Maggio 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

SpaceX ha lanciato lo strumento di dimostrazione della tecnologia OneWeb Gen 2

SpaceX ha lanciato lo strumento di dimostrazione della tecnologia OneWeb Gen 2

Tampa, Fla. — SpaceX ha lanciato il 20 maggio un satellite dimostrativo tecnologico per la costellazione a banda larga di seconda generazione di OneWeb, insieme a parti per l’esistente rete Low Earth Orbit (LEO) dell’azienda britannica e un’altra rete gestita dalla statunitense Iridium Communications.

Un razzo Falcon 9 che trasportava 21 veicoli spaziali è decollato alle 9:16 EST attraverso una fitta nebbia alla base delle forze spaziali di Vandenberg in California su una traiettoria polare verso sud.

Tutti e cinque i segmenti Iridium sono stati schierati un’ora dopo, seguiti da 16 satelliti OneWeb che si sono separati a coppie.

Il primo stadio del razzo è atterrato con successo su una nave senza equipaggio nell’Oceano Atlantico per essere riutilizzato dopo il suo undicesimo volo.

OneWeb e Iridium hanno confermato separatamente il contatto con tutti i loro satelliti dopo la missione, che è stata ritardata di un giorno per motivi non resi noti da SpaceX.

OneWeb ora dispone di 633 satelliti di prima generazione in LEO, sebbene ne occorrano solo 588 per fornire una copertura globale, mentre il resto funge da backup in orbita.

I satelliti che spingono OneWeb hanno superato il limite di 588 satelliti lanciati il ​​25 marzo e la società ha recentemente affermato di essere sulla buona strada per lanciare servizi commerciali globali entro gennaio.

I satelliti sono stati costruiti dall’appaltatore principale Airbus OneWeb Satellites, la joint venture con sede in Florida che l’operatore condivide con Airbus.

Iridium ha selezionato la società europea Thales Alenia Space come prime contractor per la costellazione di collegamento Iridium NEXT di 66 satelliti operativi in ​​orbita terrestre bassa. SpaceX ha lanciato tutti questi satelliti tra il 2017 e il 2019, più nove di riserva in orbita.

READ  La Cina pianifica tre missioni lunari dopo aver scoperto un nuovo minerale lunare

La missione del 20 maggio ha lanciato cinque dei sei satelliti di backup che Iridium aveva tenuto in deposito per almeno quattro anni. Iridium non ha menzionato alcun piano per schierare una riserva di terra finale.

Gen2 in OneWeb

Uno dei satelliti lanciati per OneWeb, JoeySat, è progettato per testare le capacità di una costellazione di seconda generazione che, secondo la società, potrebbe iniziare a essere implementata già nel 2025.

Una delle tante nuove tecnologie su JoeySat è la capacità di dirigere da remoto i raggi e la potenza del segnale, secondo OneWeb, consentendo al satellite di aumentare la capacità nelle aree di utilizzo più elevate in risposta alla maggiore domanda.

SatixFy, con sede in Israele, ha costruito il carico utile JoeySat, con il supporto dei fondi dell’Agenzia spaziale europea e dell’Agenzia spaziale britannica, per l’assemblaggio da parte di Airbus OneWeb Satellites.

JoeySat utilizza la stessa piattaforma satellitare del veicolo spaziale OneWeb da 150 chilogrammi di prima generazione.

L’11 maggio l’operatore francese di flotte geostazionarie Eutelsat, che sta cercando le autorizzazioni normative per acquistare OneWeb, ha dichiarato che i suoi satelliti di seconda generazione saranno più grandi della prima generazione e in grado di fornire una capacità da tre a cinque volte superiore.

Le società prevedono inoltre di aver bisogno solo di una costellazione di circa 300 satelliti di seconda generazione, in parte perché possono sfruttare la rete di Eutelsat in orbita geostazionaria su aree ad alta domanda.

Eutelsat e OneWeb non hanno ancora selezionato un produttore di satelliti di seconda generazione.