recuperato dal fondale oceanico fosse probabilmente è solo roba proveniente dalla Terra, o forse parte di migliaia di tonnellate di meteoriti che raggiungono la Terra ogni anno. Quindi non dovremmo preoccuparci che gli alieni invadano i nostri ospedali?

READ  La NASA lancia il primo razzo dall'Australian Space Center

Sarai ragionevolmente giustificato NO Preoccupazione per gli alieni che invadono gli ospedali.

Qual è la lezione più grande da tutto questo?

Ce ne sono due: in primo luogo, se vuoi fare un'analisi sismica, l'ideale è consultare prima un sismologo. L'altro è che non sono alieni.