Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Stati Uniti e Gran Bretagna si preparano a lanciare un’offensiva contro i ribelli Houthi

Stati Uniti e Gran Bretagna si preparano a lanciare un’offensiva contro i ribelli Houthi

Apri Editor's Digest gratuitamente

Gli Stati Uniti e il Regno Unito stanno preparando attacchi contro i ribelli Houthi sostenuti dall’Iran dopo che i militanti con sede nello Yemen hanno ignorato gli avvertimenti occidentali e hanno intensificato gli attacchi alle navi mercantili nel Mar Rosso.

A Londra, a seguito di una riunione del Consiglio di sicurezza nazionale britannico, il primo ministro britannico Rishi Sunak ha chiamato i suoi ministri alle 19:45 di giovedì, secondo fonti interne a Whitehall.

Sunak si sta preparando ad autorizzare attacchi contro obiettivi Houthi, con la Gran Bretagna che agisce come parte di una coalizione militare guidata dagli Stati Uniti, hanno detto fonti interne.

Secondo funzionari statunitensi, il Pentagono ha elaborato opzioni per attacchi mirati contro le posizioni Houthi nello Yemen, che includono siti di lancio di missili e depositi di armi.

Il portavoce del Pentagono, il Magg. Gen. Pat Ryder, ha detto giovedì che non farà speculazioni sulle azioni future. Ryder ha affermato che la scorsa settimana cinque navi militari statunitensi e britanniche erano nel Mar Rosso e navi da guerra di altri alleati, inclusa la Francia, si stavano coordinando con la coalizione guidata dagli Stati Uniti.

I preparativi militari arrivano dopo settimane di intensificati attacchi da parte degli Houthi sostenuti da Teheran contro le navi mercantili che tentavano di attraversare il Mar Rosso e il Canale di Suez.

Giovedì le forze iraniane hanno sequestrato una petroliera al largo delle coste dell’Oman e le forze Houthi hanno lanciato un missile antinave dallo Yemen sulle rotte marittime internazionali nel Golfo di Aden.

READ  Aspettatevi un aumento dei casi di covid e influenza dopo le vacanze. Ecco come prepararsi

“Questa azione è contro il diritto internazionale”, ha detto Ryder. “Questo è ancora un altro esempio di attività maligna iraniana che minaccia la sicurezza e la stabilità nella regione”.

Il Comando Centrale degli Stati Uniti ha affermato che si tratta del 27esimo attacco degli Houthi alle navi internazionali negli ultimi due mesi, interrompendo gravemente una rotta commerciale marittima vitale. Ryder ha detto che ci sono stati più di 100 attacchi contro gli Stati Uniti e i loro alleati in Iraq e Siria.

Gli attacchi di giovedì sono avvenuti nonostante gli avvertimenti della settimana scorsa da parte di Stati Uniti, Regno Unito e altri alleati secondo cui l’offensiva Houthi in corso nel Mar Rosso era “illegale, inaccettabile e profondamente destabilizzante”.

Tuttavia, invece di lasciarsi intimorire dal rapporto, le forze Houthi – che i funzionari occidentali descrivono come aventi scarso controllo sul procuratore iraniano Teheran – hanno lanciato martedì uno dei più grandi bombardamenti di missili e droni mai visti nel Mar Rosso. Le navi da guerra americane e britanniche li abbatterono.

I ribelli sostenuti dall’Iran, che controllano lo Yemen settentrionale, sono diventati una delle fazioni più radicali del cosiddetto asse di opposizione di Teheran dallo scoppio della guerra tra Israele e Hamas il 7 ottobre.

“Siamo tutti d'accordo, con una sola voce, sul fatto che ciò non può continuare”, ha detto mercoledì il segretario alla Difesa britannico Grant Shabbs, che è stato in regolare contatto con gli alleati regionali. “Non permetteremo che ciò continui.”

I preparativi per gli attacchi sono in corso da settimane in seguito alle critiche dei legislatori statunitensi che hanno affermato che l’amministrazione Joe Biden non ha risposto con sufficiente forza ai militanti con sede nello Yemen.

READ  Vertice Nato: gli alleati si rifiutano di dare termine all'adesione dell'Ucraina

Molte petroliere e navi portacontainer evitano la rotta del Mar Rosso e il Canale di Suez e optano per il viaggio più lungo – e più costoso – attorno al Corno d’Africa.

Secondo la dichiarazione congiunta della scorsa settimana, il 15% del commercio marittimo globale passa attraverso il Mar Rosso, compreso l'8% del commercio di cereali, il 12% del petrolio via mare e l'8% del gas naturale liquefatto via mare.

Per Sunak, l’escalation sarà probabilmente l’operazione militare più grave che coinvolge le forze britanniche da quando è entrato in carica come primo ministro nell’ottobre 2022, anche se si prevede che il Regno Unito svolgerà un ruolo minore nell’operazione guidata dagli Stati Uniti.

L’ex consigliere per la sicurezza nazionale del Regno Unito Kim Darroch ha dichiarato: “Normalmente contribuiamo con il 10% a qualsiasi operazione congiunta. Ai francesi di solito viene chiesto se vogliono essere coinvolti.

“L'importante è che siamo parte di qualsiasi operazione, piuttosto che la quantità di hardware che forniamo.”

Washington ha dispiegato altre centinaia di truppe in Medio Oriente da quando è iniziato il conflitto tra Israele e Hamas in ottobre, e ha colpito le milizie appoggiate dall’Iran in Iraq e Siria come rappresaglia per gli attacchi alle basi statunitensi nella regione.

Il Pentagono ha anche schierato due gruppi d’attacco di portaerei in Medio Oriente, mentre Biden ha apertamente avvertito Teheran di non intensificare il conflitto.

Il Regno Unito ha due navi da guerra nella regione; Uno è stato l’HMS Diamond, che martedì ha abbattuto sette dei 18 droni e missili lanciati dagli Houthi dalle aree controllate dal gruppo nello Yemen.

READ  La BP ha sospeso le spedizioni nel Mar Rosso a causa degli attacchi delle milizie Houthi dello Yemen

Si ritiene che lo schieramento di aerei da guerra britannici per attaccare le basi Houthi sia un’opzione se si vuole che l’operazione militare guidata dagli Stati Uniti continui. Si ritiene che un’altra opzione sia quella di lanciare missili da crociera Tomahawk dai sottomarini britannici.