Maggio 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

The Jinx Part 2 non è interessato alle critiche della prima parte.

The Jinx Part 2 non è interessato alle critiche della prima parte.

Ehi, ricorda La sfortuna? Nei primi mesi del 2015, le docuserie della HBO sono diventate un fenomeno, con il regista Andrew Jarecki che ha portato il pubblico sempre più fermamente verso la conclusione che il ricco ed eccentrico erede immobiliare Robert Durst aveva ucciso tre persone e se l'era cavata. Ha anche avuto un ruolo nel consegnare finalmente Durst alla giustizia. Più di 30 anni dopo la scomparsa della sua prima moglie, Kathy, Durst fu arrestato il 15 marzo, il giorno prima della messa in onda dello spettacolo. La sfortunaEpilogo, in cui Durst viene mostrato mentre confessa i suoi crimini.

Se fai fatica a ricordare tutto questo (e ad essere onesti, il 2015 è successo almeno due anni fa), non preoccuparti: La sfortuna, seconda parte Ti abbiamo coperto. Il sequel di Jarecki, Nine Years Later, che andrà in onda domenica su HBO, si apre interamente in modalità “in precedenza su…”, e non si limita a riassumere i contenuti. La sfortunaLa conclusione ma la reazione ad essa. Dagli investigatori della polizia ai giornalisti di cronaca nera fino allo stesso Durst, i soggetti della nuova serie fanno costantemente riferimento al vecchio, o almeno al filmato che Jarecki e i suoi redattori hanno scelto di utilizzare. “La cosa più stupida che abbia mai fatto è stata realizzare una serie su Jarecki”, afferma Durst, che ha trascorso 20 ore a intervistare per la serie originale. “Dio mio: La sfortuna“.

Jarecki, che è riuscito a scoprire le prove che la polizia e l’FBI hanno cercato per decenni, probabilmente meritava di vincere. Ma forse non sei, che è il numero degli episodi La sfortuna, seconda parte Dura. (HBO ne ha dati quattro in anticipo ai critici.) Il culmine del primo episodio era intitolato “Perché sei ancora qui?” Non è una bomba di nuove informazioni: è una stanza piena di gente che guarda La sfortunaansimava mentre Dorset sembrava borbottare Confessione bollente al microfono“Li ho uccisi tutti, ovviamente.”

Sebbene Jarecki presenti i suoi metodi come investigativi, in realtà sono pretenziosi. Compaiono gli avvocati difensori di Durst La sfortuna, seconda parteMa sono lì per complicare la trama, non per fornire punti di vista alternativi. È una collezione colorata – l'ufficio di David Chesnoff a Las Vegas include un dipinto gigante di Elvis appoggiato al muro – ma non è particolarmente credibile. (Chesnoff sembra non crederci quando sostiene che in un ambiente sensazionalista, i ricchi e famosi sono i ricchi e famosi.) VERO Underdogs.) Jarecki ha mostrato le sue carte anni fa La sfortunaIl primo episodio, quando ha drammatizzato la storia del Dorset nel film del 2010 intitolato Tutta roba buona, in cui Ryan Gosling interpreta un erede di nome David Marks, che, implicitamente, uccide sua moglie, il suo migliore amico e vicino di casa, in circostanze parallele alla morte di Kathy Durst, Susan Berman e Maurice Black. Il direttore aveva già individuato il colpevole e non restava che arrestarlo. (La seconda parte Include filmati del film e della società di produzione di Jarecki chiamata Good Things.) Ogni parte di La sfortuna Cita un personaggio che ripete l'adagio secondo cui gli investigatori della omicidi “lavorano per Dio”. Jarecki sembra pensare di intraprendere una crociata simile.

READ  Rumor Roundup: Talent Exodus di AEW, Buddy Matthews Future, McIntyre & Cross e altro!

Considerando quanto spesso Robert Durst ha sfruttato la ricchezza della sua famiglia per restare al passo con la legge, c'è qualcosa di poetico nell'uso delle proprie risorse da parte di Jarecki: suo padre era un finanziere miliardario e i due erano co-fondatori di Moviefone, che è stato venduto per quasi $ 400 milioni nel 2016. 1999 – Per compensare il Dorset. Ma non tutti nel mirino hanno una squadra di avvocati ben pagati a cui rispondere. La seconda parteIl terzo episodio, “Salvare le mie lacrime finché non saranno ufficiali”, si concentra sul processo di Durst per l'omicidio di Susan Berman, una vecchia amica che ha contribuito a dimostrare il suo alibi al momento della scomparsa di sua moglie. Ma una conversazione registrata con l'autore Albert Goldman, che apparentemente registrava le sue telefonate per abitudine, solleva la questione di quanto Berman sapesse delle azioni di Durst. Mentre Jarecki costruisce un caso, non corre rischi nel farci ascoltare la registrazione per farci un'opinione. Continua a tagliare la riproduzione in modo che gli altri possano dirci cosa stiamo ascoltando, assicurandosi che arriviamo alla stessa conclusione della serie: che Berman era in qualche modo complice della sua morte. È scioccante sentire un regista che ha trascorso più di un decennio a spingere affinché Durst fosse assicurato alla giustizia, iniziare una sentenza per una delle sue vittime dicendo: “È una cosa terribile che qualcuno venga ucciso, ma…”

Nonostante tutto il tempo che Jarecki trascorre pensando ai propri successi, ci sono poche prove che suggeriscano che abbia passato qualcosa a pensare alle critiche all’originale. Jinx. I giornalisti che hanno studiato il resoconto della serie hanno scoperto che conteneva dettagli chiave errati, come suggerire che un Durst disperato avesse accettato un'intervista solo dopo essere stato arrestato dalla polizia, quando in realtà le interviste avevano avuto luogo. L'anno prima del suo arresto. I realizzatori hanno sollevato problemi nel raccontare storie interessanti nella serie, il che ha reso entrambi “Cattivo cinema E Cattiva stampa(L'enorme successo della serie ha portato anche alla nascita di un gran numero di… Una tradizione sporca e moralmente traballante (E ha contribuito a rendere i frenetici documenti sul vero crimine un pilastro del boom dello streaming.) L'unica lezione che Jarecki sembra aver imparato è che quello che ha fatto ha funzionato, quindi potrebbe farlo di nuovo.

READ  Giudizio di Jussie Smollett: aggiornamenti in tempo reale

Con l'obiettivo primario di mettere Durst dietro le sbarre già raggiunto, La sfortuna, seconda parte È più difficile dei primi sei episodi, e ora che non è più la storia di un eccentrico che potrebbe essere un assassino, ma piuttosto di un uomo che siamo convinti sia un serial killer, le deviazioni al lato divertente sembrano più come riempitivo. Jarecki potrebbe essere un angelo della giustizia, oppure potrebbe essere l'uomo che vuole davvero dirti la verità sulla liberazione di uno degli amici più cari di Robert Durst. Musica country a luci rosse Sotto il nome Chinga Chavin, ma è molto difficile fare entrambe le cose.

Considera innanzitutto quanto sei diligente Jinx Probabilmente sta distribuendo le sue sorprese, visto il modo in cui HBO sta organizzando gli ultimi due episodi La seconda parte Sotto chiave, hanno qualcosa di simile in serbo. Ma la serie non ha più l’elemento sorpresa dalla sua parte. Tuttavia, il Dorset rimase nascosto in bella vista per decenni La sfortuna Lo ha reso abbastanza conosciuto per esserlo parodia su Sabato sera in direttaE molto di questo La seconda parte Queste sorprese saranno familiari a coloro che hanno seguito l’ampia copertura del processo Durst. Dato che Durst è stato condannato per l’omicidio di Berman nel 2021 ed è morto all’inizio del 2022, cosa gli resta? La sfortuna Realizzare?

READ  Gli ascolti televisivi per gli Oscar 2024 hanno raggiunto i livelli più alti degli ultimi 4 anni

A causa di un incidente di cronometraggio come qualsiasi altra cosa, La sfortuna Viene spesso discusso a fianco serie, ma mentre il podcast di Sarah Koenig metteva in dubbio il funzionamento del sistema giudiziario, la serie di Jarecki funziona essenzialmente a fianco del sistema: a un certo punto, Jarecki e il suo team hanno dovuto essere avvertiti della ricezione di una lettera incriminante, una che Durst aveva scambiato per Beverly scritta in modo errato. Hills – direttamente alla polizia, temendo che sarebbero stati profilati come Agenti delle forze dell'ordine. I classici della forma del vero crimine sono quelli, come Errol Morris La sottile linea blu Joe Berlinger e Bruce Sinofsky Paradiso perduto Una trilogia che mette in discussione la fretta delle autorità di governare e spinge il pubblico a ripensare i propri rapporti con la narrativa ufficiale. La sfortuna Esiste per dimostrare che a volte le autorità hanno solo bisogno di una mano.