Ottobre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Taiwan: la seconda delegazione del Congresso degli Stati Uniti guidata da Ed Markey visita Taipei.

Una nuova delegazione di cinque membri sta visitando l’isola autonoma nel tentativo di “riaffermare il sostegno dell’America a Taiwan” e “promuovere la stabilità e la pace attraverso lo stretto di Taiwan”, ha affermato il portavoce di Markey in una nota.

La delegazione comprende i rappresentanti dei democratici John Karamendi, Alan Lowenthal e Don Beyer e il rappresentante repubblicano Amuah Amata Coleman Rathewagen.

Durante la visita, la delegazione guidata da Marqui incontrerà il presidente taiwanese Tsai Ing-wen e il ministro degli Esteri Joseph Wu e discuterà questioni di sicurezza e commercio con il Comitato per gli affari esteri e la sicurezza nazionale del parlamento di Taiwan, ha affermato il ministero degli Esteri di Taiwan. .

Il ministero degli Esteri ha accolto calorosamente la delegazione e l’ha ringraziata per aver mostrato un forte sostegno degli Stati Uniti a Taiwan nonostante le crescenti tensioni con Pechino.

Un portavoce del senatore ha detto che “incontrerà i leader eletti e i membri del settore privato per discutere di interessi condivisi, inclusa la riduzione delle tensioni attraverso lo Stretto di Taiwan e l’espansione della cooperazione economica, compresi gli investimenti nei semiconduttori”.

Cina Il Congresso deve ancora commentare la visita.
Il Partito Comunista Cinese al potere in Cina considera Taiwan parte di esso e, sebbene non l’abbia mai controllato, ha da tempo promesso di “riunire” l’isola con la Cina continentale con la forza, se necessario. Prima della visita di Pelosi, Pechino aveva ripetutamente avvertito che se il viaggio fosse andato avanti, arrivando addirittura ad avvertire Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden Che coloro che giocano con il fuoco “periscano” per esso.

Durante la sua visita a Taiwan, Pelosi, democratica della California, ha affermato di voler chiarire “inequivocabilmente” che gli Stati Uniti “non abbandoneranno” l’isola governata democraticamente.

READ  Da American Pie a All Too Well: i misteri delle canzoni più dibattuti | Musica

In risposta alla visita dell’oratore, il ministero della Difesa cinese ha affermato di aver lanciato esercitazioni sia nei mari che nello spazio aereo intorno a Taiwan. Oltre alle esercitazioni, Pechino ha cancellato le future telefonate tra i capi della difesa cinese e statunitense, sospeso i colloqui bilaterali sul clima e consentito a Pelosi e ai suoi parenti stretti.

C’è la Casa Bianca Evocato L’ambasciatore cinese ha condannato le azioni militari e ha sottolineato il desiderio degli Stati Uniti di evitare una crisi nella regione. La Casa Bianca ha affermato che non vi è alcun cambiamento nella politica americana della “Cina unica” e che Washington riconosce la Repubblica popolare cinese come l’unico governo legittimo della Cina.

Gli Stati Uniti intrattengono strette relazioni non ufficiali con Taiwan e sono obbligati per legge a fornire armi difensive a Taiwan. Ma rimane deliberatamente vago se difenderà Taiwan in caso di invasione cinese, nota come “ambiguità strategica”.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori informazioni di base.

Daniela Diaz, Jeremy Herb, Wayne Chang e Rhea Mogul della CNN hanno contribuito a questo rapporto.