Aprile 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tesla sposta FSD dalla versione beta alla versione supervisionata con la versione 12.3.3: semantica o aggiornamento legittimo?

Tesla sposta FSD dalla versione beta alla versione supervisionata con la versione 12.3.3: semantica o aggiornamento legittimo?

Alla fine, Tesla ha rimosso le ruote da allenamento, o quasi. Dopo aver utilizzato per anni la parola “beta” ogni volta che viene menzionata la guida completamente autonoma, l'azienda si rivolge ora alla FSD (supervisione). È solo un rebranding? Forse, ma non c'è dubbio che si tratti di un aggiornamento significativo rispetto alle versioni precedenti di FSD Beta, e certamente richiede più di un semplice aggiornamento numerico, ma un aggiornamento completo del nome.

L’importanza della “vigilanza”

L'ultimo aggiornamento è arrivato con un messaggio nella tua casella di posta sull'app Tesla, che era troppo deludente per coloro che aspettavano il messaggio di Cybertruck. Tuttavia, questo aggiornamento software potrebbe essere rivoluzionario quanto il Cybertruck nel settore automobilistico.

Il passaggio alla FSD (supervisione) riconosce lo stato attuale della tecnologia di guida autonoma di Tesla: è incredibilmente avanzata e offre miglioramenti significativi in ​​termini di sicurezza, ma, come prima, richiede ancora il monitoraggio del conducente. Questo cambiamento è un cenno al panorama normativo e all’approccio cauto di Tesla nei confronti della guida autonoma, garantendo che i conducenti rimangano coinvolti e responsabili durante l’utilizzo del sistema.

Le statistiche aggiornate sulla sicurezza raccontano la storia

La tecnologia FSD di Tesla ha fatto passi da gigante nel miglioramento della sicurezza dei veicoli, come evidenziato dalle ultime statistiche. Con il pilota automatico attivato, le Tesla registrano un incidente ogni 5,39 milioni di miglia, in netto contrasto con la media nazionale di un incidente ogni 670.000 miglia. Questo mette Teslas sul pilota automatico come Circa 8,04 volte più sicuro rispetto al conducente americano medio. Anche senza il pilota automatico, le auto Tesla sono circa 1,49 volte più sicure. Questi numeri confermano i notevoli vantaggi in termini di sicurezza della tecnologia Tesla su strada, sebbene non abbia ancora raggiunto l'ambizioso obiettivo “10 volte più sicuro” delineato nel documento Il piano generale di Tesla, parte II.

L'industria ha preso atto dei progressi di Tesla. L'elogio di Michael Dell della FSD v12.3 in quanto somigliante alle capacità di guida di tipo umano evidenzia i progressi compiuti da Tesla nel migliorare le sue funzionalità di guida autonoma. La risposta di Elon Musk, anticipando il lancio di FSD v12.4, suggerisce che Tesla è sull'orlo di ulteriori scoperte. L'accenno di Musk al superamento dei limiti computazionali per l'addestramento all'intelligenza artificiale suggerisce che il ritmo dello sviluppo di Tesla è destinato ad accelerare, promettendo capacità di guida autonoma più avanzate nel prossimo futuro.

READ  Elon Musk, sotto pressione finanziaria, paga per fare soldi da Twitter

Conclusione

L'aggiornamento di Tesla da FSD Beta a FSD (supervisionato) è molto più di un semplice cambiamento semantico: riflette i progressi compiuti nella tecnologia di sicurezza e di guida autonoma. Sottolineando la natura supervisionata dell’attuale sistema FSD, Tesla sta navigando nel complesso equilibrio tra innovazione, sicurezza e conformità normativa. Con la versione FSD v12.4 all’orizzonte, Tesla continua il suo percorso verso la guida autonoma e un futuro più sicuro sulle strade.

Tesla ci ha preparato per un anno di vendite più lento, ma quanto è stato lento sui social media. No, non sto parlando di X, da cui proviene il 99% delle notizie su Tesla, ma delle piattaforme di social media di proprietà di un uomo che Elon Musk una volta voleva combattere.

Gli annunci di Tesla sono stati pubblicati sulle piattaforme Facebook e Instagram di Mark Zuckerberg. Mentre Musk parla di utilizzare la pubblicità più tradizionale da oltre un anno, Tesla è apparsa solo sporadicamente in alcuni canali digitali; Ora, sembra essere una campagna completa.

Torniamo a Meta e Zouk

Il 2018 ha segnato un momento significativo nella storia di Tesla quando Elon Musk, in una mossa che riflette il suo disprezzo per Facebook nel mezzo dello scandalo Cambridge Analytica, ha cancellato le pagine Facebook di Tesla e SpaceX, che avevano entrambe milioni di follower. Sei anni dopo, Tesla ha ripristinato la sua presenza su Facebook e ha lanciato campagne pubblicitarie sulle piattaforme di proprietà di Meta.

Musk ora sta pagando i soldi di Tesla a un uomo Sfida ad una partita in gabbia Una volta ha scherzato/minacciato di passare davanti a casa sua e litigare con lui. Ci sono due risultati qui: Meta è la forza dominante nella pubblicità online e Musk è disposto a fare tutto il necessario per portare avanti la missione di Tesla verso un futuro sostenibile.

READ  Il Dow Jones è sceso di oltre 700 punti poiché gli investitori temevano che la Federal Reserve potesse spingere l'economia in recessione

Abbracciare la pubblicità tradizionale in mezzo ai cambiamenti nel mercato dei veicoli elettrici

Gli annunci di Tesla, compresi gli annunci su Cars.com che mettono in risalto la Model Y, dimostrano l'abilità dell'azienda nello sfruttare le sofisticate capacità di targeting di Meta per raggiungere potenziali clienti. L'evitamento della pubblicità tradizionale da parte di Tesla era stato precedentemente annunciato come una mossa visionaria, che ha fatto risparmiare all'azienda miliardi di dollari e ha contribuito alla sua oscurità.

Tuttavia, il panorama dei veicoli elettrici si è evoluto, con i primi utilizzatori ora dotati dei veicoli elettrici scelti, rendendo imperativo per Tesla e i suoi concorrenti raggiungere un pubblico più ampio. Le iniziative pubblicitarie di Tesla su Facebook, Instagram e YouTube riflettono questo aggiustamento strategico, mirando ad attirare l'attenzione dei potenziali acquirenti oltre la sua base di fan principale.

Nonostante la visione storicamente critica di Elon Musk nei confronti della pubblicità e della sua complessa relazione con la sfera della pubblicità sui social media, l’incursione di Tesla nella pubblicità a pagamento rappresenta un importante sviluppo nella strategia di marketing dell’azienda. Questo cambiamento riconosce la necessità di approcci di marketing diversificati per sostenere la crescita ed espandere la portata del mercato nel panorama automobilistico contemporaneo.

Sembra che Tesla stia pianificando un progetto ambizioso per costruire una rete 5G privata. Questa iniziativa rivoluzionerebbe la connettività per i suoi veicoli e per il robot Optimus, oltre a qualsiasi altro piano che l’azienda probabilmente svilupperà in futuro.

Annunci di lavoro innovativi rivelano grandi progetti

Anche se ora rimosso, Un recente annuncio di lavoro per un ingegnere di integrazione di sistemi cellulari è stato individuato sulla pagina della carriera di Tesla, evidenziando le intenzioni dell'azienda. Questo ruolo richiede esperienza per sfruttare la connettività delle auto Tesla e dei robot Optimus, promettendo di oltrepassare i limiti della bassa latenza e dell’elevata velocità di trasmissione dei dati.

READ  Dow futures: offerta rialzista nel nuovo mercato già vacillante; Netflix, i prossimi guadagni di Tesla

Il percorso di Tesla dal 3G al previsto aggiornamento 5G fornirà comunicazioni altamente affidabili e trasferimento dati ad alta velocità, fondamentali per gli aggiornamenti software via etere, le funzionalità di guida autonoma e l’analisi dei dati in tempo reale. Queste comunicazioni possono avvenire tra un prodotto e un altro, ad esempio veicoli che comunicano tra loro o con altri prodotti come Optimus. Tuttavia, l'annuncio di lavoro parla anche della capacità dei prodotti di comunicare con la rete 5G interna di Tesla. Non è chiaro se la rete privata sarà interna come nella Gigafactory, oppure una rete più ampia a livello mondiale.

Tesla sta cercando di creare una rete 5G interna per le comunicazioni dei prodotti

Il ruolo strategico delle reti private di quinta generazione

Implementando la sua rete 5G, Tesla mira a creare un ambiente perfettamente connesso negli impianti di produzione, nei laboratori di ricerca e negli spazi esterni. Questa infrastruttura non solo migliora la connettività veicolare; È inoltre fondamentale per l’efficienza operativa del robot Optimus in vari scenari, comprese le operazioni di magazzino.

L'ingresso di Tesla nelle reti 5G private la pone in una posizione di primo piano nei settori automobilistico e tecnologico. Questo passo strategico è in linea con la tendenza globale verso l’adozione di reti private di quinta generazione, che promettono di rivoluzionare le industrie con la loro affidabilità e velocità. Gli sforzi di Tesla per sviluppare uno stack di protocolli 5G proprietario che si integri con qualsiasi infrastruttura cellulare a livello globale stabiliranno nuovi standard di settore.

Con il 5G, le auto Tesla e i robot Optimus beneficeranno di una latenza significativamente inferiore, offrendo meno di 5 millisecondi rispetto ai 60-98 millisecondi delle reti 4G. Si prevede che questo progresso tecnologico migliorerà la funzionalità e la reattività dei prodotti Tesla, aprendo la strada a capacità avanzate di guida autonoma e operazioni robotiche efficienti.

L’interesse di Tesla nello sviluppo di una rete 5G privata è un passo logico. Costruendo un’infrastruttura che supporti gli standard di comunicazione più veloci, Tesla sta preparando i suoi veicoli e gettando le basi per applicazioni robotiche all’avanguardia. Questo sforzo riflette l’impegno costante di Tesla nei confronti dell’innovazione e il suo ruolo nel plasmare il futuro dei trasporti e dell’automazione.