Dicembre 5, 2021

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sul razzo Blue Origin, William Shatner va finalmente nello spazio

Sig. Bezos, che ha detto di essere stato ispirato da “Star Trek” da ragazzo, ha chiesto, ancora idolatrato. Lui è il sig. Shatner potrebbe aver avuto un po’ di spazio, ma c’era una netta differenza nel suo aspetto quando era sulla stessa navicella spaziale dopo il suo volo spaziale a luglio. Poi, il signor Bezos si allungò da una piattaforma, Provoca la condanna da parte dei critici della società più ampia da lui fondata Ha ringraziato lo staff e i clienti di Amazon per aver sponsorizzato la sua compagnia spaziale personale.

Sig. Shatner ha condiviso la capsula con altri tre passeggeri mercoledì: Audrey Powers, vicepresidente di Blue Origin che supervisiona le nuove operazioni di Shepherd, e due clienti paganti: Chris Poshuyson, cofondatore e cofondatore di Glenn de Vries, cofondatore e ricercatore medico per la società di monitoraggio della Terra Planet Labs. .

Il lancio è stato ritardato di quasi un’ora da due pause rispetto al conto alla rovescia del lancio di mercoledì mattina, in parte causato da ulteriori test del veicolo spaziale e dall’aria vicino al suo sito di lancio. I quattro sono stati portati al trampolino di lancio di Blue Origin in camion elettrici, circondati dal signor Bezos e dal personale dell’azienda circa un’ora fa.

Per un momento, sembrò che il signor Bezos, indossando una tuta da volo simile a quella che indossava a luglio, volasse nello spazio con loro. Ma prima di uscire dal cofano ha chiuso la portiera e ha mandato via i passeggeri.

Alle 9:49 ora locale, il razzo volò alla velocità di un proiettile viaggiando a 2.235 miglia all’ora, inviando l’equipaggio a un’altitudine di 65,8 miglia. L’intero viaggio è durato 10 minuti e 17 secondi, dando a tutti e quattro i passeggeri circa quattro minuti di assenza di gravità.

READ  Activision Blizzard "non farà parte" degli Sports Awards di quest'anno

Parlando con i giornalisti dopo il volo, Boschwen ha paragonato l’ingresso dell’equipaggio nello spazio a una roccia che colpisce la superficie di un lago. “Ho provato a ridere, ma la mia mascella si è spinta nella mia testa”, ha detto.